6 dicembre 2016

santa marinella film festival Intervista ad Ernesto Nicosia

  • Avv. Nicosia, come è nata l’idea del Santa Marinella Film Festival?
bassani-420x349
Giorgio Bassani

Gli Amministratori di Santa Marinella (quando era sindaco Franco Bordicchia  n.d.r.) nel tentativo di rinverdire le glorie della cittadina Tirernica, nell’ambito cinematografico, mi chiesero di organizzare qualche evento che potesse attrarre l’attenzione della stampa oltre che del pubblico, perché a Santa Marinella avevano soggiornato grandi scrittori e cineasti, tra queste personalità Giorgio Bassani soggiornò a lungo in questo luogo, scrivendo le pagine iniziali del Giardino dei Finzi Contini.

A quei tempi, insieme al mio amico Manuel De Sica, che non c’è più, pensammo di organizzare il restauro del filmIl Giardino dei Finzi Contini” (film del 1971, diretto da Vittorio De Sica n.d.r.) e di presentarlo al grande pubblico. Nell’occasione pensammo anche di realizzare una monografia da offrire al pubblico di Santa Marinella; all’interno della quale avremmo messo anche le colonne sonore del film che furono scelte per la candidatura all’Oscar di Manuel De Sica.

A 36244
Locandina del Film “Il Giardino dei Finzi Contini”

Partimmo con questa operazione e facemmo un numero zero del Festival di Santa Marinella, presentando “Il Giardino dei Finzi Contini” restaurato, tenete presente che a quell’epoca il restauro non veniva fatto in digitale, ma si utilizzava il metodo tradizionale sulla pellicola, ripulendola il negativo della pellicola poi ristampando la copia restaurata.

Poi come già avevo accennato prima realizzammo la monografia sul film e anche il press book che la Titanus aveva predisposto per la candidatura all’Oscar. Fu un evento eccezionale che risale ad 11 anni fa.

Il successo fu tale per cui le successive amministrazioni (con i Sindaci Tiddei e Bacheca n.d.r.) pensarono fosse opportuno riproporre la kermesse l’anno successivo. Fu così che di anno in anno abbiamo sempre presentato a Santa Marinella una pellicola, un libro, qualcosa che ricordasse il grande passato del cinema italiano e poi dei film ovviamente attuali, realizzati nell’immediato.

Il punto focale fu messo a fuoco quando decidemmo di concentrare l’attenzione del Santa Marinella Film Festival sulle opere prime e fra le opere prime quelle che avessero avuto meno successo; mi spiego meglio, le opere prime spesso e volentieri hanno una difficoltà di distribuzione poiché i registi e/o gli attori essendo volti nuovi per il pubblico non riscuotono la fiducia dei distributori che investono e che vogliono essere sicuri del ricavo, per cui capita che delle opere di grandissimo valore artistico e di grandissimo valore anche sociale, tra cui faccio l’esempio del film “Salvo”, “La prima notte della luna”, “Anime nere” (che ha avuto grandi successi anche con il David di Donatello) non vengano distribuite in vista di scarsi guadagni, ricordiamo che i distributori devono affittare le sale, fare la campagna promozionale e quant’altro, sono molto restii se non hanno la sicurezza di un ritorno commerciale.

Noi perciò concentriamo la nostra attenzione sul quelle opere prime che non hanno ancora avuto un’adeguata distribuzione in rapporto al loro valore, secondo i nostri parametri perché non possiamo che deciderlo noi.

Il Santa Marinella Film festival è ormai concentrato sulle opere prime di giovani autori italiani che hanno una distribuzione non al pari della loro opera.

  • Siamo arrivati all’edizione XI del Santa Marinella Film Festival, e come ogni anno è preceduta da alcuni incontri, quali saranno i temi degli incontri di quest’anno?
!cid_part1_01040609_01060707@santamarinellafilmfestival
Aspettando il Santa Marinella Film Festival

Noi abbiamo molti amici cinefili a Santa Marinella con i quali siamo in rapporto tutto l’anno quando si avvicina il festival, per privilegiare le opere prime e non sottrarre spazio ai giovani, noi dobbiamo rinunciare a presentare e/o ricordare i grandi del nostro passato; abbiamo quindi pensato di anticipare questi ricordi, queste celebrazioni affettuose, incontrandoci precedentemente al festival, in modo da lasciare tutto lo spazio possibile ai giovani cineasti, per cui in questa edizione faremo tre incontri.

Il primo incontro sarà su Mario Monicelli, che ovviamente è stato un grande maestro e un grande alunno perché lui è stato discepolo di Mario Camerini, e ne ha sempre avuto un grato ricordo, manifestando sempre una grande e affettuosa gratitudine per quello che Camerini gli aveva insegnato. Noi ricorderemo Monicelli con un documentario fatto da Vito Zagarrio che oltre ad essere professore presso la Terza università è anche il regista del film “Tre giorni di Anarchia”, con Enrico Lo Verso; pellicola che noi presentammo in una delle prime edizioni del festival.

Durante il secondo incontro verrà presentato un documentario su Luciano Emmer, che i giovani poco ricordano, perché sono magari travolti dalla quotidianità; Emmer è stato un grande regista, un bravissimo professionista, molto sensibile al film d’arte, documentari di luoghi  più belli e più preziosi d’Italia, ha poi anche realizzato diversi film, tra cui “Una domenica d’Agosto” che tutti ricordano.

La terza serata sarà dedicata ad Osvaldo ed Eva Desideri, che hanno curato le scenografie e gli effetti di film importantissimi diretti da registi che vanno da Bertolucci a Fellini. Sono grandissimi professionisti della scenografia, vincitori di Oscar e che si raccontano con un tono affettuoso, simpatico, sciolto, senza prosopopee e senza atteggiamenti divistici.

  • Quando aprirà i battenti il festival vero e proprio e quale sarà la location?

Il festival vero e proprio dovrebbe aprire i battenti il 26 luglio p.v. sperando che per quella data il Comune abbia deliberato un’istanza per un contributo, perché noi facciamo tutto gratuitamente, ci sono però delle spese, perchè le persone che lavorano è giusto che vengano pagate.

Allora abbiamo chiesto contributi al Ministero, alla Regione, alla Fondazione Cassa di Risparmio e al Comune di Santa Marinella. Il Comune dovrebbe deliberare i primi giorni di luglio, idem il Ministero e la Regione, siamo in attesa, perché ovviamente noi dipendiamo dalla loro munificenza. Sappiamo bene che c’è una situazione di ristrettezza, una situazione economica e finanziaria difficile, speriamo che deliberino in tempo in maniera che noi possiamo decidere sulla location, in quanto tutto è condizionato dalla disponibilità di denaro che possiamo.

  • Se le persone vogliono aggiornarsi per quanto riguarda il programma del festival, le date e le location come possono raggiungervi?

Tutti gli interessati possono aggiornarsi tramite i mezzi stampa che noi terremo costantemente aggiornati riguardo agli sviluppi del Festival e sul programma, possono inoltre collegarsi direttamente al sito www.santamarinellafilmfestival.it

Samantha Lombardi

 

About Samantha Lombardi 4017 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it