3 dicembre 2016

Ascolto psicologico e consulenza legale. Napoli, inaugurato lo sportello d’ascolto antiviolenza sul territorio Vomero-Arenella

Grande partecipazione alla giornata di inaugurazione dello sportello d’ascolto per le donne vittime di violenza, tenutasi lo scorso 13 giugno a Napoli. L’iniziativa promossa da una gruppo di professioniste volontarie è un progetto fortemente voluto dalla ONLUS Consultorio Familiare SMC, una struttura che da anni opera nella Municipalità Vomero-Arenella e che  gratuitamente offre consulenza psicologica a supporto di coppie, famiglie e individui napoletani. Il progetto, facente capo alla Presidente d.ssa Adelaide Mazzocchi e alla Vicepresidente d.ssa Sabina Garofalo, psicologhe psicoterapeute, affronta il fenomeno delle violenze fisiche o sessuali che, anche se negli ultimi 5 anni (dati Istat) sono diminuite dal 13,3% all’11,3%, rappresenta una emergenza sociale. Tale diminuzione è frutto di una maggiore informazione, del lavoro svolto sul campo, ma soprattutto di una migliore capacità delle donne di prevenire e combattere il fenomeno e di un clima sociale di maggiore condanna della violenza. Ma le cifre di questa tragedia sono ancora spaventose. Sono 6 milioni e 788 mila (dati Istat 2014) le donne che hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni: il 20,2% ha subìto violenza fisica, il 21% violenza sessuale, il 5,4% forme più gravi di violenza sessuale come stupri e tentati stupri. Alla giornata inaugurale hanno portato il loro contributo tutti relatori impegnati ad offrire il proprio contributo con la propria professionalità alla diffusione del vivere civile e alla tutela dei valori fondamentali dell’uomo. I lavori hanno avuto inizio con la proiezione del cortometraggio ‘Le mani di noi tutte’ di Antonella Padulano artista poliedrica che con questo corto è alla sua prima prova di regia. Gli effetti psicologici sulle vittime sono molteplici: 45% soffre di attacchi di panico; 46% disturbi del sonno e dell’alimentazione; 40% depressione, inoltre nel 2014 è aumentata l’importanza del ruolo delle figure professionali specifiche (avvocati, magistrati), parallelamente all’aumento delle denunce. Per tale motivo riconoscere la necessità di una struttura adeguata e di specifiche competenze professionali è stato il primo passo per dare vita allo Sportello Anti Violenza, che beneficerà dell’attività specialistica della dottoressa Simona Di Matola, psicologa-picoterapeuta e della dottoressa Rosanna Armone, avvocato civilista, di grande valore umano e professionale, entrambe consulenti da anni dei centri antiviolenza.

Il servizio attivo il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 17 alle 19 presso la sede della Onlus (via M. Semmola 16 – Segreteria: 081.5461952) prevede accoglienza iniziale, orientamento e in un’ottica di lavoro di rete, messa a disposizione dei contatti con le strutture territoriali preposte ad intervenire. Inoltre, si svilupperà parallelamente un osservatorio dedicato alla raccolta dati sul fenomeno per realizzare progetti di prevenzione dello stesso in ambiti scolastici ed istituzionali.

Delle diverse realtà, che si spendono ed interagiscono sinergicamente per contrastare il fenomeno, sono stati invitati ad intervenire: Dr. Antonio Sannino Presidente Consulta Pari Opportunità, Avv. Stella Arena Presidente Associazione Garibaldi 101 e Annibale Falco Segretario Generale Provinciale del Sindacato Italiano Appartenenti Polizia. Inoltre hanno esposto le loro opere Loretta Bartoli, Stefania Colizzi, Davide Esposito, Serena Lobosco e Antonella Padulano, mentre l’attrice Marianna Matacena ha interpretato un monologo tratto dagli scritti di Annibale Ruccello.