6 dicembre 2016

Monte di Venere, la chirurgia estetica arriva anche li

Il monte di Venere, che fino a qualche tempo fa era considerata una parte del corpo talmente intima da non avere neanche un ruolo estetico, da alcuni anni ha assunto un ruolo importante per l’estetica femminile e per la sessualità della coppia. Per questo, sono sempre più numerose le donne che desiderano modellare il monte di Venere attraverso una liposcultura del pube, che ha lo scopo di modificare l’aspetto (e talvolta anche la funzionalità) dell’area genitale femminile.

Innanzi tutto, è bene precisare che si tratta di una operazione a tutti gli effetti e pertanto è necessario tenere questo aspetto in debita considerazione prima di decidere di sottoporsi all’intervento. Ma vediamo nel dettaglio a chi è consigliato e come funziona la liposcultura del monte di Venere.
A ricorrere a questa operazione sono soprattutto pazienti che presentano in quell’area del corpo un eccesso di tessuto adiposo o una mancanza di adipe tale da rendere atrofica l’intera area intima, un fenomeno piuttosto diffuso dopo la menopausa. Per eliminare o limitare questo inestetismo, la liposcultura del pube utilizza le tecniche di liposuzione e di lipofilling, sia separatamente che in modo congiunto. In breve, con una piccola incisione effettuata da un chirurgo esperto è possibile aspirare in modo efficace il tessuto di grasso in eccesso.

Qualora invece, al posto del tessuto adiposo, il problema sia rappresentato da un “ossuto”, il chirurgo plastico tenderà ad armonizzare le forme, inserendo del tessuto asportato in precedenza da altre parti del corpo della paziente stessa.
In ogni caso, il primo passo importante da compiere, dopo aver deciso di intervenire sulla figura del monte di Venere, è rivolgersi ad uno specialista competente che dovrà necessariamente accertarsi del vostro reale quadro clinico, con specifiche analisi, monitoraggi ed esami, prima di potervi consigliare di effettuare o meno questa operazione.

Infatti, il chirurgo estetico darà il suo via libera solo dopo aver appurato la vostra condizione fisica ottimale. In caso contrario, dovrà dare necessariamente un parere negativo.