9 dicembre 2016

Cerveteri – Regolare la gara d’appalto per la realizzazione della pista ciclabile

Il Consiglio di Stato da ragione al Comune di Cerveteri. La gara d’appalto per la realizzazione della pista ciclabile e della rotonda in Viale Campo di Mare era regolare.
Si conclude a favore dell’Amministrazione comunale una triste vicenda tutta italiana. Il Vicesindaco Zito: “Ditte poco serie e giustizia a rallentatore danneggiano Comuni e Cittadini. A Settembre pronti con i cantieri”

“Un’ottima notizia per il Comune di Cerveteri che mette fine a una triste storia, tutta italiana”. Con queste parole, il Vicesindaco e Assessore alle Opere Pubbliche Giuseppe Zito, commenta la sentenza del Consiglio di Stato che di fatto boccia il ricorso presentato dalla SICES srl in merito alla gara d’appalto per due importanti opere pubbliche nel territorio di Marina di Cerveteri e che la aveva vista arrivare seconda in graduatoria.
“Ma facciamo un po’ di ordine – spiega il Vicesindaco Zito – ricorderete tutti che il 29 ottobre scorso annunciammo alla stampa e alla Cittadinanza che era stata aggiudicata la gara d’appalto per la realizzazione di due importanti interventi a Cerenova: la realizzazione della prima rete di Piste Ciclabili del Comune di Cerveteri e la sostituzione del semaforo in Viale Campo di Mare con una rotatoria. Opere pubbliche per 490.000 euro finanziate interamente con fondi Comunali”.
“Nei giorni successivi l’aggiudicazione definitiva della gara – prosegue Giuseppe Zito – la SICES slr, classificatasi seconda nella graduatoria stilata in esito alla gara, ritenendo che la ditta aggiudicataria (ALPHA TAU) non fosse meritevole di aggiudicazione, aveva chiesto al Comune il ritiro in autotutela dell’atto di affidamento. Istanza che il nostro Comune ha rigettato il 27 Novembre 2014. Il giorno seguente, la stessa SICES srl, ha presentato ricorso al TAR, chiedendo l’aggiudicazione in suo favore della ‘commessa oggetto di affidamento’. Tale ricorso ci ha di fatto impedito di procedere alla sottoscrizione del contratto e alla conseguente consegna del cantiere alla ditta vincitrice della gara”.
“Ma non è finita qui – dichiara Zito – nonostante la competente Sezione del Tribunale Amministrativo del Lazio abbia respinto l’istanza della SICES srl, questa si è rivolta al Consiglio di Stato per ottenere la definizione della questione ‘nel merito prima della stipulazione del contratto’. A seguito della produzione di ulteriori scritti difensivi sia da parte del Comune che dalla ditta, il ricorso è stato trattenuto in decisione all’udienza pubblica del 27 maggio 2015. Il 16 Giugno scorso, finalmente, si è scritta la parola fine in questa storia, con la sentenza con cui viene definitivamente respinto il ricorso della SICES e che ci mette nelle condizioni di poter stipulare il contratto e avviare il cantiere”.
“Al termine di questa lunga vicenda – conclude Giuseppe Zito – non posso fare altro che fare i miei complimenti all’Ufficio Ripartizione e Opere Pubbliche del Comune di Cerveteri, e di constatare, purtroppo, la poca serietà di alcune imprese e la lentezza della giustizia, spesso non allineata con le esigenze della città. Infatti avviare un cantiere così delicato, che comprometterebbe la circolazione di un’importante porzione di Cerenova e in particolare di Viale Campo di Mare, durante la stagione balneare provocherebbe un disagio non sopportabile. Quindi oltre il danno anche la beffa di dover rinviare di nuovo l’inizio del cantiere, la cui gara di appalto è conclusa da ben 9 mesi, al prossimo settembre”.

About Giovanni Soldato 2969 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.