3 dicembre 2016

Coppa Teodori: gara 1 a Faggioli

La 54^ edizione della Coppa Paolino Teodori sta mantenendo le premesse, con il vivace confronto sportivo e gli oltre 180 piloti che non si sono risparmiati per ottenere una prestazione di rilievo. Simone Faggioli, e non poteva essere altrimenti, con la sua Norma a motore Zytek 3000 ha limato il suo record della passata edizione scendendo di oltre due secondi fino a 2’11”765. Lo ha impensierito il trentino Christian Merli (Osella-RPE) che gli è giunto alle spalle a poco meno di un secondo e mezzo, battendo a sua volta il record 2014. Al terzo posto l’orvietano Michele Fattorini con l’Osella-Honda, ma è mancato alla sfida il cosentino Domenico Scola, che avrebbe potuto lottare per il podio, ma è rimasto con il motore ammutolito al via per noie di elettronica. Bellissima prestazione dello svizzero Tiziano Riva, quarto crono con una Reynard di F.3000 e migliore degli stranieri al via. La gara, oltre ad essere valida per il CIVM (Italiano Montagna) è valida anche per l’International Hill Climb Cup ed il Trofeo Italiano della Montagna. Il confronto stellare nella categoria E1/E2S ha visto prevalere lo svizzero Bratschi (Mitsubishi Lancer) su Gramenzi (Alfa 155) e Giuliani (Lancia Delta Evo). Successi di gruppo per Achille Lombardi (gruppo CN), Roberto Ragazzi (GT), “O’Play” (N), Salvatore D’Amico (A), Roberto Chiavaroli (Racing Start Plus) e Nicola Novaglio (Racing Start). Migliore dei marchigiani è stato l’ascolano Andrea Vellei (Gloria-Kawasaki), 15° assoluto. Dopo la discesa dei concorrenti dal parco chiuso a San Giacomo scatterà gara2.

Gara1: 1° Faggioli (Norma M20FC-Zytek) in 2’09”552 alla media di; 2° Merli (Osella Fa30-RPE) 2’11”015; 3° Fattorini (Osella Pa2000 Evo-Honda) 2’13”424; 4° Riva (Reynard 92D-Cosworth) 2’19”141; 5° Castiglione (Tatuus Formula Master) 2’21”156; 6° Macario (Osella Fa30-Zytek) 2’21”799; 7° Janik (Norma M20FC) 2’21”932; 8° Lombardi (Osella Pa21S Evo-Honda) 2’22”819; 9° Cinelli (Lola T99/50 Evo Judd) 2’23”910; 10° Corona (Osella Pa21S-Honda) 2’24”894.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.