4 dicembre 2016

Carteinregola, “No a Roma 2024: rimettiamo al centro la vita e i bisogni delle persone, non quelli degli affari”

Giovedì 25 giugno, in Aula Capitolina si voterà la “Mozione sulla candidatura dì Roma ai XXXIII Giochi Olimpici e ai XVII Giochi Paralimpici del 2024″. Una candidatura fortemente voluta dal Presidente Renzi e sostenuta da un vasto fronte bipartisan: d’altra parte ci hanno già provato in tanti in passato, l’ultimo è stato l’ex Sindaco Gianni Alemanno, poi sonoramente bocciato dall’allora Presidente Monti per motivi che oggi sarebbero ancora più decisivi. Continuiamo a rilanciare il nostro accorato appello, con una premessa: non accetteremo nessuna strumentalizzazione della nostra battaglia per attaccare la Giunta Marino.
Il Sindaco Marino usa spesso metafore legate alla sua professione: ancora pochi giorni fa, rispondendo alle dichiarazioni critiche nei suoi confronti del Presidente del Consiglio Renzi, aveva rivendicato il diritto di vedere giudicato il suo operato “alla fine, quando il paziente, dopo la rianimazione, abbraccia i familiari, esce dall’ospedale e torna a casa“. Ma questo discorso vale ancora di più rispetto ad impegni futuri che dovrebbe prendersi la città: nessun malato di tumore (il paragone, per quanto pesante, ci sembra calzante) si iscriverebbe alla Maratona di New York, anche se si corre dopo tre anni.

Un buon amministratore dovrebbe accantonare l’ipotesi di organizzare qualsiasi “grande evento” prima che Roma sia diventata una “città normale”. E ci auguriamo che a in un momento così difficile a nessuno venga la tentazione di ricorrere al solito “panem et circenses” per far dimenticare ai romani le brutte storie di Mafia Capitale con la sempiterna catarsi sportiva: l’immagine del nostro Paese e della nostra città sono una cosa seria, non è con lustrini e parate che possiamo cancellare davanti al resto del mondo la melma in cui, oggi lo sappiamo tutti, la Capitale è affondata da tempo. Sarebbe invece una dimostrazione di grande responsabilità, e anche di senso dell’onore, ammettere le difficoltà che stiamo attraversando e preoccuparci della salute della città.

CI POSSIAMO PERMETTERE I COSTI DELLE OLIMPIADI?

CHI CI GARANTISCE CHE NON SARA’ IL SOLITO SPRECO CHE HA LASCIATO SUL CAMPO UNA SCIA DI RELITTI, SOPRATTUTTO A ROMA?

QUALI SONO LE PRIORITA’ PER ROMA?

In un momento come questo pensiamo che non spetti al Presidente Renzi stabilire quali sono le priorità per i cittadini romani, e che il Sindaco Marino e i Consiglieri dell’Assemblea Capitolina non possano decidere senza aprire un dibattito con la città. In altri Paesi, sulla scelta olimpica, le istituzioni hanno avuto il coraggio di ascoltare i cittadini. Un sondaggio on line di Repubblica del dicembre scorso, seppure non “scientifico”, ha visto la schiacciante maggioranza contraria con la motivazione “l’Italia non e’ in grado di gestire Grandi Opere, troppo alto il tasso di corruzione”.

Lo diciamo ancora una volta: possiamo pensare di ricostruire la città con un minimo di ottimismo solo se i segnali di un vero cambiamento diventeranno evidenti e inequivocabili: nella scelta degli obiettivi, delle strategie e delle persone che devono perseguirli. E se le scelte vengono fatte nella totale trasparenza. E se per uscire dal guado si coinvolge la parte migliore della città. Ma soprattutto, se di fronte a un bivio come questo, si imbocca, per una volta, la strada che mette al centro la vita e i bisogni delle persone, e non quella che finisce sempre dritta sugli affari.

About Ruggero Terlizzi 2865 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it