2 dicembre 2016

Il 27 e 28 giugno il 6° Motoraduno “I Vesuviani” – 3° di Eccellenza Fmi

6° MOTORADUNO “I VESUVIANI” – 3° DI ECCELLENZA – 27 E 28 GIUGNO 2015
6^ TAPPA DEL CAMPIONATO ITALIANO TURISMO ITINERANTE 2015 – 6^ TAPPA DEL TROFEO TURISMO SUD 2015 – 5^ TAPPA DEL TROFEO MOTOTURISTICO REGIONALE – TROFEO 5 PIAZZE D’EPOCA (GIMKANA) – Piazza Elena D’Aosta, San Giuseppe Ves. (NA)

PROGRAMMA
SABATO 27/06/2015
Ore 08:30 – INAUGURAZIONE MANIFESTAZIONE – Inaugurazione evento da parte di un rappresentante del Comune di San Giuseppe Vesuviano.
Ore 09:00 – APERTURA UFFICIALE ISCRIZIONI F.M.I. CON BUONO COLAZIONE E GADGET – Accreditamento partecipanti – Sistemazione logistica delle moto in apposite aree di sosta – Consegna gadget, materiale turistico e road map – Servizio guardaroba per giubbotti e caschi – Colazione con caffè e cornetto offerti dal Motoclub.
Ore 10:00 – BUFFET OFFERTO DAL BAR LA MAGNOLIA2.
Ore 10:30 – PARTENZA GIRO MOTOTURISTICO ITINERANTE IN TRE TAPPE CON PRANZO A SACCO OFFERTI “Vedi Napoli e poi muori . . . . . . . dalla voglia di ritornarci 2^ puntata” (prenotazione obbligatoria almeno tre giorni prima).
I^ TAPPA: “Al di sotto di Napoli” (circa 31 Km) – ore 11:00 arrivo nei pressi di Piazza Plebiscito e parcheggio in Largo San Carlo, poco distante dall’accesso al Tunnel Borbonico, sistemazione moto custodite da personale dell’organizzazione, ed inizio visita guidata al Tunnel Borbonico.
(Breve storia del Tunnel Borbonico) – Il 19 febbraio del 1853 Ferdinando II di Borbone firmava un decreto con il quale incaricava l’arch. Errico Alvino – già commissario straordinario per Via Chiaia e S. Ferdinando – di progettare un viadotto sotterraneo che, passando sotto Monte Echia, congiungesse il Palazzo Reale con piazza Vittoria, prossima al mare e alle caserme.
Tale decreto non aveva affatto un carattere sociale; contemplava, infatti, la realizzazione di un percorso militare rapido, in difesa della Reggia, per le truppe acquartierate nella caserma di via Pace (attuale via Domenico Morelli), nonché una sicura via di fuga per gli stessi monarchi, visti i rischi che avevano corso durante i moti del 1848.
L’architetto progettò uno scavo con sezione trapezoidale, muri d’imposta a scarpa, larghezza e altezza di 12 metri, suddivisa in due gallerie per gli opposti sensi di marcia. Tali gallerie dovevano essere ampie, ciascuna 4 metri e separate da un sottile parapetto sostenente i lampioni per l’illuminazione a gas e dotate infine di marciapiedi laterali larghi 2 metri. La galleria diretta a Chiaia doveva avere il nome di “Galleria Reale” o “Strada Regia”, mentre la galleria in senso contrario doveva chiamarsi “Strada Regina”; entrambe sarebbero partite presso la vecchia caserma di cavalleria nella ex via Pace, ma una avrebbe raggiunto il Largo Carolina dietro il colonnato di Piazza Plebiscito e l’altra Via Santa Lucia.
I lavori per l’apertura della traccia vennero avviati nell’Aprile del 1853; si attaccò la montagna nell’odierna via Domenico Morelli (ex via Pace) dallo slargo che coincideva con un precedente piazzale di cava dove si trova l’attuale accesso alla galleria. Non venne fatto nessun tentativo di scavo partendo dalla direzione opposta.
Da esso partivano due gallerie, una carrabile e l’altra pedonale, che procedevano parallele per 84 m, per finire all%9.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5914 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.