9 dicembre 2016

Roma – Mafia Capitale, campo nomadi La Barbuta quando l’emergenza diventa un affare

Nel 2014 è stato presentato un progetto che prevedeva la concessione in uso della suddetta area al colosso francese Leroy Merlin per la realizzazione dell’ennesimo centro commerciale e, in cambio, la Leroy Merlin avrebbe provveduto a realizzare, a proprie spese, un nuovo campo nomadi a poca distanza dal precedente”. Nello specifico il riferimento è al campo nomadi in località “La Barbuta” realizzato con soldi pubblici circa due anni fa su un terreno che fu donato al Comune di Roma nel 1993 da Enrico Nicoletti, meglio noto come il “cassiere” della Banda della Magliana”.

Il gruppo consiliare del movimento 5 stelle si è già occupato dell’argomento, presentando due interrogazioni municipali ed inviando una nota all’assessore Caudo che finora, non hanno avuto risposta.

A quanto pare il clamore suscitato dall’inchiesta “Mafia Capitale” ha già prodotto effetti su alcuni redditizi progetti “umanitari” di Roma Capitale e della cricca affaristico/mafiosa ad essa contigua. A completare il progetto apparentemente umanitario e, teoricamente, a costo zero per le casse comunali, vi era anche la previsione di affidare la gestione del campo alla cooperativa Capodarco, al costo di circa 600.000,00 euro l’anno, sempre a carico della Leroy Marlin. Improvvisamente, però, si è fermato tutto, come mai?”

Forse perché come denunciato dal presidente dell’associazione “21 luglio” Carlo Stasolla tra le 35 organizzazioni operanti nei villaggi nomadi di Roma che appartengono alla galassia della sinistra e del mondo cattolico, c’è anche quella riconducibile a Salvatore Buzzi: l’uomo, legato al Pd, è a capo di una cooperativa rossa, “29 giugno”, che si occupa dei rom ed è asservita al boss Massimo Carminati.

Buzzi è stato arrestato nell’inchiesta sulla “Mafia capitale”. Il campo rom La Barbuta compare nell’ordinanza di arresto: Il presidente della 21 luglio chiede di indagare a fondo su La Barbuta, un insediamento che ha rappresentato l’affare più grosso, costruito durante lo stato d’emergenza dei campi a Roma con una spesa stimata di circa 10 milioni.

“Come se ciò non bastasse, il presidente della cooperativa Capodarco, incaricata della redditizia gestione del campo nomadi è un certo Augusto Battaglia, genitore di Erica Battaglia, consigliera capitolina del PD che, lo scorso 27 gennaio, in una seduta congiunta delle Commissioni Politiche Sociali, Lavori Pubblici, Urbanistica, da lei presieduta, aveva mostrato un certo interesse verso la proposta, illustrandola ai presenti, spiegandone la ratio. Su questo, crediamo sia opportuno che la consigliera del Pd pensi alle proprie dimissioni.

Il resto è cronaca (giudiziaria) di questi giorni, l’inchiesta “Mafia Capitale” e, di conseguenza, l’immediato dietrofront su tutta la questione che, ovviamente, è stata solo accantonata in attesa che le acque si quietino dopodiché, così come era sparito improvvisamente, il progetto, altrettanto improvvisamente riapparirà, in nome della logica “umanitaria” e del business” e a danno delle tasche dei contribuenti.”