10 dicembre 2016

Più serie e passaggio all’HD, Infinity accoglie così la competitor Netflix

Netflix: la nuova era della tv on demand anche in Italia

Celebre in tutto il mondo come il servizio visione in streaming on demand più efficiente, Netflix arriverà finalmente anche in Italia, a partire da ottobre 2015. Nonostante manchino diversi mesi, i vertici del broadcaster californiano lasciano trapelare informazioni circa il costo da sostenere per usufruire del servizio: esso sarà di 7,99 euro mensili, ossia la stessa somma che ogni americano paga negli States per Netflix.
In Italia, questo tipo di servizio è un’innovazione vera e propria e ha dato il via ad un nuovo ramo nel mercato della telediffusione, il quale ha messo in allerta e in subbuglio i vari competitor creando una sorta di corsa all’offerta per non lasciarsi soppiantare da Netflix.
I vari player del settore sono, dunque, i protagonisti di una competizione fatta di proposte e controproposte per accaparrarsi il primato della tv via Internet su territorio italiano. Fra questi vi sono Apple, Google Play, Chili, Skyonline e Infinity, dove quest’ultimo sembra avere la meglio sugli altri.

Infinity parte all’attacco!

Infinity, il famoso pacchetto di film streaming a pagamento offerto dal gruppo Mediaset, lo scorso 11 giugno al Samsung District di Milano ha reso nota gran parte della programmazione televisiva di questa estate, presentando anche l’esordio della nuova stagione di uno dei telefilm di maggior successo:
si tratta di Orange Is The New Black, il quale verrà mandato in onda contemporaneamente alla trasmissione negli USA.
Tra le nuove proposte di serie TV presentate ci sarà anche la messa in onda della prima e della seconda stagione di Deadbeat, che a partire dal 25 giugno darà ai telespettatori la possibilità di immergersi nella vita di Kevin Pacalioglu, uno scansafatiche che cerca di vivere alla giornata, racimolando qualcosa con l’attività di medium. Il protagonista, infatti, sin dall’infanzia possiede il potere di entrare in contatto visivo con le anime delle persone decedute e di parlare con loro, fungendo da tramite per i parenti terreni dietro remunerazione e suscitando astio ed avversione da parte di Camomile White, un’altra veggente che gli metterà i bastoni fra le ruote.

Nuove proposte nel palinsesto

Un’altra new entry del palinsesto di Infinity è Chasing Life dedicata ai teenagers, che nel 2014 in Messico col titolo di Terminales ha guadagnato tre nomination per i “Teen Choice Awards”. La storia è incentrata sul personaggio di April, una ventenne che sogna di diventare giornalista, partendo dalla redazione di un giornale di Boston. Inizialmente, tutto sembra progredire in maniera impeccabile, riuscendo a destreggiarsi tra gli scoop giornalistici che riesce ad accaparrarsi e la love story con un suo collega. Ma un colpo di scena interromperà la sua vita idilliaca, portando scompigli ed ostacoli.
Invece, per ciò che concerne il genere thriller, la fiction su cui Infinity scommette è 100 Code, in onda a partire dal 30 giugno per un totale di 12 episodi, ambientata nella metropoli di New York e nella capitale europea di Stoccolma. Dopo il ritrovamento dei cadaveri di due ragazze, Tommy Conley, detective newyorkese, viene mandato in Svezia per svolgere le indagini. A metà strada fra The Bridge e Black Rain, questa serie tv sembra riscuotere grandi consensi dal pubblico, tanto da essere una delle più seguite in America.

Innovazioni tecnologiche di Infinity

Le novità non riguardano solo la programmazione dei palinsesti, ma anche funzioni aggiuntive che agevoleranno il telespettatore nella fruizione del servizio. Fra le news, Infinity introduce il multi-link screen, che permetterà di seguire contemporaneamente più programmi sullo stesso schermo, o il download&go, grazie al quale si potrà scaricare un film o un’intera serie per guardarla successivamente in modalità offline. Il tutto sarà disponibilie si in HD sia in Full HD e sarà in grado di supportare oltre 500 tipologie diverse di device.
Inoltre, Infinity gioca d’anticipo anche sul prezzo mensile di 6,99 euro, che pur essendo di poco più basso di quello proposto dal broadcast californiano Netflix, include un’offerta più ricca e completa, aggiungendo anche l’opzione che permette di scaricare singolarmente i prodotti, anche senza sottoscrivere un abbonamento. Ma la carta vincente di Infinity potrebbe essere proprio la succitata introduzione della funzione di visione offline, che invece non è supportata da Netflix.

La sfida è aperta

Nonostante ciò, la nuova smart TV di Netflix vanta un’interfaccia utente molto più strutturata ed intuitiva da usare, a cui si aggiunge un’ampia gamma di programmi originali, in lingua madre con sottotitoli o con doppiaggio italiano, i quali rendono esclusivo il catalogo a disposizione del telespettatore. Chi la spunterà tra i due?

Monica F.