3 dicembre 2016

Moda, il futuro è negli shop online

shoppingL’ecommerce continua a crescere in tutti i settori, ma è in particolare la moda che fa registrare balzi in avanti, convincendo anche le grandi firme a investire nei negozi online.

È servito forse qualche anno in più rispetto alle previsioni, ma sembra che ora ci siamo per davvero: è l’epoca d’oro dell’ecommerce, grazie anche allo sviluppo e alla diffusione di smartphone e applicazioni mobili appositamente ideate. E uno dei settori in cui questa spinta sta diventando più forte è senza dubbio la moda, dove anche le grandi griffe del lusso stanno investendo per sfruttare il mercato digitale. Chanel ad esempio ha recentemente lanciato il proprio e-shop e Fendi ha annunciato che lancerà una piattaforma di e-commerce, e numerosi sono i brand che consentono l’acquisto diretto; a dominare la scena sono però ancora i piccoli marchi, che propongono un’offerta più ampia e differenziata, in grado di offrire ai consumatori un’esperienza più utile e pratica.

I dati. Facciamo una piccola digressione e guardiamo alle statistiche che riguardano l’ecommerce in Italia: nel 2014 il mercato nostrano ha fatto registrare un aumento di vendite di 2 miliardi di euro, raggiungendo un fatturato di 13,3 miliardi, sono 16 milioni gli italiani che negli ultimi 12 mesi hanno fatto acquisti online, e le previsioni per la fine di quest’anno confermano il trend positivo. Inoltre, le proiezioni sul lungo periodo indicano che le vendite online raggiungeranno entro il 2020 il 40% del giro d’affari totale per quanto riguarda i settori dell’abbigliamento e delle calzature. Inoltre, gli esperti sottolineano come uno store multimarca continui a rappresentare un valore aggiunto per gli utenti.

Le basi dell’ecommerce. Tutti ormai siamo collegati costantemente alla rete, e dunque una piattaforma di shop online, specialmente nel campo della moda, non può trascurare le applicazioni sociali né i sistemi e i contenuti che gli acquirenti tendono a cercare prima di effettuare un acquisto: per questo è fondamentale l’integrazione di strumenti come Instagram, blog di moda e di lifestyle e applicazioni innovative. Stando alle ricerche, l’abbigliamento appare come il settore che vanta il maggior tasso di vendite via smartphone, pari a circa il 13% delle transazioni totali (che nel 2014 hanno toccato i 220 milioni di euro), mentre lo studio sul profilo degli acquirenti di abbigliamento online rivela che la maggioranza è composta da donne tra 25 e 49 anni.

Dove comprare? Torniamo ora al cuore del nostro articolo, e cioè alla possibilità di acquistare online. Detto dei negozi monomarca e dei brand di lusso, quali sono invece le alternative? A dominare la scena sono siti generalisti come Amazon ed Ebay, che ovviamente possono contare su un traffico quasi mostruoso perché propongono di tutto, dalla tecnologia ai libri. Più specifici sono brand come Asos, che accanto prodotti delle grandi marche offre una propria linea di abbigliamento; Zalando, regno delle calzature (pubblicizzato molto anche in tv) e leader europeo del commercio online, con oltre tremila pacchi spediti al giorno; il bolognese Yoox, che recentemente si è fuso con l’inglese Net à porter dando via a un polo internazionale dell’ecommerce, con un giro d’affari complessivo stimato in quasi 1,5 miliardi di euro; Susi Store, che presenta anche delle vantaggiose offerte di sconto sulla merce in catalogo.

I vantaggi dell’online. Certo, i negozi e le boutique tradizionali non sono sul punto di chiudere, ma è innegabile che acquistare virtualmente presenta molti punti vantaggiosi. Ne citiamo solo cinque, per sintesi e brevità: innanzitutto, prezzi mediamente più bassi e durante tutto l’anno (senza quindi dover necessariamente attendere la partenza dei saldi per acquistare il capo che tanto ci piace, rischiando magari di non trovare più la misura giusta!); poi, varietà di scelta (così da poter individuare la giusta taglia e nel colore che preferiamo), semplicità di acquisto (non bisogna rispettare gli orari di apertura) e di consegna (niente borse o pacchi da trascinarsi in giro per la città, bisogna solo attendere la posta), discrezione (nessuno che sbircia mentre decidiamo il pezzo per noi). È il futuro, bellezza.