7 dicembre 2016

La MotoGP™ alle porte della “Cattedrale”

I protagonisti della classe regina hanno inaugurato il TT Motul Assen 2015.

Eccezionalmente di mercoledì, come da tradizione olandese, la conferenza stampa ha inaugurato ufficialmente l’ottavo appuntamento del Campionato del Mondo MotoGP™ 2015, di scena da domani a sabato sullo storico TT di Assen.

Il primo a rispondere alle domande dei media è il leader del Mondiale Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP). Il Dottore ha già trionfato qui in ben 8 occasioni, ma adesso deve guardarsi dal ritorno del suo compagno di squadra, che lo incalza a 1 solo punto di distanza in classifica:

“Assen è una pista speciale e la più antica del calendario. Ho avuto la possibilità di correre anche sul vecchio tracciato, prima delle modifiche del 2006. Ma è sempre molto veloce, ci sono tanti punti interessanti in cui si può fare la differenza. Inoltre il meteo è una variabile che può influire e rimescolare le carte. Ho dei bei ricordi, ho ottenuto delle belle vittorie qui.

Lorenzo è in un momento di forma incredibile, anche troppo: viene da quattro vittorie di fila ed è sempre stato in testa dal primo giro all’ultimo giro. Devo cercare di rimanere concentrato e arrivargli davanti. In qualifica Jorge è andato sempre meglio di me; inoltre, le Suzuki e le Ducati hanno a disposizione le gomme extra soft. E Partire sempre dalla terza fila è sempre abbastanza difficile.

Ma ogni weekend e ogni tracciato hanno una storia a sè. Faremo il possibile sin da domani mattina. Abbiamo provato il nuovo telaio, anche se sarebbe stato meglio avere una comparativa su due piste distinte, ma la pioggia lunedì a Barcellona non ce l’ha permesso. Siamo ugualmente soddisfatti dei risultati di Aragon”

Continua il momento magico di Jorge Lorenzo, mai stato così forte prima d’ora in carriera. Dopo un inizio in sordina, il maiorchino ha calato un poker di vittorie che lo ha rilanciato in classifica. In Olanda, vuole tentare il sorpasso in classifica ai danni del pesarese:

“Ho avuto molti momenti positivi in questi ultimi anni della mia carriera, ma questa moto mi permette di esser costante e di avere un ritmo altissimo: per questo abbiamo dominato fino ad ora. Mi sento più forte che mai, per la prima volta ho battuto anche il mio allenatore in mountain bike. Voglio subito trovare un buon setup. Purtroppo qui c’è sempre la possibilità di pioggia, ci sono delle nuvole all’orizzonte che sembrano dover esplodere da un momento all’altro. Ma tutti noi speriamo in una gara asciutta.”

Andrea Iannone (Ducati Team) arriva ad Assen dall’alto del terzo posto nel Mondiale. Il pilota di Vasto ha scavalcato in classifica il proprio compagno di squadra Dovizioso, mostrando un feeling crescente con la Desmosedici GP15:

“Ho dei bei ricordi di questa pista, io sto attraversando un momento positivo e voglio continuare a lavorare sodo. Le precedenti versioni della Desmosedici erano difficili da gestire su questo tracciato, ma la GP15 è uno step avanti, soprattutto per l’agilità che sta mostrando. Le Suzuki stanno andando forte, in qualifica e in gara. Sarà importante partire dalla prima o dalla seconda fila. Lotto sempre per il podio, ma quel che voglio in realtà è la vittoria. Spero sia un buon weekend per me e per tutta la squadra.”

Marc Marquez (Repsol Honda) sarà chiamato a rifarsi dal duplice passo falso del Mugello e del Montmelò. Il Campione del Mondo in carica, ha esattamente la metà dei punti di Rossi in classifica e dovrà ottenere un buon risultato per non veder tramontare definitivamente le sue speranze iridate:

“Nelle ultime gare non ho fatto dei buoni risultati, ma Assen è una pista che mi piace. Jorge e Vale qui sono sempre andati forte e vedremo quest’anno cosa succederà. Peccato che il maltempo a Barcellona non ci ha permesso di provare tutto il materiale, di sicuro qui utilizzerò il telaio 2014. In Catalunya sono caduto, ma l’importante era avvicinarci alle Yamaha. Dani è arrivato terzo; adesso dobbiamo cercare di esser più concreti in gara, specie nella seconda parte.”

Miglior pilota satellite in graduatoria, Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3) vorrà sicuramente mantenere lo speciale primato, che lo ha proiettato nelle alte vette del Mondiale, in quel che è il suo miglior inizio di stagione da quando milita nella classe regina:

“Sì, in effetti finora è stato un grande inizio, per me e per tutto il team. E’ stato importante soprattutto mostrare quello che posso fare. Il mio obiettivo è quello di esser costanti e di rimanere il miglior pilota satellite della griglia. Niente di spettacolare, ma stiamo finendo tutte le gare e accumulando esperienza. Riesco ad avere un buon passo da metà gara in poi, ma i primi sette giri sono difficili. Ho fatto delle buone partenze, ma non sono in grado di spingere al 100% con l’anteriore come vorrei.”

Ai microfoni della Press Conference anche Dani Pedrosa (Repsol Honda). Il pilota di Sabadell nel round precedente ha dato un forte segnale di ripresa dopo i problemi al braccio che hanno condizionato  la prima parte di stagione. Ad Assen, vorrà continuare la sua scia positiva:

“Qui ho ottenuto la mia prima vittoria. Ero moto giovane, ma fu un momento davvero felice per me e tutta la mia famiglia. Mi ricordo ancora! Il podio nella gara di casa è stato speciale, soprattutto dopo quello che è successo. Spero di fare una partenza migliore qui, partendo da una buona qualifica per iniziare col passo giusto.”

Domani le tre classi del Campionato del Mondo MotoGP™ scenderanno in pista per i primi due turni di prove libere FP1 e FP2 sul TT di Assen.
Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.