8 dicembre 2016

Viterbo – I quadri prendono vita, grandi capolavori per piccoli protagonisti

Venticinque opere molto famose reinterpretate dagli studenti. Il 26 giugno l’inaugurazione e la lezione animata su Caravaggio tenuta dai piccoli alunni delle elementari

I quadri prendono vita. Grandi capolavori per piccoli protagonisti, è questo il nome completo dell’iniziativa presentata questa mattina a Palazzo dei Priori dal comandante della Scuola Marescialli Aeronautica Militare Paolo Briancesco e dall’insegnante Antonella Mazzara, alla presenza del sindaco Leonardo Michelini e dell’assessore alla cultura Antonio Delli Iaconi.

“La mostra – ha spiegato la curatrice e promotrice dell’evento Mazzaranasce da un percorso che si è snodato nel corso di cinque anni e che è stato per tutti i bambini della quinta B del plesso Valle Scrivia dell’I.C. Piazza Capri di Roma, un vero e proprio viaggio di scoperta in quel fantastico mondo che è l’arte. Attraverso la lettura di racconti romanzati, aneddoti, visione di filmati, ascolto di musiche, invenzione di canti e danze, visita a mostre, i bambini sono venuti a contatto con la vita degli artisti, con le passioni e i sogni rappresentati nei loro dipinti. Tutti sono riusciti, guardando un quadro, a sentire la storia  che quel quadro raccontava. Ognuno vi riconosceva la propria, e dopo aver tradotto le loro  emozioni in parole, diventavano essi stessi narratori originali di racconti propri. Ultima tappa di questo entusiasmante percorso è stato “dar vita ai quadri”, facendo immergere i bambini direttamente nell’universo dei dipinti, indossando i panni dei personaggi rappresentati, interpretando la posizione e l’espressione e partecipare , insieme ai genitori e agli insegnanti, all’allestimento delle scene e alla cura di ogni singolo dettaglio. Il tutto con incontenibile entusiasmo”.

“Ho scoperto questa mostra per caso – ha spiegato il comandante Briancesco -, grazie a mio figlio di otto anni e a un banner pubblicitario che promuoveva l’evento in corso a Palazzo Braschi, a piazza Navona, a Roma. Come Aeronautica militare abbiamo voluto garantire il nostro supporto organizzativo e la nostra collaborazione per esportare la mostra oltre le mura romane. Sono certo che Viterbo sia la città giusta per ospitare una simile iniziativa”. “L’amministrazione è particolarmente grata ad Antonella Mazzara e agli alunni della scuola elementare che hanno dato vita a questo progetto – ha sottolineato Delli Iaconi, in qualità di assessore alla cultura e alla pubblica istruzione -. Mi auguro che l’iniziativa possa essere presa come modello ed essere riprodotto e proposto da altre città. Sono molto curioso di vedere questa mostra. Il titolo è già l’esatta descrizione del percorso affrontatato in questi anni dagli alunni, a stretto contatto con l’arte, con gli artisti e con il contesto storico in cui gli stessi artisti hanno creato i loro capolavori”.

“Il Comune di Viterbo ha dato subito il consenso per ospitare la mostra – ha aggiunto il sindaco Michelini ringraziando il colonnello Briancesco per aver proposto un’iniziativa, frutto dell’esperienza di un’altra città -. Certe contaminazioni culturali non fanno che arricchire il territorio che le ospita. Non solo. In questo caso, la mostra rappresenta anche un valido ed efficace strumento educativo e didattico”.

La mostra è stata ospitata recentemente a Roma nelle sale di Palazzo Braschi e ha ricevuto l’encomio del presidente della Repubblica e del ministro della Pubblica Istruzione. Ha anche ricevuto una menzione speciale dal presidente del Senato.

A Viterbo la mostra è stata organizzata in collaborazione con il Comune, la Scuola Marescialli Aeronautica Militare e Caffeina Festival. L’inaugurazione della mostra è fissata per il 26 giugno alle ore 18. Per l’occasione i bambini terranno una loro lezione animata su Caravaggio. La mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 17 alle ore 23 fino al 5 luglio, con ingresso libero.