4 dicembre 2016

Rocca di Papa – Centro equestre Pratoni del Vivaro, Boccia: “Non dobbiamo rinunciare al sogno olimpico.”

 

Apprendo delle recenti preoccupazioni circa i provvedimenti necessari, in seno al Consiglio capitolino, alla candidatura di Roma per le Olimpiadi 2024 – così il sindaco di Rocca di Papa Pasquale Boccia -. Le ultime notizie circolate sulla stampa vedono seriamente a rischio l’inizio delle procedure che porterebbero alla definizione del dossier finale, da presentare al Cio entro il 15 settembre”.

Il centro equestre dei Pratoni del Vivaro di Rocca di Papa, secondo quanto già circolato nei mesi scorsi,  è uno dei siti deputati ad ospitare le discipline equestri, così come avvenne nel 1960.

“Faccio appello al presidente del Consiglio di Roma Capitale Valera Baglio e a tutti i gruppi consigliati affinché non perdano questa occasione e con una delibera diano inizio ad un iter di speranza e di concreta progettualità, non solo per Roma ma anche per Rocca di Papa  e tutti i Castelli romani”.

Il sogno olimpico rappresenta, infatti, una seria opportunità per il centro equestre dei Pratoni del Vivaro di ritornare ai fasti di un tempio, e di ospitare nuovamente i grandi campioni dell’equitazione mondiale. “Svolgere le Olimpiadi a Roma ha un significato ancora più importante per il nostro territorio – continua Boccia – perché da tempo ci stiamo battendo per riaprire il centro equestre, chiuso da due anni, e valorizzare le sue ricchezze ambientali e sportive tramite un partenariato di qualità che vede il Comune di Rocca di Papa in prima linea, insieme ai Comuni di Ariccia e Rocca Priora, Regione, Fise e l’Università di Tor Vergata”.

Se è vero che per i giochi olimpici del 2024 c’è la volontà di utilizzare le vecchie strutture del ’60 – conclude Boccia -, allora il territorio dei Castelli romani, in primis Rocca di Papa e Castel Gandolfo, che ospitò le gare di canottaggio, non possono non allarmarsi per le recenti notizie circolate e chiedere a gran voce che si rimedi nel più breve tempo possibile, con l’unico obiettivo di dare a Roma e all’Italia intera un sogno di rinascita”.