8 dicembre 2016

La Cattedrale attende la battaglia tra le Yamaha

Il Motul TT di Assen sarà teatro dello scontro tra i compagni di squadra della Yamaha, ora divisi da 1 solo punto nella classifica iridata.

Il TT Circuit di Assen, unico circuito ad aver sempre ospitato una gara del Campionato del Mondo sin dalla sua istituzione nel 1949, è destinato ad essere teatro dello scontro tra Jorge Lorenzo e Valentino Rossi per assegnare la vetta della classifica iridata.

I compagni di squadra della Movistar Yamaha si presentano infatti sul leggendario tracciato divisi da appena 1 punto in favore del pesarese, col maiorchino che però è reduce da quattro vittorie di fila.

Lorenzo ha stabilito il record di 103 giri consecutivi al comando; Rossi, dalla sua, ha ridotto il gap in gara dal suo team-mate, ma dovrà far meglio in qualifica.

Dall’inizio dell’era MotoGP™, la Yamaha è stata il costruttore di maggiore successo ad Assen, con sette vittorie. I due alfieri ufficiali infine, in settimana hanno approfittato di un test privato per valutare il nuovo telaio della loro YZR-M1.

Dell’attuale griglia della MotoGP™, il Dottore è il pilota più vincente in terra olandese, per un totale di nove vittorie in tutte le classi (6 in MotoGP™, 1 in 250cc, 1 in 125cc), l’ultima delle quali nel 2013.

Marc Marquez (Repsol Honda), vincitore lo scorso anno davanti ad Andrea Dovizioso, sarà chiamato a recuperare dopo i due passi falsi del Mugello e del Montmelò: il Campione del Mondo in carica si trova a 69 punti da Rossi e, come il pesarese, ha trionfato in tutte le classi (1 in MotoGP™, 2 in Moto2™, 1 in 125cc). Di recente il talento di Cervèra è ritornato al telaio 2014 che sembra lavorare meglio con il nuovo forcellone.

Il suo team-mate Dani Pedrosa si dirige ad Assen forte del primo podio stagionale, che ha segnato la sua ripresa dopo i problemi al braccio che l’avevano rallentato. L’anno scorso il pilota di Sabadell salì sul podio, mentre ha vinto solo una volta su questo circuito: in 125cc nel 2002.

Per il team Suzuki Ecstar, Assen rappresenta l’occasione giusta per mostrare i progressi della GSX-RR dopo gli aggiornamenti al motore ricevuti in Catalunya e poi provati alla due-giorni di test privati ad Aragon. Le caratteristiche della pista si adattano a quelle della moto di Hamamatsu e l’assenza di un lungo rettilineo dovrebbe ridurre il gap dalla concorrenza.

Aleix Espargarò, in pole lo scorso anno con la Yamaha Forward, cercherà di regalare la stessa soddisfazione alla casa giapponese, partita al palo l’ultima volta in Olanda nel 2010. Il compagno di squadra Maverick Viñales è determinato a migliorare il suo miglior risultato (6º posto al Montmelò) nella classe regina, su un tracciato sul quale ha già trionfato due volte (in 125cc nel 2011 e in Moto3™ nel 2012), mentre l’anno scorso finì secondo in Moto2™.

Andrea Iannone (Ducati Team), sesto l’anno scorso ad Assen col team satellite Pramac Racing,  avrà l’arduo compito di provare a chiudere il gap in classifica dalle Yamaha ufficiali. Nelle sette gare andate in archivio, il pilota di Vasto non è mai finito fuori dalla Top 6: soltanto Rossi e Lorenzo hanno fatto meglio.

Il suo compagno di squadra Andrea Dovizioso dovrà assolutamente rimettersi in carreggiata dopo gli ultimi due ‘zero’ consecutivi. Dopo tre secondi posti di fila, il forlivese è infatti riuscito a salire solo una volta sul podio nelle ultime quattro gare. L’anno scorso sul TT di Assen finì secondo dietro Marquez, per quello che fu il suo terzo podio in MotoGP™ in Olanda.

Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3) arriva ad Assen da miglior pilota satellite, attualmente sesto in classifica con 68 punti. Per l’inglese si tratta del miglior inizio di stagione da quando milita nella classe regina, con 21 punti di vantaggio sul connazionale Cal Crutchlow (CWM LCR Honda) che, a sua volta, sarà chiamato a rifarsi dopo le ultime tre battute d’arresto, a dispetto dell’ottimo passo mostrato.

Eugene Laverty (Aspar MotoGP Team) cercherà di continuare sulla scia positiva che l’ha visto andare a punti nelle ultime tre gare. In attesa del nuovo forcellone, recentemente provato al test post-GP di Barcellona, l’irlandese sarà entusiasta di riabbracciare un circuito sul quale ha già trionfato in Superbike nel 2013.

Hector Barberà (Avintia Racing) conduce la speciale classifica della categoria Open, seppur sia stato costretto al ritiro al Gran Premi de Barcelona-Catalunya. Il valenciano ha un vantaggio di 3 punti su Loris Baz (Athinà Forward Racing), anche se Jack Miller e Stefan Bradl hanno ormai chiuso il gap, con il tedesco vincitore dell’ultimo round al Montmelò.

Il Motul TT di Assen si aprirà ufficialmente mercoledì 24 giugno alle 17:00 con la conferenza stampa. Le moto scenderanno in pista giovedì per le prove libere; seguiranno quindi le qualifiche al venerdì e infine sabato scatterà l’ottava gara della stagione.
Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.