8 dicembre 2016

Fiumicino – Lingua dei segni, il Lazio quarta regione in Italia a riconoscerla

 

L’aula consiliare del Comune di Fiumicino ha ospitato, ieri pomeriggio, il convegno dal titolo “Presentazione Legge Regionale Riconoscimento della Lingua dei Segni L.I.S”. Presenti, tra gli altri, oltre a consiglieri, associazioni di categoria, insegnanti ed educatori, la Presidente del Consiglio Comunale di Fiumicino Michela Califano, l’assessore ai Servizi sociali e alla Scuola Paolo Calicchio, il presidente del Consiglio della Regione Lazio Daniele Leodori e la deputata Pd Marietta Tidei.

“La Regione Lazio – ha spiegato la Presidente Califanoha approvato all’unanimità le ‘Disposizioni per la promozione del riconoscimento della lingua dei segni italiana e per la piena accessibilità delle persone sorde alla vita collettiva. Disciplina dello screening uditivo neonatale’. Un grande passo in avanti è stato fatto poiché grazie a questa legge la nostra Regione, quarta in Italia e prima a prevedere uno stanziamento economico, dà attuazione all’articolo 21 della convenzione Onu del 2006 sui diritti delle persone con disabilità, ratificata dall’Italia nel 2009. Ciò vuol dire prevedere, tra le varie cose, lo screening uditivo neonatale per la diagnosi precoce delle disabilità uditive in ogni punto nascita regionale, la formazione di équipe di sostegno alle famiglie, oltre ovviamente a sostenere e cercare di diffondere in maniera capillare la lingua italiana dei segni (LIS) nelle scuole e in televisione, oppure realizzare eventi di pubblico interesse con l’uso della Lis o con supporti tecnologici che li rendano fruibili alle persone sorde. Già nel nostro Comune si è iniziato a utilizzare la lingua dei segni in alcune scuole e spero vivamente che questo cammino intrapreso presso i nostri istituti possa proseguire ed essere rafforzato ancora di più in futuro. È vergognoso che l’Italia sia ancora uno dei tre Paesi in Europa, insieme a Malta e Lussemburgo, a non aver legiferato in materia. Ciò dimostra che i veri “sordi” sono stati i politici che non hanno saputo e voluto dare il giusto peso a questa problematica”.

“È importante che un ente di prossimità come il Comune – ha aggiunto l’assessore Calicchiopresti attenzione alle esigenze delle persone sorde. I risultati, come abbiamo potuto sperimentare ad esempio nella scuola di Fregene, dove è stato portato avanti un bellissimo progetto sulla Lis, alla fine si vedono e sono significativi. Inoltre ciò rappresenta un percorso di crescita sociale e culturale per il nostro Comune, nella direzione di un mondo che non permetta più ad alcuno di essere escluso”.

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.