6 dicembre 2016

Calcio – Lega Pro, arriva il primo colpo della Lupa Roma

Dopo aver trattato rinnovi e saluti in casa Lupa Roma, si materializza il primo vero colpo in entrata nel calciomercato estivo della società del Presidente Alberto Cerrai:

“La Lupa Roma FC è lieta di comunicare di aver raggiunto un accordo con il centrocampista classe 1982 Gaetano D’Agostino. Il calciatore, dopo aver rescisso con il Benevento, sarà a disposizione di mister Cucciari a partire dall’inizio del ritiro estivo”.

Un rinforzo di grande valore per la Lupa Roma che potrà così contare sulla grande qualità unita all’esperienza maturata da D’Agostino che può vantare circa 350 presenze nel professionismo tra Serie A e Serie B con ben 10 stagioni consecutive (30 reti totali in 238 presenze) nella massima serie tra il 2003 e il 2013 vestendo le maglie di Roma, Messina, Udinese, Fiorentina, Siena e Pescara.

Dopo l’accordo trovato personalmente dal Presidente Alberto Cerrai con il calciatore abbiamo voluto sentire le prime parole a caldo di D’Agostino.

Ecco la sua prima intervista da giocatore della Lupa Roma:

Gaetano, come è nata l’ipotesi Lupa Roma e cosa ha spinto D’Agostino a scegliere questa società?

“L’ipotesi Lupa Roma è nata da una telefonata di mister Cucciari. Ho detto ad Alessandro che ci avrei pensato. Ho parlato con mia moglie ed ho cominciato a valutare il progetto. Dopo aver conosciuto personalmente il Presidente Cerrai non ho più avuto dubbi, credo fortemente di aver incontrato una persona molto seria, che ama questo sport e sono davvero contento di far parte di questo progetto per i prossimi anni. Spero di poter restare anche oltre perché sono convinto che ci sia un futuro roseo per questa società. Ho scelto la Lupa Roma per potermi divertire, per poter far bene e per poter ricominciare a giocare con gioia”.

Che sensazioni hai avuto entrando nel quartier generale della Lupa Roma visti i tuoi trascorsi?

“Bellissime, sono rimasto folgorato. Non vedo l’ora di cominciare con la Lupa Roma perché sono stato pochi giorni fa presso il centro sportivo Eschilo e devo ammettere che mi sono risentito giocatore. E’ un quartier generale di primissimo livello e non vedevo un centro sportivo simile dai tempi dell’Udinese. Spero di conoscere presto i miei nuovi compagni e di essere per loro un punto di riferimento”.

Un pensiero sul Presidente Alberto Cerrai e sul primissimo impatto con l’ambiente Lupa Roma…

“E’ un tipo di personaggio che fa bene al calcio: porta gioia, porta passione ed è una persona che non è facile incontrare in questo mondo. Essere troppo concentrati sulle prestazioni e sulle vittorie ti limita, ho capito che il Presidente non ha maschere. Lui è così e nonostante avesse un giocatore di Serie A davanti, mi ha trattato come una persona normale e penso che questo sia stato l’elemento che ha fatto la differenza nella trattativa. Dovrò dimostrare tutto in campo ma sono davvero entusiasta di cominciare questa nuova avventura. E’ un matrimonio che è destinato a durare, sono sicuro di questo”. 

Dopo quest’importante operazione abbiamo sentito anche il Presidente Alberto Cerrai su questo colpo di mercato: “Prima di tutto preciso che ho agito da DS e in questo ruolo mi assumo “veramente” tutte le responsabilità sulla scelta sia tecnica che dell’Uomo – spiega subito Cerrai – Il mio Presidente si fida ciecamente di me ed io sto lavorando per non deluderlo”.

“D’Agostino è stato scelto dopo una lunga chiacchierata a 3, anzi a 6, con lui, il mister ed il sottoscritto, e le mogli pronte ad intervenire non appena qualcosa era poco chiara. Ovviamente scherzo ma tutti e 6 insieme abbiamo parlato del progetto Lupa Roma e nel farlo ho convenuto che Gaetano è la persona giusta, per esperienza ed umanità, attorno a cui costruire questo progetto “Famiglia Lupa Roma”. Sarà da esempio e faro per la crescita dei nostri giovani e per l’intero movimento della Lupa. Il suo sarà un lavoro dentro e fuori dal campo in cui io, personalmente, credo molto e a cui darò il massimo sostegno. Non abbiamo obiettivi di vittoria ma molto più importanti: continuare nel tempo questo magnifico viaggio nel professionismo affinché la Lupa possa crescere ogni giorno rispettando i valori dello sport e del vivere civile. In tanti si augurano che la Lupa possa finire il suo viaggio ma i fatti dicono che noi siamo ancora qui, pronti a vivere un’altra magnifica esperienza nel mondo del calcio sospinti dai nostri valori. E Gaetano inizia un percorso che per quanto mi riguarda potrà vivere per diversi anni. Ma attenzione che Gaetano non sarà l’unico giocatore di livello che farà parte di questa Lupa Roma. Ho voluto un gruppo che, unitamente ai confermati, sappia mettere al centro ancor prima che le doti tecniche quelle umane. In ogni angolo della Lupa ci sono e ci saranno persone “umanamente” speciali. Questa è la famiglia Lupa Roma”.

Presidente, due domande prima di concludere: in che girone pensa che giocherete la prossima stagione? La Lupa Roma è stata nominata all’inizio dello scandalo “Dirty Soccer” per la partita con la Juve Stabia: Ci sono novità?

“Fare previsioni sul girone è come vincere alla lotteria. Tra condanne, rinunce, ripescaggi e fallimenti tutti dobbiamo attendere che la giostra si fermi. Posso solo dire che la Lupa Roma si sta regolarmente iscrivendo al campionato e lo sta facendo con tutti i conti in ordine. Siamo in regola con tutto e la prova ne è che la Lega ci ha liberato 11/12 della precedente fidejussione. Sul tema “Dirty Soccer” posso solo dire che oltre ad averlo letto in maniera “scandalistica” e “scandalosa” su “Il Messaggero” alla Lupa Roma non è stata notificata nessuna richiesta da parte delle autorità indaganti e da parte degli organi della Procura Federale. Ciò non di meno auspico con il cuore che le autorità facciano totale chiarezza su questi accadimenti e che i responsabili vengano puniti in maniera esemplare per il bene di questo sport. Non è accettabile che certe persone infanghino un intero movimento di oltre 1,4 milioni di tesserati (di cui 800.000 in minore età) per ricercare un arricchimento personale”. 

Valerio D’Epifanio