7 dicembre 2016

Sbk: la grande festa di Misano

Questo fine settimana al Misano World Circuit Marco Simoncelli c’è stata l’ennesima festa della Sbk, con Max Biaggi festeggiato speciale. A quasi 44 anni, dopo mille giorni dalla sua ultima gara, il Corsaro ha voluto rivivere da pilota l’adrenalina che solo le gare sanno regalare.

Le manche hanno detto che prima Tom Sykes poi Jonathan Rea sono stati i vincitori. A trionfare, però, sono stati anche i riders che hanno dato l’anima per raccogliere il massimo dalle capacità proprie e del mezzo. Lo spettacolo in pista non è mancato e le azioni di guerra sportiva tra i cordoli si sono trasformate in operazioni di pace sugli spalti. Tutti sono stati applauditi, dal primo all’ultimo.

Il week end di Misano ha dimostrato che in Italia esiste un motociclismo composto da donne e uomini che amano questo sport e indistintamente tutti i cavalieri che ne fanno parte. Certo ognuno ha i suoi beniamini, ma alla fine non importano il colore della tuta e il marchio sul serbatoio; conta l’essere stato un tassello di un puzzle in continua costruzione, il cui tema è la passione.

Forse non sarà un movimento di massa, dai grandissimi numeri, che catalizza l’interesse anche di chi non ha deciso di trascorrere la propria esistenza su due ruote. Ma cosa importa essere sulla carta in tantissimi se alla fine di appassionati “reali” (quelli che applaudono tutti e non fischiano chi è arrivato davanti al proprio idolo o esultano se è scivolato l’avversario scomodo) si è solo in tanti?

Premesso che ho sempre preferito la qualità alla quantità, ma chi e cosa decide essere “massa”, la presenza sugli spalti? Cos’è chi guarda le corse da casa non conta? Decide lo share? Se guardiamo i dati di ascolto, beh, senza la qualità delle riprese/immagini superiori, senza una pubblicità martellante ed urlata anche durante i documentari sugli alieni, senza il personaggio creato ad hoc per ipnotizzare e vendere, non mi sembra che Mediaset faccia brutte figure di fronte ai dati del binomio Sky/Cielo (lo share si considera come la somma tra quello della tv satellitare a pagamento e quello di una emittente gratuita del digitale terrestre?).

Tra l’altro, non bisogna commettere l’errore di chi vuol creare le fazioni Sbk e MotoGp; in fondo si tratta di gare di moto e l’appassionato “reale” tranquillamente gode nel guardarle entrambe.

A Misano è emerso chiaro e tondo che il motociclismo, quello vero, è un momento di gioia, aggregazione, divertimento, emozioni che unisce e non divide.

Non si sono sentiti fischi perché certi tifosi non c’erano; quei tifosi non hanno interesse a godere dello spettacolo che offrono cinque piloti impegnati per la decima posizione. Quei tifosi si sentono spaesati se un ducatista applaude Rea che taglia per primo il traguardo. Quei tifosi non comprendono come un fan di Biaggi possa emozionarsi per due sesti posti. Sono solo dei tifosi.

Il ritorno seppur temporaneo di Biaggi alle gare Sbk doveva essere una festa ed un tributo al suo talento e così è stato. Vedere un campione non più giovanissimo mettersi in gioco dopo tanto tempo e danzare tra le curve con il suo inconfondibile stile è stato semplicemente bello e commovente. Certo qualcuno tra licenze da strappare e gesto che stabilizza ha detto e scritto, a mio parere, delle cappellate, ma senza scomodare quella signora che è sempre incinta, il mondo è bello perché vario.

Livello Sbk basso? Cosa ha fatto Michele Pirro in qualifica al Mugello in sella ad una MotoGp…..davanti a…..mannaggia mannaggia….Ripeto la presenza di Biaggi è stata una festa per noi che amiamo questo sport, per l’Aprilia e gli organizzatori.

Godiamocela: tutti in piedi sulla sdraio un altro motociclismo c’è!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.