7 dicembre 2016

Cerveteri – “Nessuno si salva da solo” ottimi risultati della raccolta viveri

Oggi è la Giornata mondiale del Rifugiato. E oggi con ancor più forza va ribadita la necessità di fermare le stragi. L’idea diffusa oggi è che l’Italia sia il Paese che accoglie più rifugiati al mondo. In realtà, se ci soffermiamo a ragionare sui dati percentuali, i più pertinenti per capire quanto l’emergenza umanitaria pesi sulle società ospitanti, si scopre che in Svezia i rifugiati rappresentano l’1,19% della popolazione totale, in Austria lo 0,66%, in Francia lo 0,35%, in Germania lo 0,23%, mentre in Italia la loro incidenza sulla popolazione totale si ferma allo 0,13%. La proporzione quindi è di un rifugiato ogni 767 abitanti. Difficile parlare di invasione. Il Pakistan ospita al suo interno oltre 1,6 milioni di rifugiati, Iran e Libano oltre 800 mila, la Turchia e la Giordania oltre 600 mila. Ma, spesso, questi dati non vengono debitamente diffusi né dai nostri governanti né dai media. Forse perché riflettere sull’emergenza rifugiati implica una riflessione su noi stessi e sulle politiche dei nostri governi. Verrebbe, infatti, da chiedersi se sussista una correlazione tra immigrazione e guerre scatenate dai nostri governi. Se la nostra politica estera, negli anni, non abbia alimentato morte, povertà ed emigrazione. La tendenza prevalente, oggi, è quella di rifiutare i rifugiati che nell’immaginario collettivo ci “rubano” qualcosa. In realtà, ai rifugiati viene assegnato un buono spesa (il cosiddetto pocket money) per comperare beni di prima necessità e la cosa più importante da sapere è che questi soldi sono appositamente erogati dal Fondo Europeo per i Rifugiati (FER), che li destina all’Italia esclusivamente per questo scopo. Pertanto, non si tratta di fondi che potrebbero essere investiti per altre finalità. L’immigrazione, purtroppo, continua a essere usata con successo dai partiti populisti ed eurofobici che, invece di affrontare il problema in maniera strutturale, alimentano sentimenti ed atteggiamenti xenofobi. Continuiamo a sentire slogan come “rimandiamoli a casa”. Ma qualcuno sa per davvero cosa succede a casa loro? L’Eritrea non è uno Stato democratico, è una dittatura militare. L’Onu in uno dei sui rapporti ha accusato lo Stato eritreo di crimini contro l’umanità per esecuzioni ed arresti sommari, per torture fisiche e per sparizioni forzate. La maggioranza della popolazione vive sotto la soglia di povertà e non ha alcuni dei diritti fondamentali riconosciuti. Chi di noi, in queste condizioni, non cercherebbe un futuro migliore? Non si attraversa un mare su un gommone senza acqua e cibo col rischio di affondare se non si ha davvero più nulla da perdere. E’ vero che l’Italia, da sola, non può affrontare il problema e necessita della cooperazione europea, ma questo non ci autorizza a pensare che queste persone disperate debbano tornare a casa per farsi ammazzare. Ci sono moltissime barriere alla libera circolazione, ma non c’è barriera o confine che possa prevalere sui diritti umani inalienabili, primo su tutti il diritto alla vita. In questi giorni Papa Francesco ha chiesto perdono per le persone e le istituzioni che chiudono le porte a questa gente che cerca vita: le sue parole sulla tragedia in corso sono un grido nel silenzio dei governi europei. Non vogliamo lasciare indietro nessuno perché siamo un’Italia che aiuta chi ha più bisogno. E a questo proposito voglio ringraziare sentitamente tutti i cittadini di Cerveteri che hanno preso parte alla raccolta di aiuti per i migranti in transito accolti dalla Croce Rossa di Roma nella tendopoli alla stazione Tiburtina. La Protezione Civile Comunale e l’Associazione Animo hanno svolto un eccellente lavoro di coordinamento, grazie ai loro volontari che si sono prontamente attivati. Oggi sono stati consegnati presso la postazione di accoglienza della C.R.I. a Tiburtina oltre 80 scatoloni di beni raccolti. Un risultato che dimostra la grande solidarietà della cittadina di Cerveteri e della rete di associazioni che operano sul territorio. In particolare, ringrazio l’Auser, il Banco Farmaceutico e il Centro Solidarietà di Cerveteri.

Federica Battafarano

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.