3 dicembre 2016

In Calabria il 97% delle strutture sociosanitarie non è a norma

Il 97% delle strutture socio-assistenziali calabresi non è a norma. Dal mancato rispetto degli spazi comuni alle metrature minime, dalla regolarità dei servizi igienici alle infinite carenze amministrative: lo stato dei registri, le condizioni del personale, l’assicurazione obbligatoria, il rispetto delle norme Haccp, i sistemi di sicurezza.
Secondo il dossier realizzato dalla Fondazione Calabria etica (l’ente in house della Regione incaricato di supportare il dipartimento Lavoro nel monitoraggio delle socio-assistenziali autorizzate) che ha passato in rassegna le 408 strutture della regione, al 30 settembre 2013 solo 14 erano in regola con le prescrizioni nazionali e comunitarie. Un esempio su tutti: la sicurezza.

I requisiti richiesti sono presenti e funzionanti solo nel 52% delle strutture regionali, ma l’87% delle residenze sanitarie non rispetta le prescrizioni richieste per i propri dipendenti. Se poi si considera che in media, il 55% presenta carenze o totale assenza di coperture assicurative, il quadro diventa allarmante. Niente polizze per 75 strutture “comunitarie”, 27 “alberghiere” e 35 “a ciclo diurno”.

E poi ci sarebbero le barriere architettoniche, soprattutto per gli istituti che si occupano di assistenza ai più deboli. In Calabria, invece, almeno il 30% delle strutture socio-assistenziali non rispetta i requisiti richiesti dalle normative in vigore.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.