10 dicembre 2016

Roma Fringe Festival, Valerio Aprea legge Francesco Piccolo

Un ‘one man show’, quello di Aprea, che già aveva convinto in passato per la capacità dell’attore di unire comicità e narrazione con una semplicità e immediatezza che ben si coniugano con la scrittura di Piccolo”
Il Manifesto

“Aprea incontra in Piccolo uno scrittore-sceneggiatore molto gettonato del quale potersi entusiasmare”
Il Messaggero

Chi coltivasse il piacere d’ascoltare storie, storture, stravizi e stonature normalissime attraverso il linguaggio tortuosamente calmo ed esilarante di uno scrittore come Francesco Piccolo, non perda il recital che Valerio Aprea dedica a momenti a tema dell’autore casertano”
La Repubblica

Quando la sagacia e la maschera comica di Valerio Aprea, incontrano la penna intelligente e ironica di Francesco Piccolo, Premio Strega e sceneggiatore pluripremiato al David di Donatello nasce “Allegro Teatrale”: un viaggio selezionato attraverso i racconti più amati di uno dei più apprezzati autori della scena italiana.

A ingresso gratuito, il 20 giugno alle 22.30 nei Giardini di Castel Sant’Angelo, Valerio Aprea regalerà agli spettatori del Roma Fringe Festival, un capitolo imperdibile di teatro, in grado di coinvolgere il grande pubblico affezionato all’attore romano (protagonista tra gli altri di “Boris” e “Smetto Quando Voglio”) e quello che da anni si è fatto conquistare dalla “lingua tagliente” di Francesco Piccolo grazie a pubblicazioni come “Momenti di trascurabile felicità” (portato al successo teatrale dallo stesso Aprea), cui ha appena fatto seguito il secondo capitolo sull’infelicità, ”Il desiderio di essere come tutti” e altri must della letteratura contemporanea italiana.

Valerio Aprea in “Allegro Teatrale”, grazie all’ormai consolidata collaborazione con Francesco Piccolo e accompagnato da Alessandro Chimienti alla chitarra, gioca con le parole e la mimica, la voce e il ritmo, raccontando storie di comicità e lirismo con un piglio da vero mattatore, per restituire allo spettatore momenti di quotidiana follia e iperrealtà, in cui riconoscersi e specchiarsi, perdendosi tra poesia, sarcasmo e ironia.
Una serie di racconti imperdibili, narrati con lo stile inconfondibile di Valerio Aprea, che nella cornice di Giardini di Castel Sant’Angelo per il Roma Fringe Festival 2015, sarà il grande protagonista della serata a ingresso gratuito del 20 giugno a partire dalle 22.30.