23 marzo 2017

Honda presenta la RC213V-S, un sogno per tanti, una realtà per pochi

La Honda RC213V è un prototipo costruito esclusivamente per competere nella classe MotoGP del Motomondiale (FIM Road Racing World Championship Grand Prix) nella cui arena ha permesso di conquistare i titoli Piloti e Costruttori nel 2013 e 2014. Modificando alcune componenti e caratteristiche del prototipo MotoGP, Honda ha realizzato la RC213V-S, che è possibile guidare su strada aperta al traffico. Per questo nuovo modello, Honda comincerà a registrare le richieste di ordine dei clienti a partire dal 13 luglio 2015.

Nel 1954 Honda dichiarò la sua intenzione di partecipare al Tourist Trophy dell’Isola di Man che, allora, faceva parte del calendario del Motomondiale. Honda sviluppò i suoi modelli da competizione e nel 1959, cinque anni dopo la prima dichiarazione ufficiale, cominciò a gareggiare al Tourist Trophy. Nel 1961 vinse nelle due classi a cui si iscrisse con le nuove moto da corsa. Nel 2005 il numero totale di successi in gara per Honda ha raggiunto l’incredibile traguardo delle 600 vittorie, che con il dato aggiornato ad oggi, 11 giugno 2015, è salito a 695 vittorie. Fin dai tempi delle prime gare al TT dell’Isola di Man, Honda ha partecipato con le sue attività racing a una grande varietà di gare, posizionandole come il suo “laboratorio su ruote”, per poi incorporare il feedback ricevuto dall’ampio spettro di tecnologie sviluppate nelle competizioni sui modelli di serie, in modo da aiutare a mantenere e migliorare le eccellenti prestazioni e la grande affidabilità dei motocicli Honda.

La RC213V-S non è semplicemente il risultato del travaso di tecnologie create dalla Honda attraverso le competizioni in un modello commercialmente disponibile, ma piuttosto rappresenta lo sforzo completamente nuovo per rendere possibile che una moto sviluppata per le competizioni in MotoGP possa circolare su strada. Per vincere nel Motomondiale è necessario avere la moto più veloce, ma secondo la filosofia di progettazione Honda, al centro del progetto c’è il pilota, e così è la facilità di guida l’elemento essenziale per vincere le gare. In altre parole, Honda pone come principio che la più veloce moto del mondo è anche la moto più facile da manovrare. È così da quando Honda ha cominciato a competere al TT dell’Isola di Man, ed è grazie a questo principio che ha raccolto tanti successi nella sua lunga storia nelle competizioni.

Anche la RC213V-S è stata sviluppata rispettando questo principio, rendendo di fatto possibile che la RC213V, vittoriosa nel Mondiale MotoGP 2013 e 2014, possa circolare su strade pubbliche. La RC213V-S ha ereditato le caratteristiche della RC213V per assicurare la concentrazione della massa e la riduzione degli attriti, così come tutti gli aspetti chiave della sua costruzione, che la rendono diversa da qualsiasi normale modello di produzione. Le differenze più evidenti sono il peso ridotto e le precise lavorazioni dei componenti, frutto anche di capacità ed esperienza superiori nella manifattura. La RC213V-S è inoltre equipaggiata con le stesse tecnologie di controllo usate sulla RC213V. Quest’ultima dispone solo delle parti necessarie per essere vincente in gara, e il suo sviluppo è basato sul concetto di cambiare le specifiche solo quando necessario e in accordo con il pilota in base al tracciato. Nonostante ciò per ottenere le caratteristiche che rendono la RC213V-S in grado di circolare su strade pubbliche, sono state applicate il numero minimo di modifiche e aggiunte rispetto alla RC213V.

Le aree geografiche per le quali è prevista la vendita della RC213V-S sono l’Europa, gli Stati Uniti, l’Australia e il Giappone. Honda ha fissato i seguenti prezzi: 188.000 Euro (tasse comprese) in Europa (Germania), 21.900.000 Yen in Giappone, 244.000 Dollari Australiani in Australia, e 184.000 Dollari negli Stati Uniti.

Un kit per uso esclusivo su aree private e in circuito è offerto in opzione (non disponibile per gli Stati Uniti).
Per l’acquisto di una RC213V-S, la registrazione della richiesta di ordine sarà accettata a partire dalla mezzanotte (0:00 CET, orario Europa centrale,) del 13 luglio 2015, esclusivamente attraverso il modulo on line del sito web www.rc213v-s.com.

Caratteristiche della RC213V-S
Piuttosto che tentare di replicare le prestazioni dinamiche della RC213V, lo scopo dello sviluppo della RC213V-S è stato focalizzato sulla volontà di ricreare il più possibile il pacchetto-veicolo completo della RC213V e le sue sensazioni di guida. Per consentire invece di avvicinare il livello di  prestazioni della RC213V, un kit sportivo opzionale sarà disponibile per uso esclusivo su aree private e in circuito.

In questo modo, la RC213V-S rende possibile vivere l’emozione di guidare una vera RC213V su strade pubbliche, e allo stesso tempo avvicinarne il comportamento dinamico e la velocità nella guida estrema in circuito.

La RC213V MotoGP dispone solo delle parti necessarie per essere vincente in gara, basandone inoltre lo sviluppo sul concetto di cambiare le specifiche solo quando necessario e in accordo con il pilota in base al tracciato. Con la premessa di poter guidare la RC213V-S su strade pubbliche, il minor numero possibile di modifiche e aggiunte sono state apportate alla RC213V, dalla quale sono stati travasati tutti gli altri elementi e componenti.

Principali modifiche e aggiunte per la RC213V-S in confronto alla RC213V

  • Pur ereditando la struttura della cascata di ingranaggi per il comando della distribuzione, l’operazione di richiamo delle valvole si avvale di molle anziché sistema pneumatico
  • Il cambio seamless è sostituito da un cambio convenzionale

Le sopra citate modifiche, sono le stesse relative alla RCV1000R, la moto da competizione per la MotoGP della categoria Open, in vendita per i team privati.

Aggiunte effettuate per consentire la regolare circolazione su strada

  • Faro anteriore
  • Luce posteriore
  • Luce targa
  • Indicatori di direzione anteriori e posteriori
  • Retrovisori destro e sinistro
  • Tachimetro
  • Impianto di scarico con catalizzatore
  • Portatarga
  • Clascon
  • Honda Smart Key
  • Motorino di avviamento
  • Cavalletto laterale, ecc.

Modifiche effettuate per consentire la regolare circolazione su strada

  • Angolo di sterzo: da 15 a 26 gradi
  • Pneumatici: Bridgestone RS10
  • Dischi freno anteriori: in acciaio, realizzati dalla Yutaka Giken Co., Ltd.
  • Pastiglie freno: Brembo
[flickr_set id=”72157654583009082″]
About Emanuele Bompadre 9300 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.