7 dicembre 2016

Da Albano ad Anguillara, nuovo tour de force per Carabella e Palmulli fino alla tendopoli di italiani

A pochi metri dal Casale di San Nicola che ospitava fino a qualche tempo fa una scuola, che la prefettura ha scelto per farci un centro richiedenti asilo in arrivo nella capitale si vedono delle tende, una tendopoli come se ne vedono tante. La cosa strana di questo insediamenteo è che a “costrutire” questo apparente campo nomadi, siano stati dei nostri connazionali,  un campo nomadi diverso da quello a cui tutti noi siamo abituati a vedere, il primo campo nomadi “italiano”.

Una tendopoli abitata da nostri connazionali che sono in difficoltà, che hanno avuto problemi con il lavoro e si ritrovano a non avere più nulla, famiglie con bambini lasciati in mezzo ad una strada che, sapendo dell’iniziativa all’ex scuola Socrate ha voluto sottolineare che non sono soli i profughi ad avere problemi ma i cittadini italiani stessi.

35 famiglie che sono state costrette ad attrezzarsi con delle tende con il cibo che gli viene donato perché la loro non è una protesta fatta per canalizzare l’opinione pubblica e i media, ma perché è il loro unico modo per non vivere sui marciapiedi, perché per loro una tenda è il solo tetto che possono permettersi di avere.

Dopo l’appello di Fulvio Accorinti, di FdI, non poteva mancare l’atto di solidarietà di Claudio Palmulli e Simone Carabella che proprio nella tarda mattinata hanno annunciato l’ennesima maratona per i diritti civili, la nona per la precisione, da Albano fino alla tendopoli, per portare il loro appoggio alle persone che vivono li.

“Il nostro impegno sulle problematiche sociali non è mai calato,” – dichiara Simone Carabella -“e mai lo farà, abbiamo deciso insieme all’amico Claudio Palmulli di affrontare questa nuova maratona per protestare ancora una volta sulle mancnze dello stato, che costringe dei cittadini italiani a vivere in condizioni al limite della decenza e che sorvola sulla problematica degli immigrati clandestini che invece occupano stabili abusivamente. Non è possibile che famiglie con bambini  che hanno pagato regolarmente le tasse non abbiano un tetto sulla testa. Abbiamo un sistema di case popolari assegnatie a chi non ne ha diritto, a chi  ha redditi altissimi pagando pochi euro al mese di affitto e infischiandosene di chi realmente ne ha bisogno, complici di un sistema malato che continua a penalizzare il cittadino rendendolo sempre più povero.”

Un nuovo tour de force per la coppia Carabella-Palmulli che dimostra con i fatti la loro voglia di aiutare chi ne ha più bisogno.

Dalla trasmissione La Gabbia:

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.