5 dicembre 2016

Papa Francesco. Possibile data fissa per Pasqua. Asia grande promessa

La bellezza della Chiesa, l’unità, la misericordia, una data fissa per la Pasqua, l’Asia promessa della Chiesa. Sono solo alcuni dei temi trattati ieri dal Papa nella Basilica di San Giovanni in Laterano incontrando i partecipanti al Terzo Ritiro Mondiale dei Sacerdoti, promosso dal Rinnovamento Carismatico Cattolico Internazionale e dalla Catholic Fraternity. Nell’incontro il Papa ha sottolineato l’importanza della presenza delle donne nella Chiesa, ma anche parlato del prossimo viaggio in Africa e ha detto di aver chiesto al patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I di presentare la sua prossima enciclica. Massimiliano Menichetti:
Il canto, la preghiera, la gioia, sono state le cifre di questo appuntamento nella fede orientato all’unità della Chiesa. Un incontro a tutto tondo dove il Papa ha dialogato con i partecipanti al terzo Ritiro Mondiale dei Sacerdoti dopo una meditazione densa di contenuti e annunci, come la possibilità che la data della Pasqua sia unica, per favorire unità tra le Chiese, o l’annuncio del prossimo viaggio in Africa a Novembre, nella Repubblica Centrafricana e in Uganda. Francesco ha precisato che sta valutando anche di andare in Kenya. Nella meditazione il Papa ha sottolineato che la discussione, la franchezza, il confronto dona vitalità alla Chiesa stessa: “Le Chiese senza discussione son chiese morte”. “Nei cimiteri! Nessuno discute di niente”.

La Chiesa di Cristo
Non ha nascosto la gioia “di vedere i sacerdoti delle periferie del mondo seduti” in Basilica accanto ai vescovi, al suo Vicario il cardinale Vallini. Tutti insieme – ha ribadito – nella “bellezza della Chiesa”. Francesco ha dunque auspicato un confronto diretto e franco tra “sacerdoti e vescovi “ ed invocato la vicinanza “al popolo di Dio”.

La donna nella Chiesa
Poi è tornato a ribadire l’importanza della donna nella Chiesa, “Maria – ha detto ironizzando sulle eventuali lamentele di alcuni – vale più degli apostoli”. “Il genio femminile nella Chiesa è una grazia, perché la Chiesa è donna: è ‘la’ Chiesa, non ‘il’ Chiesa: la Chiesa. La Chiesa è sposa di Cristo. E’ Madre del Santo Popolo dei fedeli di Dio. Chiesa, donna. E queste donne che sono qui presenti sono immagini e somiglianza della Chiesa e della Madre Maria”.

I sacerdoti trasformati dall’Amore
Poi, ha poggiato lo sguardo di pastore sui sacerdoti e auspicato che “siano trasformati dall’amore”. “Amore Trinitario”: “Celebrare oggi qui la festa del Sacro Cuore non è una coincidenza – ha sottolineato – E’ il giorno in cui il Signore ha voluto che riflettessimo sull’infinito e misericordioso amore del Padre, espresso nel cuore del Figlio Gesù, con la forza vivificante dello Spirito Santo”. Il Pontefice ha quindi evocato una canzone di padre Lucas Casaert (missionario belga in Bolivia da 40 anni), che parla della cura e tenerezza che il Signore ha per il suo discepolo e la Basilica si è accesa in canto sollecitato dallo stesso Papa.

Il perdono del Signore
“Nei momenti peggiori – ha proseguito Francesco – quando perfino avrete litigato con il Signore o quando sarete stati infedeli al Signore non temete! Avvicinatevi al Sacrario”. Il Papa ha consigliato “di aprire il cuore”, lasciar scorrere le lacrime nella certezza del perdono di Dio, nella confessione.

La cura del gregge
Il Popolo di Dio – ha evidenziato – sa riconoscere “quando un sacerdote è innamorato di Gesù o quando è un funzionario a orario fisso o una persona che segue la legge alla lettera. Il sacerdote che diventa un funzionario”: “Vi prego che non ci sia doppiezza di cuore! Che ci sia amore e che non ci sia ipocrisia; che ci sia misericordia, tenerezza”. “La prima motivazione per evangelizzare – afferma il Papa – è l’amore di Gesù, che abbiamo ricevuto, l’esperienza di essere salvati da Lui”. “Ogni sacerdote senta nel suo cuore che nonostante le sue mancanze, infedeltà e proprio per questo il Signore lo mette lì, al servizio del suo popolo e questa è una cosa meravigliosa”. Ricordando l’incontro con alcune coppie con “50 e 60 anni di matrimonio” nella Messa mattutina  a Santa Marta, ha parlato di un amore che matura negli anni: così “come il sacerdote via via che va avanti nell’amore con Gesù sente la carezza del suo maestro in una maniera nuova, lo cerca, lo comunica e lo ama con carezze rinnovate”. Non è sempre facile – ha detto – ma “lasciatevi amare, aprite il vostro cuore a Lui. E non solo contempliamo Gesù: lasciate che Lui ci contempli, che Lui mi guardi… ‘Signore, eccomi qua, sono qui’.

L’affidamento al Tabernacolo
“Se tu sei lì davanti al Santissimo e dormi non ti preoccupare! Lasciati guardare da Lui, ma vacci, vacci a quel tabernacolo! Non lo lasciare!” Il Papa ha esortato a guardare il tabernacolo dove si trova l’Amore “e se non sai cosa dirgli – ha aggiunto – se sei stanco digli che sei stanco e se ti addormenti fai che Lui ti guardi e che lo Spirito Santo preghi per te, da lì, in questo dialogo che è dialogo d’amore, un dialogo silenzioso, senza parole”.

L’Omelia sappia parlare al cuore
E’ tornato sulle omelie esortando “a parlare al cuore della gente” e suggerendone il modello: “Un’idea, una parola, una immagine e un sentimento”. “Non dimenticate – ha detto – che l’omelia non è una conferenza, non è una lezione di catechesi, è un sacramentale”: “Non fate paura al popolo fedele di Dio, non lo fate fuggire, non perdete tempo, parlategli di Gesù, della gioia di una fede ancorata a Gesù”.

Il Battesimo non si nega
“Vi confesso che mi fa una gran pena quando un parroco non battezza uno appena nato perché figlio di madre single o di padre risposato. Non ha diritto! Il Battesimo non si nega!”. “Quando questo accade, il cuore di un sacerdote è burocrate, è strettamente legato alla legge della Chiesa, la Chiesa che è madre si trasforma per tanti fedeli in una ‘matrigna’: per favore, fate sentire che la Chiesa è sempre madre!” Il Papa ha parlato della misericordia insegnata da Gesù e declinata in un amore non chiuso dalla morale, ma aperta all’uomo. E ha citato il perdono di Gesù: 70 volte 7. “Non abbiate paura – ha sottolineato – Misericordia nelle confessioni, misericordia”. “L’amore trasforma e contagia”.

L’Ecumenismo
Poi, lo scandalo della divisione dei cristiani. L’ecumenismo – ha proseguito – non è un compito in più da fare: è un mandato di Gesù. “E’ cercare l’unità del Corpo di Cristo, rotta per i nostri peccati di divisione”.

Il perdono per le colpe
“Noi – ha detto – ci scandalizziamo quando quelli dell’Isis bruciano vivo quel povero pilota, in quella gabbia, ma noi nella nostra storia lo abbiamo fatto!”. “Noi abbiamo ferito la Santa Madre Chiesa! Nella nostra coscienza ci deve essere quel chiedere perdono per la storia della nostra famiglia, per tutte le volte che abbiamo ucciso in nome di Dio”. Il Papa ha indicato i martiri quali vie di unità e il sangue oggi “di uomini e donne che muoiono per Gesù Cristo”. Il Papa ha parlato di un “ecumenismo del sangue” che stiamo vivendo. C’è una confessione – ha aggiunto – da parte del demonio: “Sono cristiano”… Bisogna sterminarli!

La missionarietà non clericalizzata
Quindi, ha introdotto la grazia esortando alla missionarietà il Rinnovamento Carismatico. “A volte siamo tentati di credere che siamo i padroni della grazia e non i dispensatori della grazia. La grazia non si compra. E’ gratuita: è grazia!” Poi, l’esortazione a lasciar lavorare i laici. “Non clericalizzate! – ha evidenziato – Il clericalismo è uno dei peccati e uno degli atteggiamenti peccaminosi che frenano la libertà della Chiesa.

Secolarismo
Sollecitato sul fenomeno del secolarismo, ha detto che non va combattuto facendo proselitismo, poiché “è la caricatura dell’evangelizzazione”. Ma di occuparsi delle persone, delle povertà,  “annunciare il Vangelo”, testimoniare e questo a tutte le latitudini, anche le più povere.

Il denaro
Di nuovo, il monito a non essere attaccati alle ricchezze, a riconoscere ed evitare l’ideologia che “crea la lotta di classe”. Invece, testimoniare il Vangelo. “Gesù predicò le Beatitudini – ha precisato – Predicate il Vangelo, state con i poveri. “Il popolo fedele di Dio mai perdonerà un sacerdote che sia attaccato al denaro o che tratti male la gente”. “Non dimenticatevi – ha evidenziato – che il demonio entra dalla tasca, entra proprio lì.” E che una volta entrato, “il secondo scalino è la vanità!

L’Europa
Sulle sfide dell’Europa dell’Est e della Chiesa, Francesco ha tracciato il legame storico tra Roma, Costantinopoli e Mosca e la “tensione” “che oggi è ancora calda”, indicando il dialogo quale fonte di costruzione. Il Papa è entrato nello scacchiere geopolitico ribadendo che la questione tra Russia e Ucraina “in questo momento è risolta sulla carta” che “il Trattato di Minsk è firmato da tutti”, ma anche che ci si rifiuta “di metterlo in atto”, cadendo in un “”nominalismo della politica”.

Africa
Il Papa ha ribadito che “c’è bisogno di sacerdoti in Africa.” E che la colonna “vertebrale sono i catechisti” la cui formazione è “fondamentale”. “L’Africa in questo momento è terra attraente allo spoglio, è un luogo di spoglio”, perché “le potenze vanno là a cercare legno, oro, metalli, e portano via tutto e se ne vanno”. “In Africa – ha sostenuto – i problemi di sviluppo e di promozione sociale sono necessari.

Immigrazione
Guardando alle tante persone che dall’Africa vengono in Europa, il Papa rileva solo una risposta emergenziale nell’accogliere: “Questo non basta, questo è l’aspetto di emergenza, quello che è necessario è che l’Europa vada in Africa, non a portar via cose dall’Africa, ma a investire in Africa, perché in Africa ci sia industria, lavoro e la gente non debba venire qua!”. Centrale anche “la formazione culturale, l’assistenza sanitaria in cui la Chiesa è impegnata e deve portare avanti con l’aiuto “dei cristiani di tutto il mondo”.

Asia
“L’Asia è per me una delle promesse più grandi della Chiesa – ha detto il Papa –  è per questo che negli ultimi due Concistori si è cercato di creare cardinali asiatici, perché fossero testimoni nella Chiesa di Roma di tutte quelle Chiese”. Francesco ha sottolineato che “l’India è una ricchezza meravigliosa” e che nella zona “del Kerala continua a esserci una grande quantità di vocazioni”. Francesco ha ribadito che l’Occidente sta percorrendo” i cammini di relativismo, edonismo, consumismo” che lo stanno deteriorando e provocandone la decadenza. “L’Asia invece ha riserve spirituali”.

Martiri
Il Santo Padre ha poi volto lo sguardo sulla tragedia degli indiani lasciati in mare, sul fondamentalismo che c’è in alcune parti del Pakistan, sui tanti  martiri in Corea, Giappone, Thailandia: “tanti martiri che hanno versato il loro sangue” e che indicano una via di testimonianza.
(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.