8 dicembre 2016

Albano Laziale – Benedetti: “Una bandiera rovinata che deve tornare a splendere”

“Guardate la bandiera dell’Italia che sventola su Palazzo Savelli: E’ sbiadita, rovinata così come lo è quest’amministrazione uscente”.

Piazza San Pietro gremita per il comizio di chiusura di Gino Benedetti candidato sindaco di Albano laziale con la coalizione dei Moderati e Riformatori (Forza Italia, Patto Popolare, Lista Cassabgi, Rete dei Cittadini, Area Democratica Lista Mattei, Reazione Civica, Lista Benedetti ).

L’inno d’Italia ha aperto degli interventi carichi di emozioni e convinzione. Simone Carabella ha tirato fuori una grinta mai vista invitando i cittadini di Albano a voltare pagina, a ridare “dignità” ad una città in ginocchio: “Perché Marini non ha chiuso la discarica in questi cinque anni? – ha detto – ve lo siete chiesti? E perché dovrebbe farlo ora! Il suo tempo è finito, andiamo a votare e mandiamo a casa questa amministrazione!”.

Poi è stata la volta di Marco Silvestroni che ha letteralmente coinvolto la folla: “Marini ha anche il coraggio di dire che continua! – Ha detto – continua con il nulla. E’ questo che ha fatto in cinque anni: il vuoto totale. Dove sta l’Auditorium di cui parla? Lo vogliamo vedere pure noi! Ci vogliamo andare tutti!”. Benedetti li ha ringraziati dicendo che sia Simone Carabella che Marco Silvestroni si sono subito uniti a lui perché hanno condiviso il desiderio di cambiamento: “Non abbiamo parlato di poltrone – ha detto – ma abbiamo convenuto di condividere questo percorso insieme”.

Un Gino Benedetti che è stato applaudito per tutto il tempo del suo intervento: “Voltatevi – ha detto – e guardate la bandiera dell’Italia che sventola su Palazzo Savelli: E’ sbiadita, rovinata così come lo è quest’amministrazione uscente. Albano è lo specchio di questa bandiera che deve riprendere i suoi colori che deve sventolare fiera affinché tutti i cittadini la possano vedere una volta che tutti insieme ci riprenderemo la nostra Città. Il cielo è grigio come grigi sono stati questi cinque anni di governo Marini ma a noi piace questo colore perché fra poco arriverà la pioggia e spazzerà via tutto lo sporco e laverà tutto il marcio che si è adagiato sulla nostra Città”. Benedetti ha detto che istituirà un numero ad hoc per i cittadini di Albano affinché possano prenotarsi per passare una giornata con il sindaco: “Ci sarà trasparenza nel Palazzo – ha detto – tutti potranno vedere come sarà amministrata Albano che per prima cosa attraverso la collaborazione con Libera l’amministrazione da me guidata aderirà al protocollo della legalità sulle direttive nazionali del Piano Anticorruzione”.

Benedetti ha evidenziato che Albano deve tornare solidale con le famiglie che hanno bisogno di riacquistare la loro dignità e che non devono andare ad elemosinare un gettone d’aiuto per la mensa dei propri figli: “Istituiremo un plafon per i servizi sociali – ha detto – affinché individuino le criticità e aiutino le famiglie di Albano che hanno reale bisogno”.

Poi ha chiamato accanto a se dei giovani: “Questo ragazzo – ha detto – è un campione mondiale di ciclismo che ha portato il nome di Albano nel mondo ma che qui non lo conosce nessuno perché il sindaco non l’ha neppure ricevuto e non ha fatto uno straccio di comunicato stampa per far conoscere alla collettività questo talento che va coltivato e gratificato”. Poi ancora, ha chiamato un ragazzo del liceo Foscolo, un istituto fiore all’occhiello per Albano perché ha concorso addirittura al Giffoni Film Festival aggiudicandosi il podio con un cortometraggio al “Giffoni Experience 2013”: “Quanti conoscono la Foscolo Film Production? – ha detto Benedetti – mi indigna il fatto che questi straordinari risultati portati a casa dai nostri ragazzi siano stati ignorati e trascurati da questa fallimentare amministrazione che non è stata capace di valorizzare tutta questa gioventù talentuosa”. Benedetti ha chiuso tra abbracci, saluti e baci a tante persone, tra cui molti volti nuovi che si sono fermati ad ascoltarlo: “Sono lieto di poter dire che siamo in tanti e vinceremo – ha concluso – ho appena sentito il vice coordinatore della Provincia di Roma di NCD Sandro Toti il quale ci ha dato piena adesione alla nostra coalizione di Moderati e Riformatori e quindi avremo anche la compagine di NCD a sostenerci a questa tornata elettorale finale. Siamo in tanti! Domenica andiamo a votare in massa convinti che soltanto votando Gino Benedetti Albano potrà veramente cambiare e tornare la casa comunale dei cittadini”.