5 dicembre 2016

Roma – Alzheimer, un convegno, un manuale e una piattaforma informatica per i volontari

Si terrà mercoledi 16 giugno, a partire dalle 17.30 presso l’Aula di Ortopedia e Fisiatria dell’Università La Sapienza di Roma (ingresso P.le Aldo Moro 5a) il convegno-dibattito: “Solidarietà sociale e salute: ruolo del volontariato” nel corso del quale la Fondazione Ozanam presenterà un manuale operativo destinato ai volontari e ai familiari dei malati di Alzheimer, anticiperà i contenuti di una piattaforma informatica per la consulenza dei volontari e promuoverà un dibattito a più voci sul ruolo del volontariato in sanità.

Saranno presenti il Prof. Giuseppe Chinnici, Presidente della Fondazione Ozanam,, il Prof. Eugenio Gaudio, Rettore Magnifico dell’Università La Sapienza, S.E. Mons. Alessandro Plotti, Vescovo Emerito di Pisa e Assistente Ecclesiastico della Fondazione, Padre Gregory Gay, Superiore Generale della Congregazione della Missione, il Prof. Francesco Bonini, Rettore Magnifico dell’Università LUMSA di Roma, il geriatra Prof. Francesco Marigliano, lo statistico sanitario Prof. Angelo Serio, lo psichiatra Dott. Daniele Sadun e la psicoanalista Dott.ssa Lucia Monterosa, autori del manuale.

Interverranno al dibattito sul valore del volontariato in sanità l’ On. Pino Pisicchio, Presidente del Gruppo Misto della Camera dei Deputati, l’ On. Renzo Carella, Membro della Commissione Finanze della Camera dei Deputati, il Sen. Stefano De Lillo e l’ On. Ilaria Piccolo, Consigliere di Roma Capitale, il Prof. Mauro Cacciafesta, Ordinario di Geriatria dell’Università La Sapienza, il Prof. Roberto Cipriani, Ordinario di Sociologia dell’Università Roma Tre, il Prof. Gennaro Colangelo, Docente presso l’Università LUMSA e il Dott. Roberto Fattorini, Presidente del Consiglio Centrale di Roma della Società di San Vincenzo De Paoli.

“La malattia di Alzheimer è la causa più comune di demenza che, in Italia affligge oltre un milione di pazienti con un aumento annuale di circa 150.000 nuovi casi. Secondo i dati dell’OMS il numero di persone affette da demenza è destinato a raddoppiare ogni 20 anni, passando dai 36 milioni nel 2010 ai 115 milioni nel 2050, con costi sanitari e sociali stimati in 604 miliardi di dollari, cifra che rappresenta circa l’1% del PIL mondiale”, ha spiegato il Prof. Chinnici, Presidente della Fondazione Ozanam.

La Fondazione Ozanam, attraverso la pubblicazione di un manuale operativo per i volontari impegnati nell’assistenza dei malati di Alzheimer, intende contribuire a migliorare la rete assistenziale intorno al malato e alla sua famiglia per affrontare il lungo e difficile percorso di malattia. Si avverte la necessità di una rete territoriale al passo con i tempi che comprenda medico di famiglia, specialisti, centri di riferimento, assistenza domiciliare, centri diurni, ricoveri definitivi e volontari preparati in grado di aiutare le famiglie. Da parte nostra stiamo predisponendo una piattaforma informatica per il collegamento a distanza fra i docenti del nostro corso e i volontari che desiderano avere chiarimenti”, ha proseguito Chinnici.

La Fondazione Beato Federico Ozanam – San Vincenzo De Paoli Ente Morale Onlus è nata nel 1999 per iniziativa della Società di San Vincenzo De Paoli e dei Gruppi di Volontariato Vincenziano allo scopo di promuovere la cultura della solidarietà sociale rivolgendo la sua attenzione soprattutto all’ampio mondo del volontariato. Così come fece nel corso della sua breve vita il Beato Federico Ozanam, fondatore della Società di San Vincenzo De Paoli, che si consacrò ai poveri e al volontariato e il cui messaggio, sempre attuale, ha raggiunto ogni angolo del mondo. Dal 1999 hanno occupato la carica di Presidente della Fondazione il Prof. Francesco Paolo Casavola, già Presidente della Corte Costituzionale, il Prof. Giuseppe Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, già Rettore Magnifico dell’Università LUMSA e Giuseppe Chinnici, Professore all’Università LUMSA. Nel corso di questi anni sono stati prodotti ricerche, studi, documenti e pubblicazioni sulla solidarietà sociale e sulla tutela dei diritti civili, convegni e seminari di formazione culturale e tecnica per animatori di volontariato. Più in particolare la Fondazione si è occupata del problema sociale delle carceri, del disagio minorile e della violenza sulle donne. Gli studi e i saggi prodotti sono stati supervisionati da un autorevole Comitato scientifico composto da docenti universitari e da esperti con diverse competenze.

About Giovanni Soldato 2951 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.