10 dicembre 2016

Albano Laziale – Carabella: “La gestione Marini si è distinta per l’incapacità di amministrare.”

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Il mio impegno politico e sociale è sempre stato dettato da saldi valori etici e morali, tuttavia in una società che ristagna nell’immobilismo, dove spesso contano più le chiacchiere che i fatti, chi si assume la responsabilità di fare scelte e prendere decisioni spesso diventa il bersaglio di critiche infondate e gratuite alle quali voglio iniziare rispondendo con le parole di un grande uomo: “Credo che ognuno di noi debba essere giudicato per ciò che ha fatto. Contano le azioni , contano i fatti, non le parole. Se dovessimo dar credito ai discorsi, saremmo tutti bravi e irreprensibili.” (cit.Giovanni Falcone) …

In questi anni ho dato il mio contributo nel portare avanti importantissime battaglie sociali, la lotta contro l’inceneritore al fine di tutelare il territorio e la salute di ogni singolo cittadino, l’impegno per l’abbattimento delle barriere architettoniche per rendere vivibile a tutti il nostro meraviglioso paese, il grido di giustizia per i malati del sangue infetto e per le cure compassionevoli. Tutte queste battaglie non hanno colore, non sono né di destra né di sinistra, sono battaglie di tutti e per tutti. Quello che ho fatto non ha bisogno di essere ulteriormente raccontato né scritto, è evidente; evidente come la scelta di appoggiare Gino Benedetti che nasce dalla profonda esigenza di ripristinare la legalità, legalità che va perpetrata con i fatti e non solo con gli slogan; la politica è partecipazione attiva e responsabile. La gestione Marini si è distinta per l’incapacità di amministrare il nostro paese venendo meno a questo principio e che dal quale si è progressivamente ed esponenzialmente allontanata.

Chi mi ha dapprima chiesto di essere il suo sindaco ora mi sta chiedendo d’impedire che Albano venga riconsegnato nelle mani di Nicola Marini e della sua coalizione. Proprio quella coalizione che col perbenismo e la politica delle chiacchiere ha di fatto distrutto la nostra bella Albano, non c è un solo cittadino contento di come Marini abbia governato in questi 5 anni. È ai miei elettori che devo rispondere, è al volere del proprio elettorato che ogni buon politico dovrebbe sottostare; a chi oggi mi attacca in maniera strumentale per la scelta di appoggiare Gino Benedetti rispondo ancora una volta con le parole di chi ha dato la vita per difendere la nazione: “Si muore generalmente perché si è soli o perché si è entrati in un gioco troppo grande. Si muore spesso perché non si dispone delle necessarie alleanze, perché si è privi di sostegno.” (cit.Giovanni Falcone). Non lascerò morire questo paese, la nostra coalizione darà un’opportunità ad Albano e ad ogni suo cittadino. Domenica segneremo la storia, domenica faremo la nuova Storia di Albano, libereremo la nostra bellissima città dal governo della finta sinistra.

[/quote]

Così in una nota Simone Carabella, candidato sindaco alle primarie nella città di Albano ha voluto spiegare le motivazioni che lo hanno spinto alla coalizione con Gino Benedetti per il ballottaggio per la conquista della fascia tricolore.