10 dicembre 2016

Roma – Mafia Capitale, Nieri: “No all’accanimento sul personale capitolino.”

“Trovo ingeneroso l’accanimento mediatico sui dirigenti e su tutto il personale capitolino cui assistiamo in questi giorni. Sono momenti delicati per l’amministrazione di Roma, ma francamente scaricare sui dirigenti amministrativi tutte le responsabilità di un meccanismo tanto disgustoso quanto articolato e contorto è sbagliato. – dichiara il vicesindaco e Assessore al Personale di Roma Luigi Nieri – Da garantista, sempre e non a giorni alterni, sono altresì convinto che agitare fantasmi di provvedimenti speciali per punire, prima ancora che la giustizia abbia fatto il suo corso, chi si trova indagato sia scorretto. Per fortuna nel nostro sistema giudiziario esistono precise garanzie a tutela dei cittadini, presumendo sempre e comunque l’innocenza fino a prova contraria. – Nieri aggiunge – I dipendenti capitolini e i loro dirigenti sono stati abbandonati per anni senza alcun progetto di rilancio, nè di formazione professionale. Un circolo vizioso che abbiamo finalmente interrotto. È per noi fondamentale, infatti, investire per valorizzare il nostro personale perché il patrimonio umano di Roma Capitale è l’unico motore in grado di far ripartire la città. Senza il loro contributo nessuna Giunta può farcela. – Nieri spiega – Negli anni abbiamo subito il blocco del turn over, il taglio costante delle risorse e la scriteriata riforma Fornero, che hanno messo in ginocchio l’amministrazione, impedendo di fatto un rinnovamento e un rafforzamento della pianta organica. Ciononostante i dipendenti di Roma Capitale hanno garantito il mantenimento dei servizi della più grande PA italiana. E questo va riconosciuto. Invito tutti a mostrare un maggior rispetto nei confronti dei nostri dirigenti e dipendenti. Se qualcuno ha sbagliato è giusto che paghi, ma non si può fare di tutta l’erba un fascio. È un tiro al bersaglio che non condivido e che intendo respingere con forza” – Nieri conclude.

Così in una nota il vicesindaco e Assessore al Personale di Roma Luigi Nieri