10 dicembre 2016

L’analisi del voto regionale

Una delle costanti in Italia quando ci sono tornate elettorali è che nessuno, ad urne chiuse, ammette di essere stato sconfitto. La matematica, però, non è un opinione così come i numeri prima di darli bisogna saperli leggere.

Inoltre non va dimenticato che in politica i numeri, seppur fondamentali, sono freddi elementi che vanno confrontati con il caldo orientamento degli elettori. Soprattutto il voto del popolo sovrano va letto e interpretato senza peccare di partigianeria.

Domenica si è votato in sette regioni e un primo dato numerico dice che il Pd ed i suoi alleati hanno incassato 5 successi e due sconfitte; quindi, tranne che in Veneto ed in Liguria, il partito di Renzi avrà modo di amministrare (legge Severino permettendo).

C’è il primo però: il Pd rispetto all’anno scorso perde oltre due milioni di preferenze, mentre rispetto alle politiche del 2013 il deficit si assesta a poco più di un milione di voti. Chi giustifica tale deficit con la presenza delle liste del presidente sbaglia, perché in Toscana, Umbria e Liguria non c’erano, ed anche lì il Pd ha avuto pesanti perdite di consenso; inoltre in Veneto la Lista Moretti ha preso solo il 3,8%. In Puglia la Lista Emiliano ha avuto il 9,2%, ma, altro dato da considerare, il neo governatore pugliese non è un renziano doc, anzi….In Campania, poi, l’impresentabile De Luca la spunta grazie agli elettori del sempre verde De Mita e degli altro impresentabili campani.

Ciò evidenzia che per il Pd fa nulla se hai governato con il nemico e che la Commissione Antimafia ti abbia catalogato come impresentabile; per Renzi conta solo vincere. Con quale credibilità e coerenza, poi, fa nulla. Sia chiaro: De Luca è impresentabile e chi l’ha votato lo ha fatto liberamente ma con coscienza. A mio avviso votare un impresentabile equivale a definirsi tale, ma questa è un’altra storia.

Il voto permetterà a Renzi di dire che ha più regioni nel suo reame, ma a ben vedere sia il dato astensionistico sia quello numerico dicono una sola cosa: bocciatura!. Renzi e la sua politica dell’hashtag continuo sono stati bocciati dalle croci messe nel segreto dell’urna. A volerla dire tutta, è stata rottamata la sua idea di Pd; quel #staisereno a Letta oggi inizia a suonare come una cupa profezia personale.

A piangere è anche Forza Italia: meno 46,9 rispetto alle europee, meno 67% di consensi rispetto alle politiche. Una debacle totale che mette la parola fine ai sogni di Berlusconi di essere di nuovo l’ago della bilancia politica nazionale. Chi si è recato alle urne non ha creduto alle sue chiacchiere; soprattutto non ha creduto a quella classe politica che negli ultimi vent’anni ha governato l’Italia. La vittoria in Liguria non sana affatto le cicatrici della sonora sconfitta campana.

In molti dicono che la Lega di Salvini sia la vera vincitrice di questa tornata. Una prima analisi direbbe di si, visto che raddoppia le preferenze rispetto alle europee ed addirittura quadruplica quelle ricevute alle politiche. In Veneto, però, la Lista Zaia da sola vale sei punti percentuali di più del partito di quel Matteo pentito cantante antinapoletano (ci credete?). La Lega, però, continua a non sfondare al Sud, anzi…..Nonostante la onnipresenza quotidiana del suo leader ad ogni trasmissione televisiva, anche in quelle dove si parla di politica, il partito che ha al primo punto del proprio statuto l’obiettivo dell’indipendenza del Nord, non è diventato il riferimento vero e forte di chi immagina un mondo diverso da quello renzista. Strano, perché a sentire i colleghi della Rai e di Mediaset il buon Matteo è anche lui…..

Il Movimento Cinque Stelle, dato come fenomeno effimero nel 2013, come bolla di sapone l’anno scorso, ha raccolto voti che lo portano ad essere la seconda forza politica del paese. Chi sostiene la tesi che mancano all’appello quasi novecentomila voti rispetto l’anno scorso, dimentica di valutare che alle amministrative contano molto i rapporti personali ed il clientelismo. Nonostante questi fattori, nonostante una presenza minima nei talk show, nonostante una generale antipatia malcelata della maggioranza assoluta dei giornalisti televisivi, molti italiani hanno sposato il programma di chi di impresentabile ha solo chi è stato condannato.

I dati del M5S dicono, a mio parere, una cosa: Grillo non è più la conditio sine qua non per la loro esistenza. Anzi, per dirla alla Crozza, meno parla e meglio è.

Ai governatori che hanno vinto va il mio augurio di buona e onesta amministrazione. All’impresentabile, invece, rinnovo l’invito a farsi da parte; leggi ad personam ne abbiamo già avute abbastanza.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.