8 dicembre 2016

In Calabria -20% turismo nel ponte del 2 giugno a causa del viadotto Italia

Niente code chilometriche, niente caos. Il ponte del 2 giugno è passato indenne, per il tratto calabrese della autostrada A3 interrotto per il crollo del Viadotto Italia. “Ci aspettavamo una mole di traffico tale da indurci a firmare ordinanze al volo per meglio gestire la circolazione nei nostri centri- racconta Gianni Cosenza, sindaco di Laino Castello, uno dei paesini come Mormanno, Laino Borgo e Morano, interessati dalla deviazione del traffico autostradale- e invece e per fortuna non abbiamo registrato alcun blocco della circolazione”.

Non certo una buona notizia per il comparto turismo della Calabria, che è già in allarme: “Possiamo registrare una riduzione di almeno il 20% delle prenotazioni, soprattutto da parte dei clienti campani, che sono i nostri primi ospiti- dice il presidente di Federturismo Calabria, Giuseppe Nucera- La zona che soffre di più è senza dubbio l’Alto cosentino, con la Sibaritide in ginocchio e imprenditori che non sanno più a che santo votarsi. Minori difficoltà ci sono in altri territori, come Tropea e Pizzo, luoghi avvantaggiati dai voli charter. Il dato complessivo è però di estrema gravità e solo gli stolti non se ne accorgono. Molti imprenditori saranno costretti a ridurre il personale, a non fare contratti stagionali, siamo di fronte a drammi umani veri e propri”. Il presidente della Regione Mario Oliverio ha più volte annunciato che chiederà i danni all’Anas.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.