7 dicembre 2016

Voler bene all’Italia: Giornate della bellezza di Legambiente

Oggi centinaia le feste dei piccoli comuni e gli eventi pensati per far riscoprire quei territori dove sono in atto pratiche virtuose da prendere come esempio.  Legambiente: “Dalle aree interne arrivano le ricette anticrisi che fanno bene all’Italia, all’ambiente e all’economia. L’Italia scommetta sui piccoli comuni, custodi di bellezza e protagonisti di un’economia sostenibile”

Il Green Act italiano parte dai piccoli comuni e dalle aree interne. Da qui arrivano, infatti, tante piccole ma importanti ricette anticrisi ed esperienze di green economy che fanno bene al Paese. A dimostrarlo sono ad esempio le “buone pratiche” messe in atto da diversi piccoli comuni del Nord e Sud Italia come ad esempio Campo Tures, uno dei 35 comuni italiani 100% rinnovabili, e Celle San Vito (FG) che ha portato avanti progetti finalizzati a riqualificare energeticamente edifici esistenti e di realizzare nuovi impianti da fonti rinnovabili integrati in strutture edilizie. L’Italia abbia il coraggio di scommettere e di investire su queste aree interne, sulla bellezza e la forza territoriale.

È questo il messaggio lanciato oggi da Legambiente con la XII edizione di Voler Bene all’Italia: Giornate della Bellezza, in occasione del 2 giugno, festa della Repubblica ma anche festa dei piccoli comuni celebrata con tanti eventi in tutta Italia che concludono Voler Bene all’Italia. La campagna di Legambiente ha fatto riscoprire, con oltre 200 iniziative, itinerari e viaggi della bellezza, l’altra Italia capace di valorizzare il patrimonio naturalistico- storico, di puntare sul turismo sostenibile, sull’agricoltura di qualità, sulla raccolta differenziata  e di dar avvio, a livello locale, ad un nuovo modello di sviluppo incentrato su fonti rinnovabili ed efficienza energetica. Tra gli eventi di punta di questo ponte del 2 giugno: quello ad esempio a Caramanico Terme (Pe) nel cuore della Majella dove è stato rilanciato il manifesto per l’autoproduzione di fonti rinnovabili; quello all’isola d’Elba con la visita al santuario delle farfalle “Ornella Casnati”; e poi a Fanano (Md) e  al Parco naturale della Maremma dove, grazie alla collaborazione con Italia Slow Tour, Voler Bene l’Italia  ha accolto alcuni “ambasciatori” olandesi e tedeschi che hanno visitato con entusiasmo questi territori e raccontato sul web le specialità agroalimentari. La festa di Voler Bene all’Italia e dei piccoli comuni è stata condivisa anche dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha inviato all’associazione ambientalista e al comitato promotore di Voler Bene all’Italia un augurio e un messaggio di apprezzamento per la campagna. “Un’iniziativa che rappresenta – scrive il Capo dello Stato – una significativa occasione per ribadire la centralità della tutela e della valorizzazione del patrimonio naturale, artistico e architettonico del nostro Paese. La riscoperta dei tantissimi borghi che impreziosiscono il territorio nazionale, la loro storia e le rispettive specificità possono generare importanti risorse economiche e occupazionali”.

“È importante che in Italia – dichiara Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente da Caramanico Terme (Pe) – prenda il via quel Green Act annunciato dai mesi scorsi dal Premier Renzi. L’Esecutivo passi dalle parole ai fatti mettendo in atto finalmente il Green Act che serve all’Italia, accompagnandolo con un nuovo indirizzo di politica economica, fiscale, industriale e culturale e mettendo in campo anche una serie di politiche mirate che premino le amministrazioni virtuose e i piccoli comuni troppo spesso “penalizzati” da una scarsa attenzione politica e a volte da disservizi territoriale legati ad esempio alla comunicazione wifi. Al Paese servono azioni utili non solo per uscire in maniera definitiva dalla crisi ma anche per creare nuovo futuro, occupazione e rilanciare l’economia. In questo molti piccoli comuni hanno fatto e stanno facendo scuola”.

“Innovazione, qualità ambientale, sviluppo sostenibile, green economy e soprattutto una politica che sappia investire sulle fonti rinnovabili abbandonando le fonti fossili. È questa la ricetta vincente per far ripartire il Paese – dichiara Rossella Muroni, direttrice nazionale di Legambiente oggi all’Isola dell’Elba per Voler Bene all’Italia – Una ricetta già sperimentata in gran parte dei piccoli comuni, che rappresentano una parte importante del nostro Made in Italy e che sono stati capaci di “rinascere”, valorizzando le proprie qualità territoriali, paesaggistiche, storico culturale come accaduto all’isola d’Elba con il santuario delle farfalle. Il santuario, che è uno dei luoghi più importanti per la conservazione della biodiversità delle farfalle, è stato pensato proprio per far riscoprire questa preziosa area, per rafforzare quel legame tra territorio e comunità locale e per sensibilizzare le persone, attraverso attività naturalistiche e di educazione ambientale, sul ruolo fondamentale che la biodiversità svolge nell’assicurare la vita sulla terra e nel contrastare i cambiamenti climatici”.

“I Piccoli Comuni  non sono un’eredità del passato, ma una straordinaria occasione per difendere identità, qualità e talenti dei nostri territori e proiettarli nel futuro. Sono anche i luoghi dove si sperimentano le pratiche più innovative in fatto di energia, gestione dei rifiuti e green economy e Legambiente ha il merito di aver acceso l’attenzione su questa parte del Paese. Le stesse considerazioni sono alla  base della proposta di legge per la valorizzazione dei Piccoli Comuni di cui sono primo firmatario, che è in discussione alle Commissioni riunite Ambiente e Bilancio della Camera insieme all’analoga proposta della deputata Terzoni e di cui sono relatori i colleghi Borghi, Iannuzzi e Misiani e che mi auguro possa avere un passaggio decisivo prima dell’estate”, lo afferma da Caramanico Terme Ermete Realacci, Presidente Comitato Promotore Voler Bene all’Italia.

Buone pratiche ed eventi – Da Caramanico Terme (Pe), terra d’Abruzzo, Legambiente ha rilanciato il manifesto per l’autoproduzione di fonti rinnovabili, per chiedere di scegliere in Italia la strada dell’innovazione eliminando tutte le barriere esistenti all’autoproduzione e alla vendita di energia da fonti rinnovabili, semplificando le procedure di approvazione dei progetti e aiutando le amministrazioni pubbliche a promuovere interventi che vanno nella direzione di territori al 100% rinnovabili. Un manifesto che questa mattina è stato sottoscritto anche dai comuni di Caramanico Terme, Offida, Fivizzano, Succivo, Casacalenda, Bagnone, Castagnole delle Lanze, San Valentino in A.C, Sant’Eufemia a Majella, Roccamorice, Salle, Pollica, Jelsi Pedaso. L’evento organizzato oggi nel comune abruzzese è stata l’occasione per ricordare che negli ultimi dieci anni le fonti rinnovabili hanno contribuito a cambiare il sistema energetico italiano ed oggi gli impianti sono presenti in tutti gli 8.047 Comuni italiani con risultati sempre più importanti di copertura dei fabbisogni elettrici e termici locali.  A Campo Tures, ad esempio,comune di circa 5.200 abitanti, le fonti rinnovabili installate riescono a superare i fabbisogni sia elettrici che termici dei cittadini (riscaldamento delle case, acqua calda per usi sanitari, elettricità), attraverso impianti a biomasse e geotermici allacciati a reti di teleriscaldamento. L’obiettivo ora è diventare un Comune a emissioni zero. Per questo, raggiunta l’autonomia energetica, l’amministrazione sta iniziando a lavorare sulla mobilità sostenibile con l’introduzione di mezzi pubblici a trazione elettrica e distributori con carburanti alternativi, dal biogas all’idrogeno. Il piccolo comune di Celle San Vito (Fg) ha, invece, portato avanti diversi interventi per efficientare varie strutture edilizie presenti come la sede del Comune, il Centro Polifunzionale e una struttura alberghiera. L’esperienza di Campo Tures, come quella di Celle San Vito, dimostra come la rivoluzione energetica parta ormai dal basso e proprio dai piccoli comuni, spesso dimenticati, eppure preziose roccaforti di identità e sapere e luoghi dove si sperimentano le buone pratiche più innovative in fatto di energia, economia verde e riciclo dei rifiuti, laboratori di accoglienza e inclusione sociale. È qui tra l’altro che sono prodotti il 93% delle DOP e degli IGP e il 79% dei vini più pregiati.

“Siamo contenti di dare il nostro supporto ad una manifestazione come Voler Bene all’Italia – dichiara Adriano Maroni, amministratore delegato di Menowatt Ge – perché condividiamo l’attenzione per il territorio italiano e le sue bellezze, le tradizioni e le sue risorse. E siamo convinti che anche i piccoli borghi possano portare un enorme contributo in fatto di sostenibilità e buone pratiche ambientali, al pari delle esperienze di grandi Smart City. Questo è il nostro impegno quotidiano”.

Anche quest’anno Voler Bene l’Italia ha visto tanti borghi in festa: “Terre artigiane” è stato l’itinerario in programma a Mogliano, nelle Marche, dove è stato presentato il progetto di solidarietà per il Nepal che attiverà gemellaggi tra piccoli comuni italiani e il villaggio di Chautara, epicentro del secondo sisma del 12 maggio. L’obiettivo è di dare sostegno alla comunità locale, contribuire a costruire nel futuro un’alternativa allo spopolamento e all’abbandono della valle, soprattutto da parte dei giovani. Ad Offida la giornata è stata caratterizzata da una visita guidata tra le bellezze storiche del paese. Fivizzano, in provincia di Massa-Carrara, ha invece festeggiato con la “Festa dei sapori” tra tradizioni enogastronomiche e passeggiate nel centro storico. I grandi alberi patriarchi sono stati invece i protagonisti dell’itinerario di Forenza (Pz), in Basilicata. A Joppolo Giancaxio (AG) ha preso il via la prima edizione di “street-food afro-siculo”. In Molise i protagonisti di Voler Bene all’Italia sono stati i piccoli borghi molisani: Santa Maria del Canneto di Roccavivara, Trivento con la visita guidata all’anticacripta della Cattedrale, Pietracupa e Casacalenda, qui è stata organizzata una visita guidatapresso il Museo di arte contemporanea, il Museo Bufu, e il Museo all’aperto MAACK. Ed ancora biciclettata di 5 km a Pavia; mentre a in Puglia, a Cassano delle Murge, è stata organizzata una passeggiata naturalistica per scoprire tutte le peculiarità naturalistiche e paesaggistiche che le hanno fatto spesso meritare l’appellativo di “Cassano, orchidea delle Murge”. A Stroncone una visita guidata per visitare i due palazzi cinquecenteschi, Palazzo Boscia e Palazzo Sani-Casagrande.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5980 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.