8° Trofeo Storico Scarfiotti a Vivalda

La quarta prova del Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche è stata condizionata dalla pioggia. Sull’impegnativo percorso dei Sibillini, è stato il piemontese di Pinerolo Guido Vivalda su Porsche Carrera RSR ad aggiudicarsi l’assoluto, salito sugli 8877 metri del percorso già bagnato in buona parte. Al secondo posto il reggiano Ildebrando Motti (Porsche Carrera RS) ed al terzo il favorito Simone Di Fulvio (Osella Pa9/90-Bmw), dominatore delle prove, che non se l’è sentita di rischiare sotto il temporale battente in una delle fasi più intense. Il giovane abruzzese si è dovuto accontentare del successo nel 4° raggruppamento davanti a Marelli e Lottini. Al quarto posto Antonio Angiolani (March-Toyota) che si è imposto nel 5° raggruppamento, ed è risultato il miglior marchigiano all’arrivo. Al quinto posto si è classificato Giuliano Palmieri (Porsche Carrera RSR) rallentato da un testacoda. Nel 1° raggruppamento vittoria per il maceratese Andrea Stortoni (Austin Mini Cooper S), specialista di casa, che è restato davanti anche dopo l’ascesa di Nocentini e Di Fazio. Il fermano Walter Terribili su Porsche 928S si è imposto nel terzo raggruppamento davanti ad altri due marchigiani, Giacinto Giacché (Fiat 131 Abarth) e Igino Lappani (Fiat 127 Sport). Qualche concorrente tra i prototipi ha rinunciato a prendere il via, come Fumi, Viel e Di Felice, mentre Lottini, Marelli, Turriziani, Peroni e Nocentini non hanno potuto lottare per il vertice dell’assoluta. L’organizzazione dovuto interrompere le partenze a metà programma circa per dichiarare gara bagnata. Queste le impressioni del vincitore Vivalda: “Sono abituato a guidare con le slick sul bagnato, vengo dalle gare slalom, ma qui ho comunque dovuto fare attenzione per non rischiare troppo. Ho abbassato ugualmente il tempo delle prove asciutte di ieri”. Il favorito Simone Di Fulvio: “Era la prima volta sul bagnato con questa Osella. Pur con i consigli di Stefano sono dovuto stare molto attento ed ho beccato il temporale più violento.” L’Automobile Club Macerata e l’Associazione Sportiva dell’AC hanno lavorato duro per poter offrire agli sportivi un evento tricolore che presentava il meglio della velocità in salita storica abbinato alle vetture moderne del CIVM. L’impegno di squadra con l’Amministrazione Comunale di Sarnano, la Provincia di Macerata, la Comunità Agraria Piobbico-Sarnano, la Comunità Montana dei Monti Azzurri, con la grande passione dello staff dell’associazione Sarnano in Pista ha portato a termine il coraggioso e positivo progetto.

Classifica assoluta: 1° Vivalda (Porsche 911 Carrera RSR) in 5’10”27; 2° Motti (Porsche Carrera RS) 5’14”22; 3° Di Fulvio Sim. (Osella Pa9/90-Bmw) 5’19”82; 4° Angiolani (March 783-Toyota) 5’22”35; 5° Palmieri (Porsche 911 Carrera RSR) 5’31”04; 6° Stortoni (Austin Mini Cooper S) 5’31”65; 7° Marelli (Lucchini SN88-Alfa Romeo) 5’32”34; 8° Nocentini (Chevron B19) 5’35”79; 9° Lottini (Osella Pa9/90-Bmw) 5’38”00; 10° Terribili (Porsche 928S) 5’50”18.

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7990 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.