4 dicembre 2016

Roma – Sala Bandiere, finisce in ospedale il faccia a faccia tra Onorati e Peciola

La tensione era palpabile sin dalla mattina dove i lavoratori della Roma Multiservizi stavano manifestando per il diritto al lavoro in sala Giulio Cesare. In capigruppo, nella Sala Bandiere, il confronto dai toni molto accesi tra Alessandro Onorato, della Lista Marchini, e Gianluca Peciola, di Sel, è degenerato, da quello che si apprende dalle fonti all’interno, il consigliere del partito di Vendola avrebbe scagliato la propria sedia addosso ad Onorato che per schivarla ha riportato la frattura scomposta di un dito.

Il consigliere di Marchini è stato portato in ospedale dove attraverso il suo profilo facebook ha dichiarato quanto segue: “Sono appena uscito dall’ospedale con una frattura scomposta, un’operazione da fare dopo 30 giorni di ingessatura per raddrizzare il dito e diverse escoriazioni.
Non c’è stata nessuna rissa: sono stato semplicemente aggredito e minacciato dal consigliere Peciola che mi ha lanciato una poltrona, mi è saltato addosso rompendomi un dito e procurandomi delle escoriazioni su gambe e braccia.
Sono stato aggredito dopo aver detto alla consigliera Azuni e ai capigruppo di maggioranza di vergognarsi, sicuramente con toni molto accesi, visto che da tre giorni ci sono dei lavoratori della Roma Multiservizi che per protesta dormono in Campidoglio. Lavoratori a cui non è stato permesso neanche di ricevere cibo e acqua, nonostante alcuni di loro fossero addirittura malati di tumore. Volevo sapere semplicemente chi avesse dato l’ordine di predisporre una misura così vergognosa. La prossima volta mi farò rompere anche la testa, così forse potrò ricevere le scuse di persone che non sono degne di rappresentare i cittadini.”