5 dicembre 2016

Roma – Chiusura estiva delle biblioteche, un’innovazione sbagliata

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Gent. Direttrice,

La Sua decisione di chiudere tutte le biblioteche nelle due settimane centrali di Agosto, secondo noi, è una “innovazione” sbagliata, che danneggerà le/i nostre/i utenti – e le/i cittadine/i in generale – e diminuirà il loro apprezzamento nei confronti delle Biblioteche di Roma.

Contraddice inoltre gli sforzi, richiesti dalla Direzione ma anche largamente condivisi da chi lavora nelle biblioteche, di mantenere i servizi al pubblico sempre aperti, facendo spesso i “salti mortali” per riuscirci, stante la sempre più grave carenza di personale.

E non ci si dica che “tanto ad Agosto vanno tutti in vacanza”: primo, perché non è vero, come certificano da anni i dati dell’ISTAT sull’accorciamento dei giorni di ferie fuori dalla propria casa e il costante aumento del numero di quante/i le ferie proprio non le fanno; secondo, perché proprio in quelle settimane di Agosto, con le tante chiusure che complicano e intristicono la vita di chi deve restare in città, le poche biblioteche tenute aperte hanno sempre rappresentato delle “oasi”, infatti sempre affollate.

Sappiamo che Lei ha preso questa decisione senza consultare le/i Responsabili delle biblioteche. Per quanto sia nelle Sue prerogative, diciamo di nuovo che è una decisione sbagliata e anche controproducente, perché mortifica quello spirito di cooperazione che tanto ha contribuito all’eccellenza (sempre migliorabile, per carità) dei servizi offerti dalle Biblioteche di Roma. Il decisionismo accentratore di cui hanno parlato alcuni Responsabili nell’assemblea sindacale del 6 maggio, e a cui accenna anche la mozione approvata, trova qui una conferma.

Tuttavia, crediamo che non si tratti di una decisione irrevocabile e quindi auspichiamo un ripensamento, magari ascoltando anche quanto avranno da dire le/i Responsabili delle biblioteche.

Le auguriamo buon lavoro e buon pomeriggio.

[/quote]

Giorgio Salerno e Francesco Sordi (RSU-USI