5 dicembre 2016

Schiavi moderni

La società di mercato non deve essere più un dato di fatto.
Se davvero vogliamo uscire da questa maledetta crisi che annichilisce ciò che di umano è rimasto, prima di parlare di tasse, lavoro, tagli, bisogna fondare un nuovo modello di società.
L’attuale capitalismo non è altro che il rigurgito degli sciacalli finanziari che parlano di morale quando si tratta del pagamento del debito pubblico ma sono amorali nel farlo aumentare.
Debito che è la scusa per legarci nuove catene e schiavizzare anche la nostra speranza.
Viviamo di fatto in una dittatura dai tanti volti tiranni ma dall’unica dea: la speculazione.
Speculano su tutto, sulla nostra istruzione, sulla nostra salute, sulle nostre pensioni, persino sulla nostra morte.
Se non è guerra questa, cos’è?
Sono un pazzo visionario?
Facciamo così: chiudete gli occhi e pensate a chi oggi può permettersi un’educazione scolastica di livello superiore, alla qualità di quella inferiore, a cosa servono le lauree, a quanti milioni di persone sono costrette a vivere con assegno pensionistico inferiore ai 500 euro mensili, a quella che sarà la nostra sorte se, in caso di malattia importante, dovessimo seguire la normale trafila ospedaliera ed infine pensate a chi e cosa dovrete smuovere per seppellire un vostro caro.
Certo sono pazzo, ma benvenuti nell’Italia di oggi!
Che fare?
Iniziamo a ritornare protagonisti delle scelte che riguardano i nostri destini, intesi non come singoli interessi ma come “societas”.
Non lasciamo i nostri destini nelle mani e nei portafogli di oligarchici il cui nome neanche sappiamo.
Un popolo si vede non solo quando si gioca la finale di Champions League o in tv c’è la finale di Coppa del Mondo con la propria nazionale.
Un popolo si vede quando si unisce nei momenti bui come quelli di oggi e combatte.
In Grecia e Spagna qualcosa inizia a muoversi, da noi?
Notte leoni da tastiera di Facebook.
Domani è l’alba di un altro giorno da pecora?

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.