7 dicembre 2016

Intervista a Costanza Boccardi candidata per la lista Sinistra al Lavoro per la Campania

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 24-02-2013 Roma Politica Seggi elettorali Nella foto Seggi elettoraliPhoto Roberto Monaldo / LaPresse 24-02-2013 Rome Polling station In the photo Polling station

Continuano le nostre interviste per scoprire i candidati alle prossime regionali. Questa volta abbiamo incontrato Costanza Boccardi, candidata per la lista Sinistra al Lavoro per la Campania.

Ecco cosa ci ha risposto:

“Sono una teatrante che fa anche cinema, una mamma che si occupa di politica, un’attivista dei movimenti in difesa dell’acqua e della scuola pubbliche”.

Perché si è candidata?

“Sono capolista per Sinistra al Lavoro per la Campania con Vozza presidente,  ed espressione de L’Altra Europa conTsipras e del percorso unitario avviato con le elezioni europee. Lamia candidatura dunque un duplice senso: da una lato la rappresentanza di istanze sociali a partire da chi le vive in prima persona, con particolare riferimento alla lotta per la ripubblicizzazione dell’acqua, dall’altra la radicale alternativa al sistema di potere di Caldoro e De Luca. Una candidatura che dice dell’esigenza di parlare ai movimenti sociali, ai comitati locali, a quei cittadini e quegli attivisti che sono parte delle lotte a difesa del territorio”.

In che stato si trova la Campania?

“La nostra regione è in una situazione disastrosa. Lo vediamo nei trasporti, che penalizzano in modo gravissimo il diritto alla mobilità soprattutto delle periferie, nella sanità, dove si stanno chiudendo tutti i presidi ospedalieri intermedi, in particolar modo le strutture di pronto soccorso, nella drammatica desertificazione industriale che ci racconta dell’assoluta mancanza di salvaguardare i livelli occupazionali del Meridione; lo vediamo nella collusione tra potere politico e potere camorristico, che ha portato in molte occasioni ad infiltrazioni pesanti nelle istituzioni, con conseguente perdita di sovranità delle esigenze della popolazione a favore del più bieco interesse criminale. Lo vediamo nella mancanza di politiche che rilancino l’agricoltura, messa in ginocchio dalla vicenda Terra dei Fuochi, il turismo,e facciano della cultura il nostro fiore all’occhiello”.

I programmi?

“Reddito minimo di cittadinanza svincolato dal ricatto del lavoro a basso costo, come invece viene proposto da altre forze politiche. Non ci può essere competizione tra una misura di sostegno al reddito e diritto ad un lavoro retribuito. Salvaguardia dei posti di lavoro e creazione di nuove opportunità rivolte soprattutto ai giovani, con un diverso impiego delle risorse, soprattutto comunitarie. Ripubblicizzazione delle risorse idriche. Ciclo integrato dei rifiuti con chiusura degli inceneritori, e avvio reali dei siti di compostaggio.

Sostegno all’agricoltura e alla difesa idrogelogica del territorio, che sono due facce di una stessa medaglia. In questi anni abbiamo conosciuto il neoliberismo declinato attraverso le politiche di austerità. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: devastazione ambientale, economia finanziaria sostitutiva dell’economia reale con conseguente perdita di posti di lavoro, indebolimento delle istituzioni democratiche. Tutto ciò è stato possibile grazie ad una classe politica compiacente e subalterna ai poteri forti. In Italia gli interpreti delle politiche di austerità sono tecnici e arrampicatori espressione della destra conservatrice e del Partito Democratico, una trasversalità che sostiene il governo Renzi ed è ancora più evidente sui territori. Nella Regione Campania facciamo i conti con i guasti prodotti dal bassolinismo prima e dalla contiguità e la compiacenza del PD nei confronti della giunta Caldoro poi. Partito Democratico e Forza Italia mettono in scena una finta contrapposizione salvo poi trovare forme di governo trasversale come è accaduto sulla sanità, il welfare e i beni comuni. Indipendentemente dai candidati in campo, sono inadeguati ad assicurare la necessaria inversione di rotta che è indispensabile alla Campania per uscire dalla crisi economica, ambientale, sociale e morale”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.