2 dicembre 2016

Al The Bike Shed di Londra, Yamaha presenta due nuove creazioni Yard Built

Presso la suggestiva Tobacco Dock inglese gli appassionati di Special hanno ammirato per la prima volta la XV950 ‘Playa del Rey’ by Matt Black Custom Designs e la XJR1300 ‘Dissident’ by it roCks!bikes.

Al secondo appuntamento annuale di The Bike Shed 2015, organizzato a Londra nell’ultimo scorso fine settimana dal B.S. Motorcycle Club, Yamaha ha svelato due nuove creazioni Yard Built: XV950 ‘Playa del Rey’ by Matt Black Custom Designs e XJR1300 ‘Dissident’ by it roCks!bikes. All’interno dell’affascinante e storico edificio Tobacco Dock londinese, centinaia di appassionati del mondo custom hanno partecipato a questa seconda ed imperdibile esposizione dedicata a quella “new wave” creativa che ruota intorno alla scena cafe racer, scrambler e brat-style, osservando da vicino gli ultimi rivoluzionari progetti Yamaha Yard Built, special create per la Casa dei tre diapason da “bike-maker” d’eccezione.

YARD BUILT XV950 ‘PLAYA DEL REY’ BY MATT BLACK CUSTOM DESIGNS

Per una delle sue ultime creature Yard Built, Yamaha è scesa nel sud Europa, in un’officina appena fuori Malaga, in Spagna. Nascosta nelle assolate strade di San Pedro, la crew Matt Black Custom Designs ha lavorato con passione ed entusiasmo al suo primo progetto Yard Built. Il risultato è da applausi a scena aperta: un tributo d’eccezione alle racer che correvano agli inizi del secolo scorso nei “Board Track”, circuiti ovali con fondo in legno. Un mix sorprendente tra elementi artigianali e bolt-on, assemblati con gusto e fantasia, hanno dato vita alla nuova Yard Built XV950 “Playa del Rey”.

La sua realizzazione ha richiesto tutto l’impegno e la creatività del team Matt Black: Anthony Partridge ha trasferito il suo talento sul metallo, costruendo a mano il magnifico serbatoio e altre parti impegnative; il capo tecnico Kurt Lohse ha usato il suo genio per un impianto elettrico che sposa forma e funzione; il project manager Dom Kelly ha sfruttato la propria abilità nella progettazione 3D per dare vita all’idea sullo schermo, prima che venisse prodotto ogni singolo componente, e ha curato la lavorazione a macchina di alcune parti. Non c’è Yard Built senza una verniciatura memorabile, e la special di Matt Black non fa eccezione. Il mago delle livree Ray Hill ha dato il tocco finale con una splendida grafica, caratterizzata da un intricato motivo di filetti, e ha contribuito al lavoro di finalizzazione della moto.

“Ispirata al mondo bobber, Yamaha XV950 è una moto divertente da guidare grazie al grintoso bicilindrico a V. Il design è senza tempo e rende omaggio alle bobber più belle, con l’aggiunta di componenti evoluti per ottenere prestazioni e affidabilità di riferimento. La combinazione tra vecchio e nuovo è un tratto distintivo delle precedenti opere di Matt Black”, commenta il Product Manager Yamaha Shun Miyazawa. “Di conseguenza abbiamo pensato che fossero le persone giuste per affrontare l’ultimo progetto Yard Built, ed il risultato si è dimostrato fantastico. C’è tutto il divertimento del modello originario, ma sono riusciti a dimostrare che, partendo da quella base, si può facilmente ottenere qualcosa di straordinario, una miscela perfetta tra vintage e moderno, senza compromettere la guidabilità”.

A Matt Black Custom Design non importava quanto folle fosse il progetto: volevano che i possessori di XV950 s’innamorassero di “Playa del Rey”. A questo scopo hanno prodotto una serie impressionante di parti in billet ricavate dal pieno. L’elenco comprende i sorprendenti cerchi da 21 pollici, la puleggia posteriore con sistema cush drive, la struttura del coperchio in plexiglass trasparente per le punterie, il carter motore sul fianco sinistro e il copribatteria su quello destro. Anche il piccolo carter sulla sinistra e la cover per la puleggia anteriore sono stati ricavati dal pieno ed è stato realizzato anche un adattatore per poter montare un filtro dell’aria Crime Scene Choppers. Ovviamente, essendo un progetto Yard Built unico, ci sono alcune parti create su misura da Matt Black Custom: il magnifico serbatoio realizzato a mano, i coperchi per impianto elettrico e batteria e il parafango posteriore, tutti costruiti “in casa”. I collettori di serie confluiscono in un condotto realizzato su misura che termina in un silenziatore MIVV Ghibli modificato. La scatola della batteria è nascosta all’interno ed anche il manubrio è stato modificato per ottenere un autentico look “Board Tracker”. Il lavoro di The Matt Black comprende anche gli sbalorditivi adattatori per le pedane, il paracorona e l’impianto elettrico modificato.

Seguendo l’idea che le Yard Built possono essere realizzate nel proprio garage, il progetto “Playa del Rey” è completato da una serie di bellissimi accessori after market. La forcella springer è un capolavoro di Rebuffini, leggermente modificato da Matt Black Custom, mentre gli ammortizzatori Ohlins danno la sensazione di guidare su un binario. Il tappo del carburante è stato realizzato dal leggendario Crafty B negli USA, mentre la cover del bilanciere è stata incisa da Tony The Engraver! Il faro anteriore e le manopole Vitys aggiungono un tocco di grinta in più, bilanciata dal minimalismo dei mini comandi e degli astucci interruttori Rebuffini. Partecipa anche Rizoma con le frecce Bullet e le pedane, mentre il tachimetro con quadrante Motogadget si pone al centro della scena. La potenza dei freni aumenta con le pinze anteriori PM, e il set di riser LA Choppers esalta le sensazioni West Coast.

Matt Black Customs facilita la vita a chi vuole aggiungere alla propria moto un tocco di stile “Board Tracker”, mettendo a disposizione una selezione di componenti bolt-on disponibili sul sito web. I biker spagnoli hanno deciso di spingersi oltre, sviluppando una gamma ancora più ricca, per un numero di opzioni che sembra destinato a crescere all’infinito. Per modificare la propria XV950 e scoprire cosa c’è a disposizione, è sufficiente clicca sul link e dare un occhio di persona: www.mattblack.eu

IL 20° ANNIVERSARIO DI XJR CONTINUA CON YARD BUILT ‘DISSIDENT’ BY IT ROCKS!BIKES

I bike maker portoghesi it roCkS!bikes conoscono bene Yamaha XJR: hanno già preso parte al mondo custom con una serie di straordinarie creature nate da XJR1200 e XJR1300, come “Stealth” e “Sunburn”. Per celebrare il 20° anniversario di una muscolosa icona delle due ruote si sono dedicati al modello 2015 e hanno costruito una café racer mozzafiato: la Yard Built XJR1300 “Dissident”.

Le due special precedenti avevano attirato l’attenzione di Shun Miyazawa, Product Manager di Yamaha, spingendolo a farli entrare nel mondo Yard Built. “it roCkS!bikes era in pole position tra i preparatori che volevamo contattare per celebrare il 20° anniversario di XJR”, spiega. “Il loro caratteristico stile, con il blocco unico della monoscocca, è pulitissimo e l’esperienza accumulata con i modelli 1200 e 1300 ha dimostrato che possono creare moto custom sbalorditive senza perdere l’anima del modello originale, mantenendo l’ottimo telaio e la forza bruta del motore. Con “Dissident” hanno realizzato ancora una volta una moto magnifica, dimostrando quanto sia facile personalizzare il modello 2015 senza tagli o saldature, grazie a una soluzione “plug and play” che permette di customizzare la moto senza perdere il carattere originale”.

Osvaldo Coutinho e Alexandre Santos, ingegneri civili di giorno e – dal 2013 – it roCkS!bikes di notte, lavorano nella loro piccolo officina nei dintorni di Porto, in Portogallo. La loro abilità ingegneristica emerge chiaramente nelle loro opere grazie all’attenzione per i dettagli dedicata alla realizzazione della “monoscocca”, al blocco unico con serbatoio, alla sella e al codone, ormai loro firma.

Yard Built XJR 1300 “Dissident” non fa eccezione, con le linee fluide del singolo pezzo di metallo modellato a mano che parte appena dietro la piastra di sterzo e si raccorda con il codone. La struttura è un capolavoro di semplicità, pulizia ed eleganza, con un’attenzione ossessiva per i dettagli, come le luci a LED posteriori nascoste nel codone.

A differenza delle precedenti special, con Dissident la sfida di Osvaldo e Alex era quella di creare un modello davvero unico, con il loro personalissimo stile, ma senza tagli o saldature. Il risultato è uno sbalorditivo esemplare it roCkS!bikes con la caratteristica monoscocca, ma completamente “plug and play”.

Grande attenzione è stata dedicata anche all’esperienza di guida, come raccontano l’impianto frenante ISR che comprende la pompa per freno anteriore e frizione, le pinze anteriori e posteriori e i mostruosi dischi da 340 mm davanti e da 267 mm dietro. Le pinze a 6 pistoncini applicano un’incredibile forza frenante all’anteriore, e le connessioni sono affidate alle tubazioni in maglia d’acciaio Hell Performance. La forcella a steli rovesciati presa da YZF-R1 è stata modificata per adattarsi al cannotto di sterzo di XJR1300, e affronta con grinta la strada. Sul manubrio, con clip-on café racer LSL, si fanno notare diversi accessori Motogadget: le manopole in alluminio, le frecce M-Blaze e la strumentazione hi-tech Motoscope pro, montata sopra un supporto in alluminio ricavato dal pieno e realizzato “in casa”. I carter motore sono stati rimpiazzati su entrambi i lati da elementi più leggeri in alluminio, con una “finestrella” in vetro che permette di vedere il cuore della belva. Il compatto radiatore dell’olio a prestazioni elevate tiene tutto sotto controllo e il bellissimo scarico 4 in 2 fatto a mano e in acciaio inossidabile urla al salire dei giri. Gli arretratori e le pedane LSL offrono al pilota una posizione di guida sportiva, dietro un cupolino minimalista fatto a mano, con il faro anteriore incorporato a illuminare la strada. Il tappo carburante “Monza” in alluminio aggiunge il tocco finale al serbatoio, ed è completato da un emblema col simbolo dei tre diapason. La sella in pelle, realizzata da un artigiano, è integrata nella monoscocca, in puro stile café racer. La “Dissident” viaggia su magnifici cerchi tubeless Kineo da 17” con gomme Pirelli angel, in modo che tutto proceda per il verso giusto. Le stupende grafiche sono un tributo al 20° anniversario di XJR, con una reinterpretazione dei classici colori anni ’80 e anni ’90, come pearl white, black e gold, oltre ovviamente ai mitici speed blocks.

[flickr_set id=”72157651153430754″]

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.