WikiLeaks rivela documenti riservati: l’Ue pronta alla guerra per fermare i migranti dalla Libia

«Sel esprime la sua netta contrarietà alla proposta europea di distruggere i barconi a terra come rivelato da WikiLeaks. Da quello che abbiamo letto l’Europa si appresta a varare una vera e propria missione militare e non un’operazione di Polizia come Renzi e Pinotti ci hanno raccontato. Il problema non è quello di bombardare gli scafisti ma quello di salvare vite umane in fuga dalla guerra, dalla carestia e dalla povertà». Lo afferma il capogruppo di Sel a Montecitorio on. Arturo Scotto

«Invece di pensare a come bombardare qualcuno, prosegue il capogruppo di Sel, Renzi si impegni affinché l’Europa la smetta con gli egoismi nazionali e si faccia carico del rafforzamento della capacità di salvataggio di persone in mare, sulla scorta di quanto fatto da Mare Nostrum. Solo con la piena responsabilità europea si eviteranno nuove tragedie del mare», conclude Scotto.

I due documenti pubblicati da Wikileaks  rivelano le caratteristiche della missione militare che l’Unione europea vuole condurre a largo della Libia. Dai generici “bombardamenti alle navi” di cui si è parlato finora, si passa ad un’azione in più fasi, con l’obiettivo della distruzione delle navi.

“Piano approvato dai capi della difesa europea per l’intervento militare contro ‘le navi dei rifugiati’ in Libia e nel Mediterraneo” e “Consiglio del gruppo europeo politico-militare sull’intervento militare contro ‘le navi dei rifugiati’ e in Libia e nel Mediterraneo meridionale centrale” sono i titoli dei due documenti. Il primo è quello più importante, mentre il secondo ribadisce la necessità di definire in modo stringente i confini legali della missione.

L’azione è sviluppata in tre fasi diverse e si prefissa come data d’inizio il 25 giugno. Dovrebbe durare un anno, con report trimestrali che ne descrivano l’evoluzione. La prima fase è quella del lavoro di intelligence, per la quale è previsto anche l’utilizzo di droni. La seconda fase è quella in cui le navi dei trafficanti devono essere fermate e sequestrate, ma finora non c’è ancora una chiara cornice legale entro la quale inscrivere l’operazione.

La terza fase potrebbe portare addirittura ad un nuovo conflitto in Libia, anche sulla terraferma. Il documento dello European union military committe (Eumc) afferma che la bozza approvata “pone le basi per ulteriori sviluppi militari dell’azione”. “Non c’è tempo a sufficienza per sviluppare e ottenere dal Consiglio europeo l’approvazione delle opzioni strategico militari”, si legge nel rapporto. Obiettivo della missione è “smantellare il modello di business dei network di chi traffica in migranti”.

La prima fase della missione, quella di intelligence, servirà a stabilire esattamente la portata della missione militare. Ma i problemi cominceranno con la seconda: “Il sequestro delle navi dei trafficanti dipende dalle leggi degli Stati membri e/o dalle Risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di cui al capitolo VII della Carta”, prosegue il testo. Il documento precisa che le missioni di salvataggio di Frontex “non vanno pubblicizzate per evitare d’incentivare l’arrivo dei migranti”.

C’è anche la consapevolezza che l’intervento nella rotta del Mediterraneo centrale potrebbe portare ad un aumento dei flussi nella rotta orientale e occidentale. Insomma, la missione avrà bisogno di un avvallo internazionale per poter proseguire. C’è anche una lista di quali partner l’Europa deve cercare: Unione Africana, Onu, Nato, Lega Araba e altri collaboratori come Egitto, Tunisia e quando ci sarà un governo legittimo la Libia. C’è poi un ultimo riferimento alla possibile presenza dell’Isis (chiamata Daesh nel documento): “La presenza di potenziali presenze di forze ostili come estremisti o terroristi di Daesh deve essere presa in considerazione”.

loading...
loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8046 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.