6 dicembre 2016

Roma Capitale – Trasparenza, Carteinregola: “Due passi da formica e quattro passi da gambero.”

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Dopo alcuni interventi significativi verso una maggiore trasparenza e una maggiore interlocuzione con i cittadini, dall’amministrazione Marino ci arrivano due docce fredde. La prima è il resuscitamento del potere di ordinanza del Sindaco in nome dell’Emergenza traffico e mobilità, congelato dal Governo Monti e ora ripescato per il Giubileo Straordinario. La seconda è un vero balzo all’indietro rispetto alla possibilità per i cittadini di accedere alle informazioni sullo stato dell’arte degli interventi in corso: un’ incredibile e raggelante risposta del Dipartimento Mobilità – Ufficio Parcheggi alla richiesta di accesso agli atti di Cittadinanzattiva Flaminio sullo stato delle procedure di alcuni parcheggi interrati del quartiere, a nostro avviso disattende la legge sulla trasparenza, e soprattutto rischia di farci rimpiangere l’amministrazione Alemanno. Infatti quello che prima era normalmente e rapidamente possibile – prendere visione e avere copia di tutti gli atti inerenti a un intervento fino al momento dell’accesso – adesso non viene più concesso: ai cittadini si riconosce solo il diritto di vedere gli atti quando il procedimento è concluso. Cioè quando i giochi sono fatti e non si può più dire – e fare – nulla. Un segnale ulteriormente inquietante, se si somma al totale silenzio sulle nostre ripetute richieste di chiarezza giuridica sugli interventi del Piano Parcheggi. Mobilitiamoci e Carteinregola hanno scritto al Presidente Renzi e al Sindaco Marino chiedendo di non ritornare alle sciagurate pratiche della gestione commissariale durata dal 2006 al 2012. E scriveranno a breve al Sindaco, all’Assessore alla legalità e alla Trasparenza Sabella e all’Autorità Anticorruzione, per fare chiarezza sui diritti dei cittadini rispetto l’accesso agli atti.

Avevamo salutato con un cauto ottimismo la pubblicazione sul sito del Dipartimento allo Sport dei dati sulle concessioni degli impianti sportivi comunali, un importante passo avanti che è frutto delle nostre insistenti sollecitazioni all’amministrazione. Altri passi avanti sono la mappa della città pubblica dell’Assessorato alla Trasformazione Urbana – su cui speriamo continui l’ulteriore messa a punto con un aggiornamento più preciso dei dati – , il nuovo Sistema Informativo Territoriale e lo sportello Unico dell’Edilizia Telematico di Roma Capitale  e anche il servizio on line Iosegnalo, per facilitare le comunicazioni dei cittadini alla Polizia di Roma Capitale.

Ma tutto questo, senza una vera e sistematica trasparenza, perde molto del suo significato, virando pericolosamente verso l’effetto “foglia di fico”.

Cominciamo dai poteri commissariali per l’emergenza traffico, che sono sempre stati una vera cortina fumogena, non solo rispetto alle procedure ma anche alle cifre – pubbliche – spese. A oggi non siamo riusciti ad avere i consuntivi obbligatori – tanto che ormai ci stiamo convincendo che nessuno li abbia fatti – per conoscere il costo e i risultati del periodo 2006 – 2012, periodo in cui, a Roma, gli interventi per la mobilità (a partire dal Piano Urbano Parcheggi) erano sottoposti alle stesse deroghe consentite alla Protezione Civile ed erano di esclusiva competenza del Sindaco e dell’Ufficio Speciale Emergenza Traffico. In calce sintetizziamo la vicenda, ma vogliamo essere chiari: non permetteremo a nessuno di usare il Giubileo straordinario (o le Olimpiadi o qualunque altra cosa) per sottrarre al controllo dei cittadini quello che si sta decidendo e i soldi che si stanno spendendo. Vogliamo che venga pubblicato l’elenco delle infrastrutture necessarie in bella vista sul sito del Comune, e che vengano aggiornate in tempo reale tutte le informazioni su chi fa cosa, affidando i lavori a chi, con quali costi, con quali procedure e con quali eventuali varianti in corso d’opera. Soprattutto con quali deroghe e con quali motivazioni. Se ciò non avverrà, e non tra mesi, ma subito, ricominceremo la nostra battaglia, con la stessa correttezza e determinazione con cui abbiamo combattuto per l’interesse pubblico e per il rispetto delle regole in questi due anni e mezzo di vita di Carteinregola.

E con questo stesso spirito apriremo da subito anche un nuovo fronte, che riguarda l’accessibilità delle informazioni ai cittadini. Pochi giorni fa il Dipartimento Mobilità ha fatto pervenire una risposta alla richiesta di accesso agli atti su alcuni interventi su suolo pubblico nel quartiere Flaminio che lascia letteralmente basiti, perchè vi si sostiene che può accedere ai documenti solo chi “ha un interesse di merito” e che sono visionabili da parte di terzi solo i progetti definitivi, approvati con provvedimento dell’Amministrazione Capitolina. Invece, seguendo i dettami del Decreto sulla trasparenza, noi difenderemo il diritto del cittadino – qualunque cittadino, non solo quello che può dimostrare un suo diretto interesse – ad accedere agli atti dell’amministrazione che riguardano interventi sul territorio – tutti gli atti, non solo quelli approvati, anche quelli man mano prodotti dalle conferenze dei servizi, o inoltrati dai vari soggetti coinvolti – senza che nessuno possa nascondersi dietro la locuzione “endoprocedimentale” per negare tale diritto. Nei cinque anni di Giunta Alemanno nessuno ci aveva mai risposto così. Nessuno. Abbiamo montagne di documenti “endoprocedimentali” regolarmente visionati – e consegnatici in copia dagli uffici – che possono dimostrarlo. Sarebbe paradossale che, mentre il Dipartimento Urbanistica promette la rapida attivazione del nuovo Sistema Informativo Territoriale, con cui, non solo i progettisti e gli imprenditori, ma chiunque potrà accedere alle informazioni sullo stato dell’arte degli interventi edilizi in corso anche privati, nel caso di interventi come i Pup, effettuati su suolo pubblico, concessi in base a un (presunto) interesse pubblico, realizzando opere che per l’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici sono a tutti gli effetti opere pubbliche, si mantenesse l’oscurità sui progetti, sulle modifiche in corso d’opera, sui pareri e sulle prescrizioni dei soggetti pubblici competenti.

Conosciamo le difficoltà di questa amministrazione, possiamo rinunciare ai balzi da leone e accontentarci dei passi da formica. Ma non accetteremo neanche un passo da gambero…

[/quote]

Riceviamo e pubblichiamo