Ue boccia reverse charge nella Gdo. Confartigianato: “Segnale contro provvedimenti che colpiscono liquidità imprese”

La bocciatura da parte dell’Ue del reverse charge nella grande distribuzione è un segnale contro scelte sbagliate in materia di Iva. La decisione europea nasce dalla considerazione che le deroghe al sistema di riscossione frazionato dell’IVA possono essere concesse solo quando risultano essere l’unica possibile alternativa agli ordinari controlli nel contrasto all’evasione del tributo. I motivi che hanno portato alla censura del reverse charge esteso alla grande distribuzione devono far riflettere il Governo in merito allo split payment.
Lo sottolinea Confartigianato, rilevando che, all’Assemblea nazionale del 20 maggio, il Presidente Merletti ha ribadito la netta contrarietà a provvedimenti, come lo split payment e il reverse charge, che colpiscono la liquidità delle imprese. Soltanto lo split payment ha un prezzo molto alto per le imprese italiane: 230 milioni di euro.

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7661 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.