8 dicembre 2016

Ostia – Presa di Posizione dei Cobas Asl Rm D: “Diritti dei lavoratori ignorati e calpestati.”

 

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

E’ trascorso circa un mese da quando “Dottori, Medici, e …Sapienti”,  tutti in bella mostra, erano presenti per inaugurare la “Casa della Salute” al S. Agostino.

Mentre i vari Lor Signori e Signore proseguono nel gioco degli annunci illusori ed ingannevoli, le Strutture e i Servizi Socio Sanitari, TUTTI, vengono progressivamente depotenziati, smantellati e la professionalità, la dignità e i diritti stessi delle lavoratrici e dei lavoratori ignorati e calpestati.

La carenza del personale, che riguarda tutte le figure professionali (Infermieristiche, Ausiliarie, Tecniche e Amministrative, ecc. ), diviene ogni giorno sempre più gravosa a causa del Blocco delle assunzioni e del Turn over (negli ultimi 3 anni, se si considera il solo personale infermieristico, si contano circa 50 unità in meno tra Reparti e Servizi Socio Sanitari Territoriali).

Lavoratrici e lavoratori sottoposti a ritmi e turni inumani, alcuni dei quali attratti dall’ “illusione ingannevole” e ricattatoria delle “Prestazioni aggiuntive, dai “gettoni di presenza” e dallo straordinario; strumenti utilizzati per garantire quel minimo di Livelli assistenziali ancora possibili e che, paradossalmente, in molti casi, risultano non essere retribuite!!!

Passa anche da qui il processo e il percorso, già avviato da tempo, verso la privatizzazione della Sanità Pubblica, con conseguente ricorso a forme contrattuali che tendono a mortificare competenze e professionalità, aumentando, nel contempo, precarizzazione e sfruttamento (v. Cooperative e Contratti Atipici).

Sempre più evidente, infatti, sta divenendo l’intreccio d’interessi politici, economici e finanziari tendenti a far sì che quelli che sono stati, e ancora dovrebbero essere, Beni e Diritti fondamentali e primari a difesa del sistema di tutele e della qualità di vita delle persone (Sanità, Istruzione, Casa, Trasporti, ecc.) siano progressivamente definanziati, depotenziati e, di fatto, smantellati, nel tentativo di trasformarli in merce od occasione per corruttele ed esclusivi interessi privatistici e di profitto (v. Mutue, Fondi Integrativi,  pseudo Cooperative, Assicurazioni private, ecc).

Questa “Classe Dominante” abbia il coraggio di andare a vedere, al di là dei blitz vessatori, moralistici e propagandistici, le condizioni in cui operano le lavoratrici ed i lavoratori, nei Reparti, nei Servizi e nelle Strutture Socio Sanitarie; andassero a vedere, sempre Lor Signori, se, in quelle condizioni, è possibile garantire quel Diritto alla Salute sancito dalla nostra Costituzione.

Ma questo coraggio non ce l’hanno! Perché se avessero un po’ di coscienza e onestà intellettuale, si dovrebbero vergognare!

Forse, siamo NOI che dovremmo cercare di prendere coscienza di questo, così da poter gridare loro in faccia, ogni volta e in ogni occasione, tutta la nostra rabbia! Non esistono diritti al di fuori della capacità di conquistarli e di difenderli!

[/quote]

 

Cobas Asl Rm/D