4 dicembre 2016

Sbk, Donington Park: la pagella del Dicos

TOM SYKES 10 e lode: Torna al successo dopo sedici gare di digiuno e lo fa con una doppietta perentoria; sua anche la Superpole. In gara uno ingaggia un duello maschio e spettacolare con il compagno di squadra che porta anche ad un contatto. La sfida è vinta da Tom, ma dopo il traguardo a vincere è la signorilità di entrambi. In gara due mena le danze sin dall’inizio e taglia il traguardo in solitaria. Donington Park è casa sua anche questa volta. Rinato!

JONATHAN REA 9: Il leader in classifica cerca in tutti i modi di arginare lo strapotere di Sykes. Questa volta, però, deve (si fa per dire…) accontentarsi di due seconde piazze. Nella prima manche, dopo un contatto con Sykes, usa la testa. Nella seconda manche dopo una bella imbarcata che poteva costargli caro, dalla settima posizione inizia una rimonta che lo porta secondo al traguardo. Risultati che nulla tolgono alla sua leadership. Coriaceo!

CHAZ DAVIES 8,5: La Panigale sembra non amare molto la pista inglese, ma Chaz ci mette molto del suo per regalare ai tifosi desmodromici due bei podi, il massimo risultato possibile. Costante, concreto, beffa Haslam per due volte. Grintoso!

LEON HASLAM 8: Nonostante i dolori non si è risparmiato. In gara uno sembra poter dire la sua per la vittoria, ma al termine è costretto a cedere anche l’ultimo gradino del podio. Anche al secondo via parte bene, ma tornata dopo tornata perde contatto con le verdone e con il podio. Per il rider di Derby la gara di casa è agrodolce. Sotto tono!

AYRTON BADOVINI 7+: Quinta e nona piazza per il biellese del Bmw Motorrad Italia Sbk Team. Un bottino cospicuo che testimonia ancora una volta la bontà del suo talento. Bravo!

KAWASAKI: La moto verde è di un altro pianeta (cit. Davies).

DUCATI: La moto rossa non ama molto l’asfalto inglese.

APRILIA: Un pochino malconcia.

SUZUKI: In crescita.

HONDA: Maluccio.

BMW: Consistente con il solo Badovini.

MV AGUSTA: L’impegno c’è ma occorre fare meglio.

GARE: Bella la prima, non molto bella la seconda.

TELECRONACA: Rangheri e Temporali sono una garanzia ed anche questa volta è emersa la loro bravura. Si è sentita, però, la mancanza dell’analisi tecnica di Biaggi.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5940 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.