SsangYong Tivoli, l’esclusività di una scelta

L’esclusività è così importante per l’uomo che ne ha segnato l’evoluzione, la decadenza, le guerre e le vittorie.

Ancora oggi cerchiamo, consciamente o inconsciamente, esclusività. La massificazione della società ha addirittura moltiplicato la richiesta e l’offerta. In qualsiasi campo.

Negli anni ’70 la berlina media del costruttore nazionale era offerta in tre versioni di carrozzeria, due cilindrate e tre livelli di allestimento. Per un totale di 12 combinazioni disponibili.

Oggi, la vettura dello stesso costruttore che si rivolge allo stesso pubblico tra motorizzazioni, alimentazioni, allestimenti e altro arriva a offrirne più di 60.

Perché tutti cerchiamo di essere diversi, ed è sempre più difficile esserlo.

Ai giorni nostri, quelli della civiltà sempre più massificata, per molti di noi l’esclusività si è svincolata dai valori un tempo legati ad essa: conoscenza, ricchezza, potere.

Si è, infatti, sempre più richiusa in una facile, e acquistabile, esplicitazione: quella di un Marchio.

Un Marchio che, magari nel passato, si è imposto all’attenzione dei connaisseurs per le caratteristiche di qualità dei suoi prodotti ai giorni nostri è comprato come elemento di distinzione, di dimostrazione; non tanto delle proprie capacità di discernere quanto della volontà di essere diversi.

L’ironia del nostro tempo è che, pur di possedere oggetti recanti quel Marchio, il pubblico è disposto anche a comprare, sapendolo, falsificazioni; facendo così decadere tutto il percorso di qualità che ha portato il Marchio a raggiungere il suo status.

La falsificazione soddisfa solo e unicamente il lato superficiale, estetico; perché non ha le caratteristiche di qualità intrinsecamente collegate al Marchio.

Ma, per fortuna, c’è la ricerca dell’esclusività “pensata”, che si basa – ancora oggi – su valutazioni di qualità e che non si ferma alla superficie di un Marchio.

E’ voglia non solo di differenziarsi, ma anche di vedere le cose in modo diverso, è capacità di autoaffermazione, di pensare prima di altri, di individuare il prossimo Marchio che sarà falsificato.

E’ la scelta di un determinato stile di vita che ci porta quindi ad essere esclusivi, non l’adozione di un Marchio.

E in questa scelta c’è, è centrale a essa, la ricerca della qualità. Del nostro tempo, delle nostre esperienze, delle nostre mete e di come ci arriviamo.

SsangYong Tivoli si propone a questo pubblico; e lo fa partendo da un Marchio poco noto ma ricco di qualità:

Qualità progettuale

Qualità costruttiva

Qualità distributiva

SsangYong Tivoli si presenta nel segmento, alla considerazione dell’acquirente se non vogliamo parlare in termini tecnici, che sta guidando il mercato: i Crossover/SUV compatti.

Una compagine nutrita, dove sono presenti numerosi concorrenti, ma che comunque sta riscontrando l’interesse del pubblico europeo.

SsangYong ha progettato questa vettura, le sue linee dinamiche e accattivanti, proprio per questo pubblico, per entrare compiutamente nella mente e nelle scelte degli europei, prima di tutto.

Non è una filosofia di progetto casuale: la maggioranza dei marchi globali ha origine o ha avuto consolidamento proprio in Europa, e quindi questa scelta la dice lunga sulla volontà di SsangYong Motors Corporation.

Per potersela giocare alla pari con Marchi Europei già recepiti e apprezzati SMC poteva soltanto fare di meglio, soprattutto in questa categoria.

Ecco perché alla già nota qualità di costruzione in stabilimento, che segue i rigidi controlli dettati dalla scuola tedesca, si è unita la scelta di utilizzare acciai speciali e alto-resistenti per gran parte dello chassis, coniugando durata nel tempo a sicurezza.

I materiali e i sottosistemi scelti e applicati in tutto il progetto si piegano a questa logica: proporre il meglio per poter quanto prima possibile risaltare agli occhi dei mercati europei; una via cui i costruttori asiatici ci hanno da tempo abituato.

SMC non ha rete di vendita diretta in Europa, si affida a realtà distributive locali, di lunga storia e grande competenza.

Operiamo così perché vogliamo avere una visione più realistica e immediata delle reali necessità dei mercati, sia per le esigenze della clientela sia per l’apprezzamento dei prodotti.

Realtà locali che riportano direttamente in fabbrica esigenze di mercato e differenziazione nelle pianificazioni, e che supportano il Marchio anche attraverso la capillare distribuzione logistica dei ricambi, presente in ogni mercato.

Su queste basi è stata realizzata SsangYong Tivoli, con l’intento preciso di porsi all’attenzione di quel pubblico europeo che sa riconoscere la qualità e far vivere un Marchio, anche se virtualmente nuovo, proprio perché sa guardare avanti.

E’ un pubblico, come detto, dinamico ma non esclusivamente giovane; un acquirente che sceglie la propria vettura per distinguersi, certo, ma in modo efficiente, compatibile con le proprie necessità.

Per soddisfare queste necessità SsangYong Tivoli si presenta con una gamma razionale ed efficiente, che parte da Start Tivoli, la versione base ma comunque dotata di contenuti di sicurezza e comfort al di sopra dello standard di categoria, per passare a Go Tivoli, una versione ancora più ricca e caratterizzata.

L’ultima versione, al vertice della gamma, è Be Tivoli, il cui nome esprime il concetto che sta dietro a tutto il progetto:

Be Tivoli significa, infatti, andare oltre mode e marchi e farsi orgogliosi endorsers di novità, di qualità della mobilità.

Necessità di mobilità cui SsangYong Tivoli risponde con i suoi motori 1.600 cc Euro 6, benzina, bi fuel (B/GPL) e diesel, cui si accoppiano trasmissioni manuali e automatiche (entrambe a sei marce) e trazioni anteriori e AWD.

Una cilindrata che si pone al centro della scelta di mercato; con potenze (Di 128 e 115 Cv rispettivamente) erogate in modo da massimizzare piacere di guida e sicurezza per tutta la famiglia.

Mobilità che si esprime ai massimi livelli della sicurezza: attiva e passiva.

Dallo sterzo controllabile elettricamente su tre livelli di risposta alla trazione AWD, con sospensioni posteriori multilink, su tutta la gamma sono presenti sistemi di controllo e di sicurezza cui il pubblico europeo è molto attento: ABS, ESP, Hill Start Assistant (HSA) che si combinano con freni a disco su tutte le ruote, gli anteriori autoventilati.

Sette airbag di serie e l’uso di acciai speciali, formati a caldo, per fornire ulteriore protezione agli occupanti posizionano SsangYong Tivoli ai vertici della categoria in Europa.

E le esigenze di personalizzazione iniziano a trovare risposte nella completa gamma di colori, cerchi e optional, cui si vanno ad aggiungere, su Be Tivoli, pacchetti caratterizzanti esterni e interni dall’ottimo rapporto contenuti/prezzo.

 “Visual” è un trattamento estetico che combina la verniciatura esterni bicolore, disponibili in quattro modalità, a particolari degli esterni modificati e a cerchi in lega da 18” con trattamenti superficiali in accordo ai colori carrozzeria.

 “Cool pack”, propone l’eleganza di interni in pelle, beige o neri, e ben si sposa ad un utenza attenta al proprio comfort e all’eleganza.

 “Hot pack” è invece quel tocco in più di aggressività, espressa dagli interni, anche per plancia e volante, in pelle bicolore rosso e nero: per chi osa aprire nuove strade.

Ecco quindi come, anche dal punto di vista della differenziazione modelli, SsangYong Tivoli si presenta molto bene all’utenza nazionale ed europea, con oltre 100 differenti combinazioni possibili, escludendo colori e pacchetti opzionali.

Combinazioni contenute in un range di prezzi che va dai 15.950 € di Start Tivoli, entry level, ai 19.550 € per accedere a Go Tivoli, già ricca di contenuti, sino ai 28.350 € di Be Hot Visual Tivoli Auto AWD, la versione più completa della gamma.

La differenza di listino tra le alimentazioni, come pure per le trasmissioni e le trazioni, èdi 1.800 €, con l’obiettivo di permettere a molti di costruirsi SsangYong Tivoli com’è nei loro desideri e nelle loro necessità.

SsangYong Tivoli è, quindi, una scelta possibile e, allo stesso tempo, esclusiva.

Una scelta per chi, tra gli automobilisti italiani ed europei, sa individuare la qualità e sceglierla.

Perché questa, il non piegarsi pedissequamente di fronte a Marchi, blasoni e mode, è l’unica vera esclusività che ci è rimasta.

loading...
Informazioni su Ruggero Terlizzi 3042 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it