10 dicembre 2016

Roma – Controlli mirati sulla prostituzione, oltre 120 persone controllate

La scorsa notte, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno svolto una vasta operazione di controllo del territorio finalizzata, in particolare, al controllo della prostituzione su strada in via Salaria, via dei Prati Fiscali, viale Tupini, viale Europa, viale America, viale dei Primati Sportivi, piazzale Francesco Parri, piazza Gandhi, viale Marconi, via Cristoforo Colombo, via Prenestina, via Palmiro Togliatti.

I controlli delle ragazze finalizzati a verificarne l’identità e la regolarità della loro posizione in Italia, hanno portato all’identificazione di 35 donne, tutte di nazionalità romena. Inoltre sono stati controllati 85 automobilisti/clienti, di cui 9 multati per violazioni al codice della strada.

Tra le persone che i Carabinieri hanno fermato nel corso dei controlli anche un cittadino albanese di 27 anni e uno romano di 48 anni, trovati in possesso di numerose dosi di cocaina e che sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti; un romano di 57 anni che si è opposto all’identificazione minacciando i Carabinieri con una siringa è stato arrestato per minaccia e resistenza a pubblico ufficiale; un cittadino romeno di 43 anni che da una verifica alla banca dati è risultato destinatario di un decreto di allontanamento dal territorio italiano è stato denunciato.

Nel corso delle operazioni di identificazione, i Carabinieri hanno inoltre cercato di approfondire le varie situazioni personali delle ragazze controllate, tentando di carpire informazioni utili per comprendere se siano vittime di sfruttamento ed eventualmente risalire ai soggetti dediti a tale illecita attività.

Tale iniziativa ha consentito ai Carabinieri di arrestare in flagranza di reato una ragazza di 25 anni, che si prostituisce in via Salaria, per avere chiesto dei soldi ad una connazionale di 38 anni per “concederle” l’utilizzo di un tratto di marciapiede per l’esercizio della prostituzione, facendo valere un presunto diritto di controllo su quella porzione di territorio. I Carabinieri hanno raccolto la denuncia della vittima la quale è stata aggredita e ferita al petto ed al gomito dalla collega, armata di un coltello a serramanico, riportando una prognosi di 7 giorni. La donna arrestata dovrà rispondere di estorsione e lesioni personali. Sono in corso indagini per capire se la donna abbia agito autonomamente o per conto di una organizzazione di sfruttatori.

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.