4 dicembre 2016

Fiumicino – Botta e risposta tra Calcaterra e Velli, ma la verità la sanno i lavoratori

Ancora questioni sull’incendio del Terminal 3 all’aeroporto di Fiumicino, un botta e risposta tra Stefano Calcaterra, PD, e Fabiola Velli, M5S, sta tenendo banco. Un banco che punta di nuovo i riflettori sulla lotta politica che sulla vera realtà dei fatti, sui lavoratori, sugli stagionali e sul pericolo reale di un allungamento del tempo di permanenza a casa di chi da anni vive con i contratti a tempo determinato.

Dopo la visita della Velli e di alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle è arrivata immediatamente la nota di Calcaterra: “Sono contento che anche il M5s, con la consigliera Velli e qualche parlamentare abbiano sentito la necessità di recarsi in gita dopo ben venti giorni dall’accaduto al Leonardo da Vinci per verificare le condizioni di lavoro degli aereoportuali dopo il grave incendio subito al Terminal 3. Il Partito Democratico di Fiumicino e tutta la maggioranza insieme al Sindaco Esterino Montino da subito, sono stati presenti nel luogo del disastro e in mezzo ai lavoratori coinvolti. Vorrei dire che i lavoratori dell’aeroporto dal 2008, ne hanno viste tante di passerelle fine a se stesse, o forse purtroppo di ordine propagandistico a fini elettorali. Quello che invece serve ai lavoratori non è certo la testimonianza o la pacca sulle spalle, ma un intervento serio della politica che da un lato chieda ad ADR come sia stato possibile il disastro e come fa a continuare a chiedere il raddoppio del sedime mentre una parte importante del Hub che già c’è si è incenerito, e dall’altro è chiedere, come già fatto dalle OO.SS. di settore, l’apertura di un tavolo regionale aperto a tutti i soggetti coinvolti dalla situazione con 2 obiettivi : 1) individuare e mettere in opera immediatamente tutti gli interventi sulla sicurezza e sulla salubrità del sito a difesa dei lavoratori e dei passeggeri;
2) individuare anche qui velocemente, tutte le soluzioni propedeutiche ed idonee per il contenimento delle possibili ricadute occupazionali che ci potrebbero essere a breve;
Fare le passerelle, per farne poi solo un comunicato stampa è retorico e sgradevole”.

Non si è fatta attendere la risposta di Fabiola Velli: “Ancora una volta il PD Fiumicino,nelle parole espresse dal sig. Calcaterra, ha dimostrato vedute limitate e ottuse.
Invece di apprezzare il fatto che tutte le forze politiche presenti sul territorio, compreso il MoVimento5Stelle, stanno cercando di mantenere l’attenzione dei media, e sopratutto di magistratura e parlamento sull’incendio dell’aeroporto, in modo da stabilire le responsabilita’ e non far si che a pagare siano sempre e solo i cittadini, il segretario della sezione locale PD, ha preferito criticare con motivazioni ridicolmente inconsistenti ogni iniziativa portata avanti da chi non indossa la sua stessa divisa.
Il sopralluogo dei parlamentari pentastellati a 13 giorni dall’incendio, ha avuto lo scopo di denunciare tutto quello che ad oggi non è statto fatto, nonchè le condizioni insalubri in cui i dipendenti sono costretti a lavorare, senza sapere quali materiali siano effettivamente bruciati nel rogo.
Sgradevole è nascondere la verita’ ai cittadini, ai quali non interessa il colore politico delle persone oneste che fanno i loro interessi.
Il fatto che il bene di tutta la cittadinanza e gli interessi della comunita’ territoriale siano valori superiori ai meschini interessi partitici, è un concetto che sfugge al povero Calcaterra, rimasto fedele ad un modo gretto e limitato di fare politica, che impone di attaccare sempre a testa bassa chiunque non sia della stessa squadra, indipendentemente da quello che dice o fa, e che ormai ha davvero il sapore della preistoria.”

La verità la dice un lavoratore stagionale da nove anni:Dopo l’incendio tutte le forze politiche si stanno dando da fare per tutelare i lavoratori, quello che mi chiedo è prima dove stavano? Io sono nove anni che faccio lo stagionale lavorando con una pressione psicologica terribile, lavorando con la paura che ad ogni fine contratto non ti richiamino più, con i sindacati che non ci tutelano, mi domando dove erano le forze politiche?”

About Giovanni Soldato 2949 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.