6 dicembre 2016

Ladispoli – M5S: “Mala politica e sperpero di soldi.”

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Ladispoli, città della propaganda. Non troviamo altro modo di definire le ingenti spese che questa Amministrazione allo sbando dedica al settore della “comunicazione”.

200 mila euro annui, di cui 100 mila dedicati al Gazzettino di Ladispoli, vero cuore della propaganda governativa, per giunta neanche stampato su carta riciclata, un doppio spreco. Come non bastasse, veniamo a conoscenza dell’assunzione di una persona nello staff del sindaco, tramite chiamata diretta. Persona che si dedicherà alla comunicazione istituzionale sulla campagna di recupero di torre Flavia. Peccato non ci risulti alcun progetto di recupero per il monumento ormai a rischio di crollo.

E’ curioso come questa amministrazione da una parte lamenti continuamente la scarsità di fondi per la gestione della città, dall’altra sperperi soldi pubblici, cioè dei cittadini, per questioni di dubbia utilità per i cittadini stessi.

Già in passato abbiamo denunciato la schizofrenia di certe scelte. Continuiamo ad osservare che questa maggioranza, apparentemente immobile, se non quando si tratta di approvare nuove colate di cemento, continua a procedere senza progetti, senza una visione di città. Con pressappochismo si sta affrontando un passaggio epocale come quello dell’estensione a tutta la città della raccolta porta a porta dei rifiuti. Con altrettanto pressappochismo sono state sfrattate temporaneamente dalla loro sede, con grande disagio dei volontari che vi svolgevano la propria attività, due importanti associazioni che operano nel sociale, per organizzare una manifestazione, lo Street Art, che si sta rivelando un flop. Auspichiamo che la politica possa andare incontro alle richieste delle associazioni in questione per la creazione della “Cittadella della solidarietà”. Si favorirebbe così il lavoro di persone che mettono anima e corpo al servizio dei più deboli.

Sempre a proposito di sprechi di denaro pubblico, l’attuale amministrazione non riesce a risparmiare neanche quando il risparmio viene suggerito direttamente dai dipendenti comunali. E’ il caso degli autisti degli scuolabus, ai quali è stato revocato il servizio per le colonie e le gite scolastiche (lasciato nelle mani dei privati, con costi triplicati per i cittadini). Gli autisti hanno proposto di essere impiegati nella pulizia delle spiagge, che nel 2014 aveva un costo di circa 87 mila euro (addirittura 150 mila euro preventivate per il 2015) garantendo così al Comune un notevole risparmio, ma pare che la scelta ricadrà sulla solita cooperativa pigliatutto.

Un’amministrazione attenta al risparmio potrebbe reinvestire questi soldi nelle politiche sociali, che continuano ad essere la cenerentola dell’amministrazione, e che dovrebbero essere la prima voce di spesa di un paese civile. Intendiamoci, anche qui girano cifre da capogiro, vedi i 200 mila euro annui per mantenere 6 ragazzi in case famiglia, come denunciato pochi giorni fa da un esponente politico della stessa maggioranza. Eppure, nonostante queste cifre altissime, gli operatori che accompagnano e svolgono attività con le persone disabili sono pagati 6 euro l’ora e negli anni le famiglie si sono viste ridurre le ore di assistenza, soprattutto nel periodo estivo, causando disagi ai genitori che lavorano. Sembra quasi che il Comune si preoccupi più del welfare delle società che erogano servizi alle persone bisognose, piuttosto che degli utilizzatori finali.

Si amministra male e in situazioni di continua emergenza. Ma si sa che l’emergenza in politica raramente è casuale. Perché l’emergenza apre le porte agli interessi e alle speculazioni dei soliti noti.

E torniamo al punto di partenza, alla propaganda che viene in soccorso della mala politica. Come qualche giorno fa, quando Cagiola, presidente della Commissione Bilancio, dichiarava: “Nonostante la nota crisi economica che attanaglia gli enti locali, abbiamo mantenuto l’impegno assunto con i cittadini a non ritoccare l’addizionale Irpef. L’aliquota resta allo 0,8 per mille. E’ uno sforzo economico non indifferente che abbiamo effettuato per non gravare sui bilanci delle famiglie di Ladispoli”. Peccato che Cagiola stia prendendo in giro i cittadini, perché l’aliquota a Ladispoli è già alla soglia massima e quindi impossibile da aumentare. Ricordiamo poi un piccolo particolare. Cagiola e Ruscito, eletti all’opposizione, sono passati ufficialmente nella maggioranza di centro-sinistra. Fanno da stampella a una amministrazione in crisi, ottenendo in cambio incarichi istituzionali e peso politico sulle decisioni da prendere.

Sono tutte cose che i cittadini ricorderanno alle prossime elezioni.

[/quote]

Movimento 5 Stelle – MU di Ladispoli

Riceviamo e pubblichiamo