5 dicembre 2016

BMW Motorrad “Concept 101”

ll Concorso d’Eleganza Villa d’Este riunisce ogni anno sulle rive del Lago di Como gli esemplari più affascinanti della mobilità del passato e del futuro su due e quattro ruote in occasione di un appuntamento assolutamente eccezionale. In questo punto d’incontro tra tradizione ed era moderna BMW Motorrad presenta nuovamente un studio mozzafiato: la BMW Motorrad “Concept 101”.

“La “Concept 101“ dà seguito alla storia delle nostre Concept bike. Essa presenta l’interpretazione BMW delle highway senza fine, del sogno di libertà e d’indipendenza, è un simbolo dell’”American Touring”. Per noi il progetto di questa Big-Tourer è stato molto emozionante, perché finora non ci eravamo occupati mai di un concetto di moto di questo tipo. Per me la “Concept 101” è il simbolo di eleganza, di forza e di lusso su due ruote”, commenta Edgar Heinrich, Responsabile di BMW Motorrad Design, il carattere della Concept bike.

Simbolo di potenza e di esclusività
Il numero 101 in “Concept 101” indica la cilindrata della Concept bike che ha le proprie origini negli USA. I sei cilindri dalla cilindrata di 1.649 cc corrispondono a circa 101 cubic inches, l’unità di misura americana della cilindrata. La “Concept 101” lascia dietro di sé i semplici valori in CV e di accelerazione: infatti, quello che conta è solo l’affascinante esperienza di guida, caratterizzata da forza e, contemporaneamente, silenziosità. La coppia enorme del motore sei cilindri in linea assicura una spinta straordinaria in ogni situazione di guida.

Ma non è tutto: il numero 101 descrive anche il luogo di nascita della moto. Non lontano dalla Highway 101, negli studi di design della Designworks a Newbury Park, un’affiliata del BMW Group, i designer di BMW Motorrad hanno creato, in collaborazione con i colleghi di Designworks, una motocicletta del tutto particolare che estende i limiti di prestigio ed esclusività finora validi, definendo così un’interpretazione di modello Tourer completamente nuova. “Nello sviluppo della “Concept 101” abbiamo perseguito un’idea molto chiara: con il motto “The Spirit of the Open Road“ volevamo costruire una moto a sei cilindri potente, emozionante e altamente esclusiva che trasforma ogni uscita in un’esperienza speciale. Una bike che mi lascia dimenticare la meta, perché conta solo il presente”, spiega Ola Stenegard, Responsabile Design motociclette in BMW Motorrad.

Il concetto ha trovato la propria realizzazione nell’interpretazione BMW di un modello “bagger”, un esclusivo tipo di custom-bike, popolare soprattutto negli USA. Da lontano salta immediatamente all’occhio la silhouette slanciata e aerodinamica. A differenza del frontale basso e la coda alta delle moto supersport, la BMW Motorrad “Concept 101” si distingue per il tipico profilo a goccia dei modelli bagger, con la carena anteriore che rappresenta il punto più alto. La sottostante ruota anteriore appare trascinare dietro di sé la silhouette bassa e slanciata. Contemporaneamente, la forma caratteristica dona l’impressione che la motocicletta stia per scattare in avanti. Due valigie laterali integrate aerodinamicamente completano il tipico modello bagger.

Precisione ed emozione
Il flusso delle linee che scorre senza interruzione dal frontale alla coda simbolizza l’esperienza di guida in sella alla “Concept 101”. Nel profilo filante, linee precise e superfici modellate con la massima cura disegnano il corpo atletico della moto. Nasce così un contrasto dinamico tra i movimenti fluidi e la loro definizione puntuale che accentua il carattere della motocicletta. La suddivisione orizzontale in due aree cromatiche sottolinea ulteriormente l’impressione generale di una moto bassa. Mentre la sezione inferiore, con la potente meccanica, è verniciata in nero, la sezione superiore, che trasmette un’aria di eleganza e raffinatezza, è realizzata in colori più chiari.

Il disegno dinamico della carena anteriore in alluminio spazzolato si inserisce perfettamente nel linguaggio formale, marcato da linee filanti e passaggi fluidi. Il proiettore frontale dal distinto look a doppio cerchio, incastonato nella sezione frontale, le conferisce un’espressione intensa e caratteristica. Qui nasce anche la tipica Split face che si estende lungo l’intera moto, fino alla coda, sotto forma di un rivestimento in alluminio spazzolato. Due marcati pannelli laterali avvolgono la carena anteriore, formando così la larga sezione di spalla che accentua ulteriormente la forza della “Concept 101”. A ogni lato un terminale di scarico con tre uscite visualizza il numero di cilindri e la conseguente potenza, nonché l’elevata coppia del propulsore. Contemporaneamente, i due terminali provvedono alla formazione di un sound adeguato, così da esprimere anche a livello acustico il potenziale del sei cilindri.

La vista posteriore conclude armonicamente l’immagine. Un highlight particolare è la speciale luce posteriore. L’unità dalla forma di due nastri a LED incornicia la sezione posteriore, verniciata scura. La configurazione delle luci ricorda formalmente le moto di una volta.

High Performance, High Tech, High Value
Il disegno della “Concept 101” esprime in ogni dettaglio, fino ai colori e ai  materiali utilizzati, potenza, modernità ed esclusività. Le carene laterali e le valigie sono state impreziosite da una sofisticata verniciatura bicolore: argento chiaro incornicia la carena, mentre la superficie interna è tenuta in una tonalità d’argento più scura, con una quota maggiore di effetti metallizzati. Una linea dipinta a mano separa la due zone cromatiche. Una sfumatura di vernice conferisce maggiore profondità al lato interno della linea dipinta a mano. La dinamica carena frontale in alluminio spazzolato, non verniciato, crea un tocco stilistico più freddo. Nella sezione inferiore della motocicletta il messaggio tecnico e moderno dell’alluminio viene completato da generose superfici in carbonio dalla lucentezza setosa.

Al centro tra le superfici verniciate colore argento, l’alluminio spazzolato e il carbonio, le superfici in legno scuro creano un caldo ed esclusivo contrappunto. Il legno, fresato con cura e semplicemente oliato, sottolinea con la propria nervatura non troppo intensa la grafica orizzontale dei fianchetti. Il nome del modello è stato integrato nella superficie di legno sia come sofisticato intarsio in alluminio che con una targhetta. L’aria di esclusività si estende anche alla sella, composta da due qualità di pelle: la sottile pelle nera ai lati dona alla pelle nera perforata della superficie di seduta un tocco supplementare di eleganza.

In cooperazione con la Roland Sands Design
A solo mezzora da Newbury Park, nel cuore dell’ambiente delle custom bike di Los Angeles, la Concept bike ha ottenuto la propria figura reale dalla Roland Sands. In stretta collaborazione con il BMW Motorrad Designteam, la Roland Sands ha assemblato nelle proprie officine i componenti esclusivi della  “Concept 101”. BMW Motorrad e l’azienda specializzata in custom bike collaborano già da diversi anni e guardano indietro a una serie di progetti ricchi d’ispirazione, ad esempio la Concept Ninety. Le conoscenze dell’ambiente e la grande competenza nel custom-building, completate dalle possibilità e la storia di BMW Motorrad, rappresentano una combinazione emozionante. Nella sua officina, lo specialista ha assemblato numerosi componenti della BMW Motorrad “Concept 101”, realizzando alcuni elementi in esclusivo lavoro manuale. Per esempio, le “Signature Machine Parts”, come il coperchio della frizione, il coperchio della catena della distribuzione e le ruote, sono impreziosite dal logo Roland Sands, ricordando in modo elegante la collaborazione che si è affermata nel corso degli anni. La lavorazione dei materiali e l’esecuzione tecnica riflettono lo “stato dell’arte”, confermando il principio fondamentale di BMW Motorrad: precisione ed emozione.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.