10 dicembre 2016

A Roma inaugurato il registro delle unioni civili

Roma si veste da Capitale dei diritti, e con una grande festa in Campidoglio inaugura il registro delle unioni civili, approvato dall’Assemblea capitolina il 28 gennaio scorso, con l’iscrizione delle prime 17 coppie: coppie di tutti i tipi, 7 di uomini, 4 di donne e 6 di uomini e donne, omosessuali ed eterosessuali, che insieme alle proprie famiglie, genitori, figli e amici, hanno partecipato al ‘Celebration Day’ organizzato nella sala della Protomoteca di Palazzo Senatorio e celebrato dall’assessore alle Pari opportunità di Roma Capitale, Alessandra Cattoi. Insieme a lei, a registrare le unioni anche i consiglieri capitolini Imma Battaglia (Sel), prima firmataria della delibera che ha istituito il registro, Giulia Tempesta (Pd), Svetlana Celli (Lista Marino), Riccardo Magi (Radicali), Massimo Caprari (Cd) e Virginia Raggi (M5S), il presidente dell’Assemblea capitolina, Valeria Baglio, e ancora i consiglieri Gemma Azuni (Sel), Fabrizio Panecaldo (Pd), Gianluca Peciola (Sel) e Francesco D’Ausilio (Pd).

“Oggi è una giornata da segnare sul calendario, registriamo le prime coppie e quindi registriamo i diritti. Coppie di uomini, di donne, di uomini e donne, semplicemente coppie che si amano e che vogliono suggellare la loro vita insieme”, ha detto Cattoi. Ancora una volta diciamo che a Roma l’amore conta e i diritti contano, che tutte le persone hanno pari dignità come dice la bellissima Costituzione, che vanno rimossi gli ostacoli all’uguaglianza dei diritti di tutti i cittadini”. Poi un appello al Parlamento: “Le unioni civili devono essere legge anche in Italia”.

È stata poi la consigliera Battaglia, accompagnata da Eva Grimaldi, seduta nel pubblico, a celebrare la prima unione, quella di Michela Andreozzi e Massimiliano Vado: “È vero che questo non è un matrimonio, ma è un evento importante: io ho scelto di non registrarmi oggi ma di prendere un impegno con voi, che siete e sarete per sempre pionieri di questa nostra battaglia”, ha detto loro Battaglia, prima di lasciare i ‘piccioncini’ allo scambio degli anelli e al bacio che ha suggellato la prima unione civile della storia del Campidoglio.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.