11 dicembre 2016

Nuova Honda CRF1000L Africa Twin

Honda è orgogliosa di annunciare il ritorno di uno dei nomi più celebrati ed evocativi della produzione motociclistica mondiale: Africa Twin.

Dopo aver mostrato la direzione intrapresa dallo sviluppo del nuovo modello con il prototipo True Adventure esposto lo scorso novembre ad Eicma 2014, Honda conferma ora che la nuova CRF1000L Africa Twin sarà disponibile nei concessionari di tutta Europa alla fine del 2015.

Alcune moto rappresentano la perfetta sintesi di come dovrebbe essere una maxi‑enduro. La prima leggendaria XRV650 Africa Twin – che debuttò nel 1988, dopo tre delle quattro vittorie consecutive di Honda alla Parigi-Dakar* – era quel tipo di moto. La sua capacità di andare ovunque, l’eccezionale robustezza, la facilità di guida, l’incredibile maneggevolezza e l’ottimo comfort nell’uso quotidiano, ne fecero la compagna ideale con cui esplorare il mondo. Nacque così un segmento di moto che con il passare degli anni si è oggi trasformato nel più importante del mercato.

CRF1000L-Africa--Twin-(1)La nuova CRF1000L Africa Twin rimane fedele all’indole off‑road della mitica XRV650 e della successiva XRV750, con l’aggiunta di tutta l’esperienza accumulata dai progettisti Honda negli ultimi vent’anni, compreso il ritorno del Team HRC Rally alla Dakar 2013**.

Inoltre, altro primato nella categoria delle maxi‑enduro, la nuova CRF1000L Africa Twin sarà disponibile, a scelta, anche con l’ultima evoluzione del cambio sequenziale a doppia frizione Honda DCT (Dual Clutch Transmission)***, la tecnologia di grande successo che ancora oggi, a cinque anni dalla sua prima introduzione, solo Honda è in grado di offrire. L’ultima evoluzione del DCT Honda è stato specificatamente sviluppato e messo a punto per offrire una grande efficacia in fuoristrada, la stessa di cui il nome Africa Twin è sinonimo.

La nuova CRF1000L Africa Twin nasce per ridefinire i parametri di cosa una maxi‑enduro di grande cilindrata può e deve essere in grado di fare, sia su strada che in fuoristrada, e apre un intero nuovo capitolo nella leggendaria storia delle moto ‘dual-purpose’ Honda create per vivere la saga True Adventure. 

Note

* La NXR750V, il prototipo da competizione sviluppato nella seconda metà degli anni Ottanta dalla HRC per sfidare le durissime condizioni della Parigi-Dakar, vinse il terrificante rally africano nel 1986 e 1987 nelle mani di Cyril Neveu, nel 1988 con l’italiano Edi Orioli e di nuovo nel 1989 con l’indimenticato Gilles Lalay. La versione stradale XRV650 Africa Twin fu prodotta tra il 1988 e il 1989 dalla HRC in omaggio alle gesta di questi eccezionali piloti e gettò le basi per le successive versioni di quella che ben presto divenne una moto leggendaria.

Alla fine del 1989 fu lanciata la XRV750 Africa Twin che divenne rapidamente il termine di paragone nel segmento delle maxi-enduro. Il motore era un bicilindrico a V da 742 cc con testate a 3 valvole e raffreddamento a liquido capace di una potenza massima di 45 kW (61 CV) e di un picco di coppia pari a 62,7 Nm. Disponeva di sospensioni a lunga escursione, serbatoio benzina di grande capacità, trasmissione finale a catena, ruota anteriore da 21 pollici – per attingere a una vasta scelta di pneumatici off-road – e impianto frenante con doppio disco anteriore. Aggiornata due volte con modifiche alla ciclistica e allo stile, rimase in produzione fino al 2003 ed è ancora oggi una moto ricercatissima, con quotazioni piuttosto alte per gli esemplari in migliori condizioni.

** Dopo 24 anni di assenza, Honda è tornata in veste ufficiale alla Dakar nel 2013 con il Team HRC. Per quell’edizione della gara (che dal 2009 si corre in America Latina) Honda ha sviluppato la CRF450 Rally – una moto da competizione basata sulla monocilindrica da enduro CRF450X – schierando tre piloti. Al debutto fu raggiunto l’obiettivo primario di portare a termine la competizione con tutte e tre le moto.

Nel 2014, con una CRF450 Rally completamente nuova, il Team HRC ha schierato una squadra di 5 piloti, ottenendo con il pilota di punta – lo spagnolo Joan Barreda – ben 5 vittorie di tappa.

Il 2015 ha visto il Team HRC arrivare ancora più vicino all’obiettivo della vittoria, con il pilota portoghese Paulo Gonçalves classificato in seconda posizione sul podio di Buenos Aires. Il Team HRC ha fatto registrare il maggior numero di vittorie di tappa e Joan Barreda è stato il leader indiscusso nella prima settimana del rally, collezionando più vittorie di tappa di qualunque altro pilota nella Dakar 2015. Laia Sanz, nona al traguardo finale, ha superato tutti i suoi obiettivi personali, entrando nella storia come la donna pilota meglio classificata nella storia della Dakar.

About Giovanni Soldato 2970 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.