5 dicembre 2016

Roma – Orti in città: condivisione e attenzione per il biologico

A Roma si stanno moltiplicando gli orti urbani: come sta avvenendo già in altre città d’Europa, infatti, le aree verdi e gli spazi pubblici stanno diventando il teatro della sperimentazione di modelli nuovi per quanto riguarda il territorio pubblico, in cui ambiente e natura vengono messi al primo posto. Ad essere coinvolte sono innanzitutto le zone abbandonate, che vengono così restituite alla cittadinanza come spazi nuovi di cui godere. Tutto ciò a dispetto di un’amministrazione comunale che non ha mostrato grande attenzione verso l’iniziativa, di cui si sono fatti carico i cittadini.

In Europa e nel resto del mondo è già in voga da tempo la pratica di recuperare zone cittadine abbandonate e restituirle all’utilizzo pubblico, migliorando così non solo l’aspetto della città ma anche il tessuto sociale, per di più dando nuova vita al senso civico se queste zone vengono adibite ad orti biologici. Tale pratica ha però radici ancora più distanti e risale addirittura al 1870, quando proprio a Roma si contavano decine di orti sia dentro che fuori le mura e alcuni di questi orti sono esistenti a tutt’oggi. Lo stato di incuria del verde urbano negli ultimi anni aveva raggiunto livelli di guardia, ecco quindi che i cittadini di Roma hanno deciso di intervenire di loro iniziativa.

E così in appena un anno gli orti biologici ed i giardini presenti nella Capitale hanno registrato un incremento del 50%, passando da un centinaio circa ad oltre 150. Alla base di questa espansione di aree verdi c’è Zappata Romana, un sito web visitato ogni anno da circa 30 mila persone sul quale viene costantemente aggiornata la situazione “verde” di Roma. All’interno, infatti, si trovano per prima cosa manuali, linee guida ed informazioni varie su ciò che è necessario fare per adottare un’area verde. Sulla mappa, poi, sono riportante info sulle zone verdi già esistenti.

Viene mostrata la localizzazione di giardini e orti, con una fotografia dell’area verde e un breve testo descrittivo. Il messaggio lanciato da Zappata Romana si ispira ad Obama, e quel “si può fare” ha trovato un riscontro positivo fra i romani che hanno deciso di intervenire anche per ovviare all’immobilismo mostrato dall’amministrazione comunale sotto questo aspetto. Orti e giardini sono stati il primo passo, a cui sono seguiti campi di basket e calcio, palestre all’aperto e aree dedicate agli animali.

Gruppi di cittadini si sono messi d’accordo per prendersi cura delle aree abbandonate, dando vita a diverse aree il cui valore pubblico oggi è sotto gli occhi di tutti. Bastino, per comprendere, gli esempi delle aree verdi ripristinate sulla Veientana, a Centocelle e sull’Appia Nuova. Ci sono poi casi in cui a curare il verde di una determinata zona è una sola persona: a Mostacciano, ad esempio, è il signor Piero l’unico ad avere in carico l’area verde e, per quanto appassionato, è in cerca di qualcuno che gli dia una mano. Più organizzati invece gli abitanti di Osteria del Curato, che hanno affidato un albero ad ogni cittadino.

All’interno del “Parco regionale” dell’Appia Antica è di interesse particolare il progetto denominato Hortus Urbis: si tratta di un orto didattico nel quale si trovano piante antico romane; ogni domenica l'”Hortus Urbis” è teatro di laboratori dedicati ai bambini. La situazione delle numerosi aree verdi curate da privati cittadini contrasta con il verde che potrebbe essere definito “comunale”: esiste, infatti, solamente un orto urbano gestito dal Comune che è costato più di 400 mila euro.

A quest’unica area verde disponibile se ne dovrebbero aggiungere altre quattro che però risultano ancora in gestazione e le tempistiche sono quanto mai incerte. Intanto, come spessissimo avviene quando si parla di “cosa pubblica”, i costi lievitano: ognuna di queste quattro aree verrà a costare circa 70 mila euro. Un chiaro esempio, tipicamente italiano, di gestione poco illuminata, reso ancora più lampante da quello che sono stati in grado di fare dei privati cittadini con un’organizzazione, e soprattutto fondi, ridotti all’osso.

La burocrazia e gli ostacoli amministrativi si rivelano, una volta di più, un danno non di poco conto; sarebbe sufficiente, infatti, garantire ai cittadini la possibilità di organizzare e gestire spazi pubblici con finalità culturali, ambientali e di solidarietà a livello economico e sociale per poter replicare su larga scala ciò che già si può vedere in alcune zone di Roma. Spazi verdi nati grazie all’iniziativa spontanea dei cittadini e di cui tutta la cittadinanza può usufruire.

Monica F.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.