5 dicembre 2016

San Basilio – 18enne tenta il suicidio per una delusione d’amore

L’altrasera poco prima delle 21.00, in una via del quartiere di San Basilio. All’origine una storia d’amore appena conclusa. All’interno di un’abitazione un ragazzo, 18enne, si chiude in bagno piangente ed in preda alla disperazione.

Un uomo e la sua compagna, madre del ragazzo, tentano di parlargli, cercano di rincuorarlo. Ma la porta del bagno rimane chiusa a chiave e dall’interno non si ode alcuna risposta e nessun movimento. Così l’uomo non perde tempo e chiama il 113 della Questura di Roma raccontando all’operatore della Polizia di Stato quanto stesse accadendo.

Immediato l’invio della volante presso l’abitazione, dove gli agenti, dopo aver tentato invano una risposta dal giovane, decidono prontamente di abbattere la porta del bagno trovando il ragazzo con la testa immersa nell’acqua all’interno del lavandino con il corpo completamente abbandonato, nonché diversi medicinali sparsi sulla lavatrice lasciandone immaginare l’abuso.

Fulmineo e deciso l’intervento degli agenti che, soccorso il ragazzo ormai privo di conoscenza e in difficoltà respiratoria, contestualmente hanno richiesto con la massima urgenza l’intervento dell’ambulanza.

Con il corpo del ragazzo ormai rigido ed in preda alle convulsioni, i poliziotti hanno deciso, d’accordo con la madre del 18enne e dell’uomo, di trasportarlo in strada per permettere immediatamente i primi soccorsi all’arrivo degli uomini del 118, giunti subito dopo.

Trasportato d’urgenza presso l’ospedale Sandro Pertini, il ragazzo è stato sottoposto ad una lavanda gastrica per avvelenamento da farmaci e successivamente dichiarato fuori pericolo.